Mediaset vince causa contro Megavideo

Il Tribunale di Roma bastona Kim Dotcom: dovrà pagare 12 milioni di euro.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-07-2016]

megavideo rti condanna

Sono ormai passati quattro anni e mezzo dalla fine di Megaupload e del suo gemello Megavideo, specializzato nel permettere la condivisione dei video caricati dagli utenti.

Nonostante il tempo trascorso, i guai giudiziari per i siti creati da Kim Dotcom non sono ancora finiti: il Tribunale di Roma ha infatti appena condannato proprio Megavideo per fatti risalenti a sei anni fa.

Allora, nel 2010, Megavideo era all'apice della popolarità e non è un mistero che la maggior parte dei contenuti caricati e condivisi dagli utenti fosse pirata. Tra il materiale in violazione c'erano anche diverse trasmissioni di proprietà di RTI, società che fa parte del gruppo Mediaset.

Venuta a conoscenza della cosa, RTI inviò a Megavideo una richiesta di rimozione contenente la segnalazione del fatto che alcuni contenuti della società erano stati resi illegalmente disponibili tramite la piattaforma. Megavideo però fece orecchie da mercante, e la vicenda finì in tribunale.

Dal 2010 a oggi l'accusato ha avuto tutto il tempo di morire e svanire dalla Rete; tuttavia, nel frattempo la giustizia italiana ha fatto il suo - lento - corso.

Megavideo, che non esistendo da anni non ha nemmeno inviato dei rappresentanti in tribunale, è stato riconosciuto colpevole delle violazioni imputategli (oltre 16.000 minuti di trasmissioni condivise senza averne il diritto) ed è stato condannato a pagare 12 milioni di euro di danni, oltre che al pagamento di 60.000 euro di spese processuali.

Sondaggio
Quali sono le tue competenze nel campo della multimedialità?
Uso un Media Player per guardare gli allegati che mi arrivano per posta o che trovo in rete
Mi basta riuscire a fare una copia di backup dei miei CD e DVD
Non sono molto esperto, ma cerco di imparare
Sono un amatore evoluto: monto i miei filmati e masterizzo i DVD
Sono un professionista del settore

Mostra i risultati (1947 voti)
Leggi i commenti

La sentenza diventa poi un po' grottesca, o quantomeno distaccata dalla realtà, quando afferma che è stata fissata una penale pari a 1.000 euro «per ogni futura violazione»: considerando che Megavideo è da diverso tempo defunto e, nonostante gli annunci di Kim Dotcom, non pare intenzionato a risorgere a breve, la decisione del tribunale fa quasi sorridere.

Più interessante è un altro punto, quello in cui la richiesta di rimozione spedita da RTI è stata ritenuta sufficiente nonostante in essa non fossero presenti gli URL al materiale in violazione.

Di norma, un'azienda che accusi un sito di condividere illegalmente del materiale protetto da copyright si premura anche di indicare l'indirizzo di detto materiale. RTI non ha voluto fare tanta fatica, limitandosi invece a indicare il fatto che materiale di sua proprietà era disponibile tramite Megavideo, e il Tribunale di Roma ha deciso che anche in questo modo le informazioni erano sufficienti.

I giudici hanno ritenuto infatti che la fama dei programmi televisivi condivisi e la presenza dei loghi dei vari canali da cui essi provenivano all'interno dei filmati fosse abbastanza per dimostrare il reato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Kim Dotcom: preparatevi, sta arrivando Megaupload 2.0
FBI chiude MegaUpload, Anonymous contrattacca

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Questo incuriosisce molto anche me considerato l'infimo livello qualitativo dei programmi Mediaset, comunque 60.000 € di soldi delle nostre tasse per un processo farsa come questo sono decisamente uno scandalo. :twisted: Leggi tutto
24-7-2016 18:32

Ciò che non cesserà mai di stupirmi, è l'allegro abbandono con cui i magistrati sentenziano su queste materie, specialmente in UE, in cui alcuni paletti sono stati abbastanza chiaramente fissati da direttive e regolamenti - almeno, a quanto posso capire io. Tanto per cominciare: Megavideo era un intermediario, la responsabilità della... Leggi tutto
22-7-2016 09:33

{jozz}
Tra i materiali per cui è stata emessa la sentenza ce n'erano per caso anche alcuni acquistati illegalmente e coperti con la corruzione del buon Mills? La solita pagliacciata all'italiana per far finta che chi viola la legge non scampa alla giustizia, ma in realtà dimostra che i tribunali sono molto attenti ad... Leggi tutto
22-7-2016 08:03

Ma soprattutto non riusciranno mai a ottenere un decreto ingiuntivo valido per la Nuova Zelanda. Tantomeno riusciranno a estradarlo, visto che la sentenza è civile e non penale, e poi nemmeno gli USA ci sono riusciti pur essendo uno stato in rapporti più stretti con la NZ. Mi piacerebbe sapere che calcolo hanno fatto per arrivare a 12... Leggi tutto
22-7-2016 01:59

Per me invece sarebbe interessante sapere quali programmi Mediaset raggiungano il livello minimo di decenza per poter essere scaricati. Io penso siano 10-12 anni che non guardo più un canale mediaset, se non per qualche secondo quando sbaglio tasto nel telecomando :twisted:
20-7-2016 21:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se Internet potesse migliorare la tua vita, che cosa vorresti?
Conoscere amici e comunicare
Risparmiare sugli acquisti
Innamorarti
Guadagnare tanti soldi
Imparare (lingue, culture, cucinare, suonare, ecc.)
Lavorare di meno
Altro

Mostra i risultati (3317 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics