Tim punisce il dipendente ascoltato dalla Camera dei Deputati

Sanzioni disciplinari per il sindacalista che ha parlato della crisi interna davanti alla Commissione Lavoro.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-05-2017]

cobas tim camera

Un deputato o un senatore non sono punibili per dichiarazioni rese durante il loro mandato parlamentare, in Parlamento o fuori dal Parlamento.

Questa immunità, che protegge un parlamentare dovunque questi si trovi a parlare, non vale invece per tutti gli altri cittadini, nemmeno quando essi si trovino nell'edificio del Parlamento per essere ascoltati dai in una delle cosiddette audizioni parlamentari, quando cioè i parlamentari ascoltano in seduta pubblica (oggi trasmessa anche in streaming sul sito web delle Camere) i cittadini rappresentanti di sindacati e associazioni imprenditoriali e di categoria.

Tale mancanza di protezione ha permesso a Tim di ritenere, per la prima volta dopo decenni di audizioni parlamentari che hanno avuto a tema anche Telecom Italia, di contestare un'infrazione disciplinare a un membro delle rappresentanze sindacali aziendali.

Al lavoratore in questione, appartenente alla confederazione sindacale Cobas che ha reso nota la vicenda, è stata contestata la dichiarazione da lui resa alla Commissione Lavoro della Camera a proposito della grave crisi relazionale interna a Tim.

Tale crisi è iniziata dopo la scelta, decisa dal nuovo vertice aziendale, di disdettare unilateralmente il contratto di lavoro aziendale tagliando permessi, giorni di ferie, parti di salario.

Sondaggio
Hai cambiato fornitore di banda larga (ADSL o fibra ottica) negli ultimi 5 anni?
Sì, una volta
Sì, più di una volta
No, ma lo farò nei prossimi 12 mesi
No, e non lo voglio fare

Mostra i risultati (1547 voti)
Leggi i commenti (5)

Per la legge, l'Autorità di Pubblica Sicurezza interna alla Camera dei Deputati è lo stesso Presidente della Camera, ed è molto improbabile che contro questo lavoratore e sindacalista Tim agirà in sede penale.

L'azione disciplinare sarà impugnata dai Cobas davanti al giudice del lavoro, il quale dovrà esprimersi sul fatto e stabilire se questo provvedimento disciplinare violi la libertà sindacale.

È inoltre possibile che si avvii anche una causa penale contro Tim se il lavoratore riterrà che il provvedimento nei suoi confronti violi i suoi diritti politici e la stessa libertà dell'organo legislativo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
TIM punisce i dipendenti che fanno commenti negativi
Tim, vietato criticare i dirigenti su Facebook
Tim disdetta il contratto integrativo e taglia i salari

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Telecom era un'ottima azienda prima che lo stato italiano la privatizzasse in modo così indegno ed indecoroso poi, purtroppo, è stata tutta una discesa nel baratro con manager ladri ed incompetenti e pescecani di ogni tipo che ne hanno dilaniato le carni a scapito di chi ci lavorava dentro. Ora purtroppo TIM è un morto che cammina... ... Leggi tutto
21-5-2017 20:18

Anch'io sto con Riccardo! Grazie del link... :wink: Leggi tutto
15-5-2017 19:14

{roberto}
vedo molti dirigenti di azienda che, visti dall'esterno, sembra lavorino per la loro concorrenza. speriamo non sia anche il caso di TIM, era un'ottima azienda.
15-5-2017 00:49

Mah, povero Riccardo, uno dei sindacalisti più equilibrati, tranquillo, non spara mai stupidaggini o commenti azzardati ... basta sentire l'intervento così offensivo per i manager TIM: link
14-5-2017 22:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3445 voti)
Aprile 2020
Violata Email.it: sottratti dati di 600.000 utenti, password comprese
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Tutti gli Arretrati


web metrics