FBI, meglio un pedofilo in libertà che rivelare l'hack di TOR

Il Dipartimento di Giustizia USA ha lasciato cadere le accuse di pedofilia per poter tener segreto il malware usato per violare TOR.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-03-2017]

fbi tor nit hack pedofilia

Qualcuno ricorderà probabilmente il caso Playpen, nel quale l'FBI arrivò alla cattura di 135 sospetti pedofili operanti nel dark web.

Per individuarli, gli investigatori americani avevano non soltanto preso il controllo dei siti da loro frequentati - e sui quali si scambiavano immagini e video di contenuti pedopornografici - ma anche adoperato uno speciale hack che permettevano loro di aggirare l'anonimato fornito dalla rete TOR.

Il Dipartimento di Giustizia definisce questo hack come una «tecnica investigativa di rete» (NIT, Network Investigative Technique), mentre molti esperti di sicurezza non si fanno scrupoli nel definirla «malware» tout court.

Nella battaglia giudiziaria che è seguita agli arresti (e che per alcuni imputati è ancora in corso) gli avvocati della difesa hanno cercato di accedere al codice sorgente di detto malware, che potenzialmente offre al governo americano la possibilità di spiare non soltanto i criminali che approfittano di TOR per perseguire i propri loschi affari ma chiunque si affidi alla rete per proteggere il proprio anonimato.

Per tutta risposta, sul codice è stato imposto il segreto di stato.

Sondaggio
Qual è il momento tra questi in cui avverti il maggior bisogno di privacy?
Leggo gli annunci di lavoro in ufficio
Spio un/una mio/a ex sui social network
Utilizzo i social network in ufficio
Consulto l'online banking
Guardo foto o filmati a luci rosse
Invio o guardo foto private
Faccio shopping online

Mostra i risultati (1111 voti)
Leggi i commenti (3)

Tuttavia, durante il processo contro uno degli utenti di Playpen, la pubblica accusa s'è trovata di fronte al rischio che un giudice federale arrivasse a ordinare il desecretamento del codice.

Per evitare che un'arma così utile divenga di dominio pubblico, il Dipartimento di Giustizia ha quindi preferito lasciar cadere tutte le accuse, seppur riservandosi il diritto di istruire nuovamente il caso in futuro.

«Allo stato attuale la rivelazione [del codice, NdR] non è un'opzione percorribile» ha affermato uno dei procuratori federali incaricato di seguire il caso.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il Dark Web è in via di estinzione?
Quei siti pedopornografici gestiti dall'FBI
Condannato per pedofilia non potrà navigare in Internet
L'Italia finanzia i pedofili
Genitori impreparati di fronte a pedofilia e cyberbullismo
Il Grande Fratello buono... non esiste

Commenti all'articolo (3)

Meglio lasciar liberi i criminali piuttosto che rivelare i segreti per spiare il prossimo, gli USA sono proprio una grande democrazia ed i paladini della libertà nel mondo... davvero. :blackhumour:
11-3-2017 15:01

{fontaine}
Dipartimento di Giustizia? Paroloni roboanti per ottundere le menti predisposte. Userei un'altra dizione: dipartimento legale. La Giustizia è un'altra cosa, e l'umanità non l'ha mai conosciuta...
9-3-2017 14:38

{Abaco}
Com'è che dicevano? Ah già, lo spionaggio di massa serve ad arrestare terroristi e pedofili
9-3-2017 09:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la politica della tua azienda nei confronti dei dispositivi mobili dei dipendenti? Bring Your Own Device oppure Corporate Owned, Personally Enabled?
BYOD
COPE
Non c'è una policy dominante, dipende dagli utenti
Non lo so
Non lavoro in un'azienda

Mostra i risultati (698 voti)
Settembre 2017
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
L'appuntamento online più imbarazzante della storia?
Bug in Android Oreo consuma tutto il traffico dati
Addio torrent, i pirati ora sono su Google Drive
YouTube Mp3 si arrende alle major
iPhone 8, Apple fissa la data di lancio
Agosto 2017
Il BlackBerry che soppianterà iPhone e Galaxy
40 anni di ''segnale Wow''
Antibufala: Barcellona, venditori ambulanti preavvisati dell’attentato!
Il ''cop button'' di iOS 11 dà manforte ai criminali
Motorola brevetta lo schermo che si ripara da solo
Tutti gli Arretrati


web metrics