Fondatore di The Pirate Bay crea la macchina per la pirateria

Fa milioni di copie di brani musicali ogni giorno: manderà in bancarotta l'industria musicale, oppure forse svelerà l'illogicità dei danni astronomici richiesti ai pirati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-12-2015]

sunde kopimashin

Quando si finisce nei guai per "pirateria", ossia per la distribuzione online di contenuti protetti dal diritto d'autore, ci si ritrova normalmente con una certa somma da pagare per i «danni causati all'industria dell'intrattenimento».

L'idea è che ogni copia digitale di un dato prodotto - film, brano musicale, ebook e via di seguito - causi un danno economico a tutti i soggetti che hanno contribuito alla sua produzione e distribuzione: dall'autore di una storia al regista del film, dagli sceneggiatori agli editori e alle case di produzione.

Ogni copia è considerata alla stregua di un furto, e su questa base vengono calcolati i danni.

Peter Sunde, lo storico portavoce (e fondatore) di The Pirate Bay, ha sempre contestato questo modo di vedere le cose. Nonostante il tempo passato in carcere a causa del sito che ha contribuito a gestire per tanti anni, non ha cambiato idea. E per dimostrare le proprie ragioni ha costruito la Kopimashin.

Questa "macchina per le copie" consiste di un Raspberry PI, uno schermo LCD e un po' di codice Python. Tutto ciò che fa è copiare contenuti: per la precisione, è impostata per realizzare 100 copie al secondo del brano Crazy, degli Gnarls Barkley.

Il display mostra il conto delle copie prodotte e dei danni causati all'industria dell'intrattenimento, in milioni di dollari: ogni giorno la macchina realizza oltre 8 milioni di copie, per più di 10 milioni di dollari di «perdite».

Sondaggio
Quali autorizzazioni hai concesso alle applicazioni presenti sul tuo dispositivo mobile?
Non limito l'accesso alle app sul mio dispositivo
Di solito concedo le autorizzazioni su richiesta e non ci penso più
Concedo le autorizzazioni a seconda dell'applicazione e delle sue funzionalità
Non posso modificare le autorizzazioni delle applicazioni

Mostra i risultati (1092 voti)
Leggi i commenti (8)

Tutte le copie finiscono in /dev/null o, altrimenti detto, non sono conservate in alcun posto: vengono create e distrutte.

«Voglio mostrare l'assurdità del processo che assegna un valore a una copia. La macchina è stata creata per essere molto diretta e aperta circa il fatto che non si tratta in alcun modo di un pericolo per l'industria, ma seguendo il loro modo di ragionare e la loro retorica dovrebbe mandarli in bancarotta. Voglio mostrare con un esempio concreto - e che è anche bello, a suo modo - che assegnare un prezzo a una copia è inutile» spiega Sunde.

«I danni chiesti a The Pirate Bay, naturalmente, sono assurdi allo stesso modo. Lo scopo dietro a tutto non è farsi pagare quelle somme, ma spaventare la gente per mantenerla zitta e obbediente» aggiunge ancora Peter Sunde.

Sunde progetta di costruire in tutto 13 Kopimashin, da utilizzare in diverse esposizioni come progetti artistici, e anche di venderne alcune: nel frattempo, continuerà a cercare di «mandare in bancarotta i Gnarls Barkley e la sua casa discografica».

«La macchina che ho a casa è ormai a oltre 120 milioni di copie. Ossia 150 milioni di dollari di perdite per l'industria musicale, ammesso di seguire quella logica» ha dichiarato nell'intervista con la quale ha svelato la Kopimashin.

Nel video qui sotto, la Kopimashin al lavoro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Come si diventa pirati audiovisivi? Seguendo il calcio
Peter Sunde polemizza con The Pirate Bay: troppi banner
Fondatore di Pirate Bay rilasciato stamattina
Strasburgo conferma la condanna a The Pirate Bay

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Quotone!!! Aggiungi anche i palazzoni dello scandalo S.I.A.E e il quadro è completo! Un sorriso :D Leggi tutto
4-1-2016 13:53

Forse non era chiaro ciò che intendevo dire, provo a spiegarmi meglio: Con il dispositivo ideato da Sunde nessuno usufruisce dei contenuti duplicati poiché essi vengono cancellati immediatamente dopo essere stati duplicati quindi tale dispositivo non è utile per il fine dichiarato di dimostrare che le copie pirata non creano danni... Leggi tutto
3-1-2016 18:18

{aldolo}
io scarico 10 film ogni 2 biglietti di cinema. pareggio il costo, e evito di arrabbiarmi per le ciofeche come starwars vii.
29-12-2015 17:44

No, una ricerca indipendente ha DIMOSTRATO che il circuito del P2P ha Incrementato e non depresso le vendite di contenuti condivisi in rete E dello Scandalo S.I.A.E ne vogliamo parlare? Hanno rubato soldi agli Autori [ che dovrebbero essere pagati per le loro opere] per comprarsi palazzoni Chi produce deve pagarsi le spese e spesso... Leggi tutto
27-12-2015 15:12

Premetto che non ho mai creduto che le copie pirata di canzoni o film creino danni più che marginali all'industria dell'intrattenimento e men che meno agli autori dei contenuti i quali non credo ricevano nulla o ben poco delle multe estorte ai malcapitati "pirati" colti, processati e multati. In questo caso concordo con zero,... Leggi tutto
26-12-2015 18:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1545 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 3 dicembre


web metrics