Clarence, si chiude un'epoca?

La quasi totalità della redazione giornalistica di Clarence abbandona il portale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-10-2003]

Clarence è considerato un caso di successo nel mondo dei portali Internet italiani: una formula decisavamente innovativa, basata sulla satira e sul divertimento non disimpegnato ma colto ed intelligente, una linea politica "alternativa", una capacità di cogliere quanto di più nuovo, originale si muove in Rete.

Questa formula ha attirato ed attira centinaia di migliaia di visitatori, un "target" come direbbero i pubblicitari molto interessante perché fatto di giovani professionisti "urbani" appassionati di high-tech, viaggi, film, libri, spettacoli, sicuramente non consumatori modesti, anzi. Ora, sembra che per Clarence si chiuda un'epoca.

Sette redattori su otto della redazione giornalistica di Clarence, praticamente tutti, hanno lasciato Clarence e dal 1 Ottobre non firmeranno più niente di quello che appare sul noto sito. In un comunicato di addio ai lettori-navigatori i sette che sono Stefano Porro, Guido Fossati, Alberto Burba, Elena Galli, Nikolai Kontorov, Jonathan Sivi, Igino Domanin dicono: "Sette di noi (su un totale di otto) hanno deciso di andarsene. Ce l'abbiamo messa tutta, in questi quattro anni, convinti che un'informazione smaccata e senza bavaglio, unita a qualche sana battuta, fosse il modo migliore per rendere unico e florido questo sito. Non abbiamo cambiato idea e per questo continueremo il nostro lavoro altrove". L'unico che è rimasto, per motivi personali, è Maurizio Pluda. Gianluca Neri, amministratore delegato fino allo scorso luglio, ora è collaboratore esterno della testata.

Dove andranno i "magnifici 7" di Clarence non è dato saperlo: Stefano Porro e Igino Domanin hanno dato già vita, da tempo, insieme a Carlo Formenti, a Quinto Stato, la webzine specializzata nei temi della fase di cambiamento della new economy e dei suoi lavoratori e, particolarmente, attenta ai temi dell'open source e della privacy ma, non è escluso, che possa nascere dal seme di Clarence qualcosa di nuovo.

I motivi che hanno portato questi giovani web-giornalisti a questa scelta sono da ricercarsi nella cessione della proprietà di Clarence all'Internet Provider fiorentino Gruppo Dada (quello di SuperEva) che all'inizio aveva garantito la più ampia autonomia editoriale al gruppo fondatore, evidentemente, qualcosa non è andato in questo senso.

Con l'uscita della redazione di Clarence dal loro portale rischia di spegnersi una delle voci libere, anticonformiste e scanzonate del nostro Web italiano: peccato!

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (5)

giba
Comunicazioni di Clarence? Leggi tutto
6-10-2003 17:55

giordano giordani
in tutti i sistemi di governo ..... Leggi tutto
6-10-2003 11:39

Iammabbella
Portale Komunista Leggi tutto
6-10-2003 09:41

marcello
peccato... Leggi tutto
6-10-2003 07:54

Massimo Mario
non è una gran perdita Leggi tutto
5-10-2003 10:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1333 voti)
Luglio 2020
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Tutti gli Arretrati


web metrics