Uber, i taxi autonomi sono un pericolo per i ciclisti

Gli amanti delle due ruote accusano: quei veicoli non sono in grado di evitarci.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-12-2016]

uber ciclisti

I taxi autonomi (o quasi, dato che c'è sempre un guidatore umano dietro al volante) di Uber, che hanno iniziato i test sulla pubblica via a San Francisco dopo aver conquistato Pittsburgh, stanno creando alcuni problemi.

Innanzitutto c'è la questione dei permessi di circolazione, che Uber non ha richiesto perché ritiene di non averne bisogno.

In particolare la Motorizzazione Civile della California ritiene che quei veicoli abbiano bisogno di un permesso speciale per circolare in quanto autonomi, mentre Uber ribatte che in realtà non sono completamente autonomi e pertanto non hanno bisogno di alcun permesso. La questione ancora non è risolta.

Poi, la San Francisco Bike Coalition (SFBC) ha sollevato un altro problema: sostiene che le auto di Uber sono un pericolo per i ciclisti.

Nel mirino c'è il cosiddetto "gancio a destra", che si verifica quando un'auto svolta a destra (in una via, in un parcheggio...) senza accorgersi che al suo fianco su quel lato sta transitando una bicicletta: il risultato, se il guidatore non è più che veloce ad agire sui pedali, è un incidente.

«Questo tipo di svolta» - spiega la SFBC - è nota per essere una delle prime cause di collisione tra le auto e i ciclisti e per causare ferite serie o addirittura decessi».

Secondo l'associazione, il software che gestisce i taxi autonomi non sarebbero in grado di riconoscere il pericolo e pertanto non reagiscono se si trovano all'improvviso una bicicletta sulla destra proprio mentre stanno svoltando in quella direzione: la collisione sarebbe insomma assicurata.

Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verrà individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia è diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago né l'assicurazione auto, né il canone Rai, né niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (2420 voti)
Leggi i commenti (18)

Nemmeno la presenza di un essere umano dietro al volante, pronto a prendere i comandi in caso di necessità, sarebbe utile in questo caso: dato che il ciclista è "invisibile" sino all'ultimo (è questo il motivo per cui il "gancio a destra" miete vittime anche con le auto tradizionali), non c'è il tempo di intervenire.

Secondo quanto riporta il Guardian, Uber è cosciente di questo problema ma non ritiene che sia necessario ritirare i veicoli autonomi dalla circolazione in attesa di una soluzione: l'unico intervento sarebbe stato l'invio di un promemoria ai guidatori umani, con i quali li si invita ad assumere il controllo in vista di ogni svolta a destra in concomitanza di una pista ciclabile.

righthook
I taxi di Uber non saprebbero gestire una situazione come questa

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Veicolo autonomo di Uber investe e uccide: il software ha deciso di ignorare il pedone
Uber, la California caccia i taxi autonomi
Uber sotto accusa: spia gli utenti
I taxi autonomi di Uber
Uber lancia i taxi a guida automatica

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Per esperienza diretta, dovendo fare questo tipo di manovra tutte le volte che torno a casa dal lavoro, posso garantire che è assolutamente da pazzi, pur di dichiarare qualche chilometro in più di pista ciclabile a disposizione, lasciare le cose così. La regolamentazione di questo tipo di incroci va assolutamente modificata poiché... Leggi tutto
23-12-2016 17:37

in realtà l'avevo scritto nel P.S. appunto se la manovra è pericolosa anche in condizioni normali (guida umana), forse non è questione di uber o meno, o il ciclista deve stare attento di sua sponte in quella situazione (immagino all'approcciarsi di una svola a destra) o vanno cambiate le svolte a destra
22-12-2016 15:54

{driver}
Ho letto i vari post, e mi sembra che manchi l'osservazione che, dato che il problema è conosciuto da un secolo, ci sia qualcosa che non va. Non nelle norme, visto che accade il peggio anche in italia, il paese più normato e paralizzato del mondo. Manca qualcosa di fisico nella viabilità. Semplice, e talmente... Leggi tutto
21-12-2016 18:24

Post molto sensato e che condivido. Io preciso di essere spesso anche un ciclista e volevo ricordare, magari a chi non è mai andato in bici, che fermare una bici anche solo a 20 all'ora richiede del tempo (e se ti fermi di botto di in*ulano di dietro). Tu te ne vai bel bello in linea retta, una macchina di affianca e ti sorpassa: tu... Leggi tutto
21-12-2016 17:37

«Nemmeno la presenza di un essere umano dietro al volante, pronto a prendere i comandi in caso di necessità, sarebbe utile in questo caso: dato che il ciclista è "invisibile" sino all'ultimo (è questo il motivo per cui il "gancio a destra" miete vittime anche con le auto tradizionali), non c'è il tempo di... Leggi tutto
21-12-2016 15:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (3552 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Tutti gli Arretrati


web metrics