Il settore IT sottovaluta i giovani appassionati di tecnologia

Potrebbero colmare il gap di competenze.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-03-2017]

Una ricerca condotta da Kaspersky Lab ha svelato che le aziende nel campo della sicurezza IT sottovalutano il potenziale di un'intera generazione di cyber difensori, fissando criteri di assunzione basati sull'esperienza e sulle competenze invece che su entusiasmo, skill e attitudine. Questo pericoloso approccio sta creando una cultura che ignora il talento delle giovani generazioni, intensificando ulteriormente la crisi legata alla mancanza di competenze di sicurezza in Europa.

L'indagine, condotta su 12.000 utenti e professionisti IT in Europa e Stati Uniti, ha rivelato che un professionista IT su tre (30%) crede che un'esperienza comprovata nel campo sia la qualità più importante per un candidato nel settore della sicurezza IT, seguita dalla conoscenza dei sistemi informatici (24%). Tuttavia, la ricerca mostra che la mancanza di esperienza dei giovani laureati o diplomati è compensata da caratteristiche personali ideali per una carriera nella sicurezza informatica.

Secondo i risultati dell'indagine, i professionisti IT credono che le caratteristiche più importanti per lavorare nella cyber security siano la capacità di pensare fuori dagli schemi (44%) e lavorare fuori dagli ambienti tradizionali (39%) e dalle strutture ufficiali (38%). Un terzo (35%), inoltre, crede che sia importante essere naturalmente curiosi di scoprire come funzionino le cose.

La maggior parte dei professionisti IT crede che i giovani abbiano queste caratteristiche essenziali: il 76% crede che riescano a pensare fuori dagli schemi; il 72% che siano in grado di lavorare fuori dagli ambienti tradizionali e l'80% fuori dalle strutture ufficiali; e l'81% concorda che i giovani siano naturalmente curiosi.

Zeus News ha parlato con Morten Lehn, general manager Italy di Kaspersky Lab. "Il settore IT deve affrontare la realtà relativamente alla crescente mancanza di competenze delle persone assunte nel settore della sicurezza", ha commentato Lehn. "La nostra azienda celebra quest'anno il suo 20░ anniversario. Negli ultimi due decenni, il settore della sicurezza informatica, da un lato, è cresciuto enormemente, mentre, dall'altro, ha fatto veramente pochi passi avanti".

Sondaggio
Come proteggi il tuo computer?
Proteggere? Dai ladri, forse?
Ogni tanto utilizzo un antivirus online.
Ho un antivirus e tengo aggiornato il sistema operativo.
Ho antivirus, firewall, antispyware, parental control e ogni sorta di protezione.
Utilizzo Linux.
L'unico computer sicuro Ŕ un computer offline.

Mostra i risultati (5487 voti)
Leggi i commenti (49)

Prosegue Lehn: "Ignorando i giovani, il settore rinuncia a ottenere il meglio da una risorsa preziosa in crescita. Come dimostra la nostra ricerca, si tratta di un paradosso, in quanto è ampiamente riconosciuto che i giovani posseggano le caratteristiche considerate essenziali dal settore. È il momento di affrontare i limiti legati alle assunzioni nel campo della cyber security prima che sia troppo tardi".

Sebbene i giovani abbiano le caratteristiche necessarie per aiutare a combattere il crimine informatico, un mancato coinvolgimento da parte del settore della sicurezza rappresenta un'opportunità persa. Il 71% dei giovani non è a conoscenza di opportunità per laureati nel campo della sicurezza IT e il 73% non ha mai preso in considerazione una carriera in questo settore. Quasi la metà di loro (47%) non sa o sa poco di quello che fa un esperto di sicurezza informatica.

"Non riuscire a motivare questa generazione a una carriera nel nostro settore può avere costi elevati. Il talento nel campo della sicurezza è infatti una risorsa limitata e le aziende sembrano preferire "rubare ai vicini" invece che crescere nuovi talenti. Ecco perché è necessaria una combinazione di giovinezza ed esperienza per risolvere il problema. Con la continua evoluzione degli obiettivi e della scala delle minacce informatiche, vincere questa guerra richiede un approccio collaborativo e un team composto da esperti del settore. Il nostro Global Research and Analysis Team (GReAT) è la prova che le persone possono arrivare da diversi ambienti, a tutte le età, per creare una forza formidabile nella lotta al cyber crimine", ha concluso Lehn.

Giovani e Cybersecurity

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

L'impressione che ho ricavato nel mondo del lavoro, impressione che si sta sempre pi¨ confermando in questi ultimi anni, Ŕ che molti settori, non solo quello dell'IT, sottovaluti i giovani o preferisca scientemente di non impiegarli. Alcune delle ragioni sono la disponibilitÓ di lavoratori giÓ formati a basso costo dovuta alla... Leggi tutto
2-4-2017 11:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi consigli daresti per primo a tuo figlio?
Comunica solo con persone che conosci.
Non condividere messaggi o immagini offensive.
Scegli un nome utente appropriato.
Non condividere informazioni personali.
Seleziona le foto con attenzione.
Ricorda che tutto ci˛ che condividi Ŕ permanente.
Segnala tutto ci˛ che ti mette a disagio.
Il mio consiglio Ŕ un altro: lo esprimo utilizzando i commenti nel forum qui sotto.

Mostra i risultati (1851 voti)
Marzo 2021
Come difendersi da un robot di Boston Dynamics
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 marzo


web metrics