Furti di smartphone in aumento, ecco che cosa fare

I consigli dei Carabinieri per chi resta vittima di un furto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-12-2015]

furto smartphonee

L'Arma dei Carabinieri ha realizzato una ricerca sul fenomeno del furto dei telefonini in Italia da cui risultano non pochi dati interessanti.

L'analisi dell'andamento dei furti e delle rapine a danno dei telefonini ha rilevato un costante incremento di questo fenomeno. Sono infatti circa 130.000 le persone che in Italia hanno subìto un reato nel solo triennio tra il 2012 e il 2014 e circa 32.000 di questi reati sono avvenuti nelle grandi città e riguardano i telefoni cellulari: 7.689 a Roma, 5.313 a Milano, 4.305 a Torino, 3.525 a Napoli, 2.013 a Bologna, 1.955 a Palermo, 1.801 a Firenze, 2.004 a Bari, 1.500 a Catania, 1.358 a Venezia e 988 a Padova.

Questi dati sono ovviamente stati raccolti attraverso le regolari denunce presentate ai comandi dei Carabinieri e ai commissariati e posti della Polizia di Stato e locale.

I dati rivelano come la maggior parte delle vittime subisca il furto del telefonino direttamente dalla propria persona oppure quando esso viene lasciato momentaneamente incustodito in un locale pubblico.

Le vittime del furto del cellulare sono in maggioranza giovani fra i diciannove e ventiquattro anni, e principalmente di sesso femminile. Ciò si spiega probabilmente considerando il fatto che spesso le signore portano i propri telefonini nelle borsette mentre gli uomini nelle tasche, più difficilmente raggiungibili dalle mani dei ladri.

Cresce anche il numero dei telefonini rubati ai giovanissimi sin dai tredici anni: dai 200 del 2013 ai 223 del 2014.

La quantità di dati analizzata non consente, al momento, di stabilire con assoluta certezza la marca di cellulare oggetto di reato, anche se i Carabinieri fanno sapere che il dato sarà disponibile a breve.

La maggior parte dei furti, come si poteva prevedere, avviene nella pubblica via e sui veicoli in sosta (rispettivamente 28% e 24%), quindi in locali ed esercizi pubblici (20%).

Sondaggio
Quando devo spostarmi, lo smartphone mi viene comodo soprattutto per...
Consultare le previsioni del tempo.
Navigare le mappe di una città online.
Consultare le informazioni relative a negozi, bar e ristoranti della zona.
Consultare le informazioni relative al trasporto pubblico (autobus, treni, aerei e via dicendo).
Prenotare un taxi o una macchina Uber o un car sharing.

Mostra i risultati (1174 voti)
Leggi i commenti (5)

L'indagine mostra come il furto di cellulari avvenga prevalentemente (34%) dalle ore 12.00 alle 17.00, a differenza di quanto ci si potrebbe aspettare (si potrebbe essere portati infatti a pensare che i furti siano più frequenti durante le ore notturne).

Per quanto riguarda gli autori dei furti a cui è stato, finora, possibile risalire emerge che nel 47% dei casi se la vittima è un uomo italiano il furto è perpetrato da un connazionale e nel 39% dei casi da uno straniero. Se la vittima è invece una donna italiana nel 44% dei casi l'autore è un uomo italiano e nel 35% dei casi da un uomo straniero.

I Carabinieri, al fine di prevenire i furti dei telefonini, danno anche agli utenti alcuni semplici consigli:

1. Indirizzare la scelta d'acquisto di un apparato anche in base ai suoi sistemi di sicurezza.
2. Registrare sempre la propria utenza sui siti dei produttori, tenendo aggiornato il sistema operativo e registrando la propria IMEI (International Mobile Station Equipment Identity).
3. Non abbandonare mai il proprio telefono, soprattutto in un luogo pubblico (come bar, ristoranti e discoteche), rivelatisi i posti preferiti dai ladri.
4. Attivare le applicazioni che consentono l'immediata distruzione dei propri dati personali una volta smarrito il cellulare. La medesima applicazione consentirà poi di ripristinarle.
5. in caso di smarrimento/furto del dispositivo provvedere immediatamente alla denuncia, da trasmettere subito al proprio operatore, in modo tale che le forza di polizia possano tracciare il dispositivo e la compagnia possa disabilitarlo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 20)

@Maary79 Si si, ovviamente il backup online è una condizione necessaria. In ogni caso "La medesima applicazione consentirà poi di ripristinarle" è un po' fuorviante. Il backup automatico di foto e quant'altro è possibile sempre visualizzarlo online da qualsiasi postazione, senza alcuna applicazione dello smartphone. ... Leggi tutto
30-12-2015 18:54

Presumo che sia proprio necessaria la sincronizzazione dei propri dati sul cloud che mette a disposizione l'app, o anche che offre il sistema operativo dello smartphone (Google, MS, ecc..). Se l'utente ignora tali funzioni, siamo sempre daccapo...piangerà dopo... Leggi tutto
28-12-2015 15:32

Di nulla, :wink: però ammetto che hai ragione, registrarla in un sito? Direi pittosto registrarla grazie ad un app (che lo fa in automatico) o nel sito dell'app, oppure segnarsela, o tenere la scatola del cellulare (dove sta scritta). Contraccambiati anche gli auguri! Leggi tutto
28-12-2015 15:20

"4. Attivare le applicazioni che consentono l'immediata distruzione dei propri dati personali una volta smarrito il cellulare. La medesima applicazione consentirà poi di ripristinarle." In che senso? Magari fosse vero! Se i dati risiedono sul cellulare (es foto e quant'altro) non sincronizzati, la vedo un po' dura (per usare... Leggi tutto
28-12-2015 12:03

{1421}
grazie a Maary79 per il link, in cui però non viene mai detto di registrarlo su alcun sito, nè di produttori nè altro, anzi si capisce che è inutile, al massimo consiglia di "segnarselo". Auguri a tutti gli spiritosoni.
18-12-2015 19:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa ne pensi del ritocco digitale dei film classici (non solo di fantascienza)?
E' un falso storico; i film vanno visti come furono girati.
E' necessario, per evitare che certi film vengano dimenticati.
Va bene, basta che sia indicato chiaramente.
Non me ne può fregar di meno.

Mostra i risultati (3312 voti)
Ottobre 2022
DALL-E diventa libero e gratuito: immagini sintetiche per tutti
Settembre 2022
Google ti avvisa se i tuoi dati finiscono nel web
La “tanica di benzina” per le auto elettriche
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 ottobre


web metrics