Archeoinformatica: Iloveyou, attacco virale storico (2000)



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-05-2017]

iloveyou

L'attacco virale via mail avvenuto l'altroieri ha ricordato a molti uno degli attacchi più grandi della storia di Internet: Iloveyou, di cui ricorre il diciassettesimo anniversario proprio in questi giorni.

Era infatti il 4 maggio 2000 quando esplose la circolazione di una mail che aveva come titolo "ILOVEYOU" e come testo "Kindly check the attached LOVELETTER coming from me". Una dichiarazione d'amore irresistibile per chiunque: anche chi non era in cerca di storie d'amore difficilmente resisteva alla curiosità di sapere chi o cosa c'era dietro il messaggio.

Anche l'uso di parole universali e semplici (è difficile trovare qualcuno che non sappia cosa vuol dire "I love you" ha contribuito immensamente al successo, per così dire, della propagazione del malware.

Come racconta Naked Security, furono colpiti utenti e aziende in tutto il mondo e a tutti i livelli, compresa la CIA, la Ford e il Parlamento britannico, intasati dalle migliaia di copie del messaggio che venivano generate automaticamente.

Iloveyou (noto anche come Love Bug, LoveLetter o VBS/LoveLet) aveva infatti un allegato, LOVELETTER.TXT.VBS, che usava la doppia estensione .txt.vbs per fingere di essere un file di testo e nascondere la vera identità di script in Visual Basic. Lo script veniva così eseguito da chi credeva di aprire un file di testo allegato alla mail d'invito e prendeva il controllo del computer in modo da inoltrare copie del malware agli utenti presenti nella rubrica della vittima.

Sondaggio
L'amazonite ...
Una pietra (semi)preziosa.
La spasmodica ammirazione per un popolo di donne guerriere.
Lo shopping compulsivo e la dipendenza patologica da un noto negozio online.
Nessuna di queste. In italiano si scrive amazzonite ;)

Mostra i risultati (1283 voti)
Leggi i commenti

L'autore dell'attacco fu scoperto in pochi giorni: era Onel de Guzman, un giovane studente delle Filippine, che il 10 maggio 2000 confessò di aver diffuso il worm. Non fu incriminato perché all'epoca le leggi filippine non contemplavano i reati informatici. Nelle Filippine Onel de Guzman fu visto come una sorta di star nazionale.

La storia di Iloveyou, comunque, non è ancora finita: è in lavorazione una commedia romantica basata sulla vicenda. Il titolo, piuttosto prevedibile, è Subject: I Love You.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Attivissimo

Approfondimenti
Allarme phishing per Google Docs

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Niente pene corporali, ma di solito, una volta accertato che l'errore stato causato da "cazzeggio", si stabilisce l'entit del danno si manda la classica letterina....e non d'amore! :wink: E se quel dipendente a tempo determinato direi al 99% alla scadenza del contratto tanti saluti e nel frattempo ti do un pc con... Leggi tutto
15-5-2017 20:23

Sono d'accordo sul fatto che sono cose essenziali da sapere e che aprire gli allegati a vanvera sia una pratica delinquenziale ma il quadro che ti ho fatto quello standard di un'azienda media neppure troppo sprovveduta. :cry: Fra le sottovalutazioni da parte del team IT e le sottovalutazioni degli utonti - che sovente sopravvalutano... Leggi tutto
15-5-2017 19:20

Io invece penso che queste cose siano cose essenziali da sapere, banali, se non conosci internet e le sue insidie i danni te li fai solo a casa tua, non in un azienda, o istituzione pubblica. Non che ci vogliono corsi, non devono diventare esperti di sicurezza e non stiamo parlando di prodotti software o applicativi aziendali... Leggi tutto
15-5-2017 14:10

Non che perch una persona lavori per un'azienda anche importante o per una particolare agenzia debba per questo essere pi furba della media degli utonti domestici. In fondo la maggior parte di queste persone sono utonti medi pure loro e, come tali, egualmente vulnerabili. Anche le aziende e le agenzie importanti riservano particolari... Leggi tutto
13-5-2017 15:48

Capisco gli utenti domestici. Molti non spiccano di certo per una certa furbizia, ma utenti aziendali, anche di enti importanti. Ma chi li ha assunti? :roll:
10-5-2017 13:03

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come preferiresti controllare la Tv?
Con lo smartphone
Con il tablet
Con i gesti del corpo
Con la voce
Con il pensiero
Con il telecomando

Mostra i risultati (1762 voti)
Settembre 2019
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Tutti gli Arretrati


web metrics