La UE fa causa ai propri membri per il dieselgate

Gli Stati che non hanno chiesto risarcimenti a Volkswagen ora rischiano sanzioni da Bruxelles.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-12-2016]

dieselgate ue

L'Unione Europea è davvero molto, molto adirata per il cosiddetto dieselgate.

Non ce l'ha però con Volkswagen, rea (e confessa) di aver truccato i test per le proprie automobili; o, per lo meno, non ce l'ha direttamente con la Casa tedesca.

La Commissione di Bruxelles, stando a quanto riporta la BBC, se la sta prendendo con quegli Stati che non hanno ancora avviato azioni legali per punire Volkswagen e, per far capire loro ciò che avrebbero dovuto fare, ha aperto una procedura d'infrazione contro di essi.

Nel mirino della Commissione ci sono il Regno Unito, la Germania, la Spagna e il Lussemburgo, tutte nazioni che non hanno chiesto risarcimenti all'azienda tedesca.

Questi quattro Stati non sono però i soli su cui l'occhio malevolo di Bruxelles si è posato: alla Repubblica Ceca, alla Lituania e alla Grecia la Commissione ha chiesto spiegazioni sui motivi che li hanno spinti a non considerare nemmeno la possibilità di multare i produttori di auto che violino i regolamenti.

L'ideale, per la UE, sarebbe che tutti si comportassero come gli Stati Uniti, dove Volkswagen è stata messa sotto accusa e ha dovuto accordarsi con le autorità per un risarcimento di 15 miliardi di dollari, e tuttora rischia anche un processo penale.

Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (3461 voti)
Leggi i commenti (19)

Il guaio è che, nell'Unione Europea, ogni singolo Stato è responsabile della sorveglianza sulle case automobilistiche.

Nonostante le indagini svolte in Regno Unito, Francia e anche in Italia abbiano accertato le responsabilità di Volkswagen nel dieselgate, nessuna azione punitiva è stata intrapresa.

Così, la Commissione ha deciso di forzare la mano. Regno Unito, Germania, Spagna e Lussemburgo hanno due mesi di tempo per rispondere della loro inazione; se non risponderanno, queste nazioni potrebbero venir sottoposte a delle sanzioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Niente più auto a carburante fossile entro il 2030?
Volkswagen: milioni di auto con malware iper-inquinante

Commenti all'articolo (2)

C'era da aspettarsi un tentativo di insabbiare tutto il sommerso - a parte Volkswagen che era già troppo esposta essendo stata beccata dall'ente federale USA. La cosa strana è questo attivismo della UE che spinge svariati stati a chiedere risarcimenti a Volkswagen - cosa tutto sommato giusta - ma non spinge a chiarire i punti oscuri... Leggi tutto
7-1-2017 14:26

{rbadillo}
Questa vera e propria guerra a Wolksvagen secondo me nasconde qualcos'altro. Si è visto che altre Case sono coinvolte, sia in Europa che in USA, e si è visto quello che per esempio una nota rivista del settore va dicendo da decenni, e cioè che i test di consumo sono farlocchi e quindi la responsabilità... Leggi tutto
12-12-2016 10:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come ti comporti quando ricevi una "bufala" via email?
A costo di cancellare anche avvisi potenzialmente veri, straccio tutto appena arriva.
Li leggo e inoltro solo quelli che ritengo potenzialmente veri, ma all'atto pratico non me ne curo.
Inoltro quelli veri e ne seguo le indicazioni.
Ma quali bufale? Ho appena vinto 1.000.000 di euro rispondendo a una email.
Io stesso ho messo in circolazione qualche bufala.

Mostra i risultati (3115 voti)
Dicembre 2019
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Tutti gli Arretrati


web metrics