Il robot che sa stirare alla perfezione

Teo è la colf 2.0 che un giorno tutti avremo in casa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-06-2017]

teo robot stira

Se ci fosse un sondaggio che chiedesse quali lavori domestici si vorrebbe poter affidare a un robot, probabilmente l'uso del ferro da stiro sarebbe ai primi posti.

Alcuni ricercatori dell'Università Carlos III di Madrid devono essere proprio di questa opinione e così hanno creato TEO, un robot alto 1,80 m, pesante 80 kg e capace di stirare i vestiti.

L'idea può in un primo momento far sorridere, ma se ci si pensa bene non si può non riconoscere che, per svolgere il proprio lavoro, Teo deve essere un concentrato di alta ingegneria.

Grazie alle telecamere inserite nella testa, Teo esamina il vestito da stirare, che qualcuno ha gentilmente appoggiato sull'asse da stiro.

Poi crea un modello 3D che comprende sia il capo che la tavola, e quindi distingue le zone spiegazzate dalle pieghe che hanno una ragion d'essere.

Infine attiva le braccia robotiche e, impugnato il ferro, restituisce un aspetto perfetto a ogni capo d'abbigliamento, senza mai lamentarsi per il caldo o per la fatica del lavoro. Al limite, si può osservare che è un po' lento.

Sondaggio
A inizio millennio per lavorare nella new economy bisognava trasferirsi nelle grandi città, soprattutto Milano. Oggi la banda larga si è diffusa, ci sono nuove piattaforme di collaborazione ed è cambiato l'approccio al lavoro. Alla luce di questo...
Abito in una grande città e qui rimarrò.
Abito in una grande città ma sto valutando di trasferirmi in provincia.
Abito in provincia e non mi sposterò di certo.
Abito in provincia ma sto valutando di trasferirmi in una grande città.
Abitavo in una grande città ma mi sono traferito in provincia.
Abitavo in provincia ma mi sono trasferito in una grande città.
Città o provincia non fa grande differenza, ma mi sono trasferito (o sto valutando di trasferirmi) all'estero.

Mostra i risultati (1222 voti)
Leggi i commenti (21)

«Viene calcolato il metodo migliore per effettuare la stiratura e, in base a questo, l'algoritmo di manipolazione esegue l'operazione» spiegano i creatori del robot.

Juan G. Victores, uno degli scienziati, racconta che «Teo è progettato per fare ciò che fanno gli umani nel modo in cui lo fanno gli umani»: ciò spiega in parte la lentezza, ma anche la cura posta in ogni lavoro e la possibilità di espandere le capacità del robot.

L'idea di base è avere infatti a disposizione un automa in grado di replicare ogni lavoro domestico fatto da un essere umano: l'obiettivo è fare in modo che Teo possa imparare una nuova operazione semplicemente guardando qualcun altro compierla.

«Un giorno» - sogna Victores - «avremo in casa dei robot come Teo. È solo questione di chi riuscirà a costruirli per primo».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Beh, il fatto che sia lento non è un problema, la cosa da migliorare sarebbe che si posizionasse i capi sull'asse da stiro e, magari, li piegasse e riponesse a parte in autonomia, in questo modo gli si potrebbe mettere a fianco la pila di panni da stirare e lasciarlo lavorare da solo fino a che finisce.
16-7-2017 10:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1137 voti)
Settembre 2017
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
L'appuntamento online più imbarazzante della storia?
Bug in Android Oreo consuma tutto il traffico dati
Addio torrent, i pirati ora sono su Google Drive
YouTube Mp3 si arrende alle major
iPhone 8, Apple fissa la data di lancio
Agosto 2017
Il BlackBerry che soppianterà iPhone e Galaxy
40 anni di ''segnale Wow''
Antibufala: Barcellona, venditori ambulanti preavvisati dell’attentato!
Il ''cop button'' di iOS 11 dà manforte ai criminali
Motorola brevetta lo schermo che si ripara da solo
Accesso a reti Wi-Fi
Tutti gli Arretrati


web metrics