Potere a chi consuma

Per far ripartire l'e-business in modo equo, concreto e definitivo, servono scelte coraggiose. Esempi dalla rete.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-10-2003]

In un articolo precedente ho elencato i pregi e le possibilità dell'economia in rete. Un'opportunità di costruire un sistema più efficiente e più equo per i consumatori, per la nascita di un consumo critico, consapevole ed eco-sostenibile. La seconda rivoluzione della net-economy, però, non dovrà più essere imperniata sulle borse e sul sistema finanziario, pena un secondo, clamoroso ed irreversibile fallimento.

Il centro di questo sistema dovrà essere il consumatore, la sua libertà di scelta e di orientamento del mercato. Questa è una scelta, badate bene, veramente rivoluzionaria. Sovverte l'attuale status quo perchè comporta da parte delle aziende, delle multinazionali, dei governi, la perdita del potere.

Lasciare al consumatore tutto il potere, la libertà di decidere che cosa, come, quanto e quando acquistare, è l'unico atto di coraggio che potrà lanciare la net-economy in maniera definitiva.

Curiosando in rete, si possono trovare alcune proposte interessanti, come quella di Danilo Moi, su rekombinant. L'aticolo identifica nell'atto del pagamento uno dei principali ostacoli ad una net-economy diffusa e partecipata. La carta di credito è appannaggio di una frazione limitata della popolazione, l'utilizzo del conto corrente postale troppo macchinoso.

Soprattutto, i flussi dei pagamenti sono tutti orientati in un solo verso: dal privato all'azienda. Solo quando sarà possibile per chiunque pagare ed essere pagato, le transazioni subiranno l'impennata. La proposta, che utilizza il telefono cellulare come medium, è modificabile e perfezionabile a detta dello stesso autore, ma il concetto è valido. Modificare gli attuali sistemi di pagamento, considerando l'utente non solo come fonte di denaro da drenare, ma come soggetto attivo. Dargli quindi maggior potere.

Diverso per molti aspetti, ma non per le motivazioni di fondo, è l'approccio di Tiziano dal Farra e Loredana Trevisani di Wine@home, che propongono il 2+5%. La domanda è questa: come fare per rilanciare l'e-commerce dal punto di vista sociale, per avvicinare le masse di consumatori critici, il cosiddetto "popolo di Seattle", a una net-economy dal volto umano?

Secondo la proposta di Wine@home, tutti gli e-shop, i negozi ed i produttori che aderiranno, si impegnano a versare il 2% dell'introito lordo ad una ONG o Onlus a scelta del cliente, oltre al 5% dell'introito netto (al netto delle spese vive documentate), in maniera perfettamente trasparente. In questo modo una parte sensibile degli oneri commerciali e distributivi che l'e-shop risparmia sarà impiegata per scopi costruttivi.

I consumatori sensibili a certe istanze preferiranno il circuito del 2+5% (per ora non ci sono appellativi più fantasiosi) perchè, a parità di prezzo, daranno un serio e reale contributo ad una ONG. Le aziende che adotteranno questo strumento si troveranno una consistente riduzione di costi promozionali e (se opereranno on-line) distributivi. Questo differenziale di costo non verrà incamerato dal venditore, ma andrà a finanziare un'entità che il cliente ha il potere di scegliere.

Il 2+5% è una proposta specifica: costituire un "polmone permanente" di finanziamento di iniziative sociali, basandosi sulla libera scelta del consumatore e sull'esagerato valore aggiunto assorbito attualmente dai canali commerciali-distributivi. Precisa nei suoi intenti, semplice, di immediata attuazione ed estensibile globalmente su tutto il mondo.

Potrebbe mettere in movimento la massa dei consumatori critici, che in qualche maniera si riconoscono nel Movimento. Potrebbe consegnare un enorme potere finanziario nelle mani di organizzazioni pacifiche e senza scopo di lucro (pensate se fossero loro a fare pressioni sui legislatori, invece delle nostre amiche multinazionali).

Per la prima volta il ruolo dei consumatori è centrale: non siamo coinvolti da un'abile campagna di promozione, o dalla localizzazione ottimale del punto vendita, ma da una libera scelta dell'utente, orientata dal passaparola. Il lavoro commerciale lo attua il consumatore, che però non riceve un premio per esso (sigh), ma ha comunque il potere di destinarlo a chi gli pare. O meglio, utilizzando le parole di Tiziano: l'inedito potere di indirizzare le mosse di un'azienda dall'esterno.

Se c'è dell'altro, utilizzate il form dei commenti qui sotto per farcelo sapere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Se Facebook diventa "la banca"

Commenti all'articolo (3)

federico
1 problema x volta Leggi tutto
6-10-2003 11:28

Michele Bottari
Deve essere così Leggi tutto
6-10-2003 08:46

Magari fosse così Leggi tutto
5-10-2003 14:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3684 voti)
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics