Pronti per Java 1.5

In arrivo entro la fine dell'anno la nuova release del linguaggio di programmazione per eccellenza dedicato a Internet: Java. Presenta diverse nuove caratteristiche, segno della continua evoluzione nel settore della programmazione, particolarmente orientata alla programmazione distribuita e collaborativa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-11-2003]

E' prevista a breve l'uscita della nuova release di quello che puo' essere considerato il linguaggio di programmazione per eccellenza dedicato a Internet: Java.

La release 1.5 del Java Software Development Kit della Sun, nome in codice "Tiger", presenta alcune nuove caratteristiche significative, a indicare come quello dei linguaggi di programmazione sia un ambito in perenne sviluppo e continua fermentazione.

Dall'uscita della prima versione nel 1995, infatti molti aspetti del linguaggio sono stati limati e adattati alle nuove necessita' della rete; si parla di XML come di web services, ma la struttura di base e' rimasta ben solida e organizzata a testimonianza dell'attenzione per il rigore e la precisione semantica.

In questa nuova versione, oltre alle consuete migliorie nelle prestazioni, si aggiungono alcune nuove funzionalita' con due obiettivi comuni: rendere il linguaggio sempre piu' orientato allo sviluppo in rete e attrarre nuovi sviluppatori, siano essi professionisti provenienti da altri ambienti o nuove leve. Questi obiettivi si traducono essenzialmente nell'implementazione di nuovi costrutti finalizzati a rendere piu' lineare e semplice la scrittura del codice, aumentando allo stesso tempo la sua solidita'.

Queste nuove strutture idiomatiche sono essenzialmente sei e spaziano dall'uso dei generics, ovvero della possibilita' di specificare il tipo di oggetto contenuto in una collezione, a un ciclo for potenziato, che richiama il "for-each" presente in molte altre semantiche; dall'autoconversione tra tipi di dato primitivi e classi wrapper, alla possibilita' di importare membri statici senza specificare il nome della classe a cui appartengono; da una nuova struttura enumerativa (enum e' l'unica nuova keyword introdotta nel linguaggio) a una forte spinta ai metadati, utilizzati per evitare la scrittura di codice ripetitivo, soprattutto utilizzando tools di sviluppo o ambienti RAD.

Osservando questi cambiamenti l'impressione e' sicuramente positiva: si tratta infatti di implementazioni che sono state fortemente richieste dagli sviluppatori, ma e' anche forte la sensazione che vi siano anche altre motivazioni alle spalle di queste novita'.

Una forte spinta a introdurre questi cambiamenti proviene sicuramente dalla forte concorrenza con altri linguaggi di programmazione, soprattutto con C# e Python.

Il primo, sostenuto da Microsoft (la quale, ricordiamo, ha eliminato dalla nuova versione del suo sistema operativo la Java Virtual Machine) con notevoli risorse di marketing, ha trovato una buona accoglienza non solo tra gli sviluppatori Windows ma anche in ambito GNU/Linux, grazie al rapido e valido sviluppo dei progetti liberi Mono e Dot GNU; il secondo è un linguaggio di scripting distribuito con licenza GPL compatibile, che con la sua struttura fortemente a oggetti ha trovato e continua a trovare estimatori sia tra programmatori desktop che web-oriented, grazie all'application server Zope.

Altra spinta sicuramente molto influente e' il grande successo che sta ottenendo il software libero tra le grandi aziende, e a tal proposito e' da sottolineare come GNU/Linux in particolare stia decisamente contribuendo ad "affossare" il sistema operativo della Sun, Solaris. L'azienda presenta bilanci non ottimali in questo settore e sta quindi investendo notevoli risorse nel settore delle consulenze, dei servizi e dell'implementazione di sistemi, il tutto ovviamente Java-based

L'introduzione di molte di queste nuove funzionalita' del linguaggio appaiono non solo come un tentativo di parare i colpi (piu' o meno bassi) di altre aziende e attrarre sviluppatori da altri linguaggi, ma anche come un ulteriore segno di avvicinamento al mondo del software libero.

Ora sono ancora piu' numerosi gli sviluppatori che attendono solo un'ultimo gesto di apertura: il rilascio dell'ambiente Java sotto licenza GPL compatibile, che forse puo' essere meno lontano di quanto sembri.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Paolo Conte
meglio ma.. Leggi tutto
7-11-2003 08:53

yoyo
meglio ma.. Leggi tutto
6-11-2003 21:12

Marco Marcozzi
Complimenti! Leggi tutto
6-11-2003 15:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1953 voti)
Aprile 2020
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Tutti gli Arretrati


web metrics