Windows 10 abbandona gli Atom Clover Trail

Hanno appena quattro o cinque anni, ma per Microsoft sono già troppo vecchi per essere supportati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-07-2017]

microsoft windows 10 creators update clover trail

Quando Microsoft annunciò la strategia inaugurata con Windows 10 e denominata Windows as a Service ci furono alcuni buoni motivi per gioire.

Con essa, l'aggiunta di novità al sistema operativo non costringe più all'acquisto di una nuova versione: Microsoft rilascia un aggiornamento consistente un paio di volte l'anno e il vecchio Windows 10 viene arricchito di funzionalità.

Windows 10 diventa così sostanzialmente immortale: in teoria un'installazione fatta nel 2015 potrebbe continuare ad aggiornarsi indefinitamente, senza mai restare indietro rispetto a Pc più recenti e senza costringere mai l'utente ad acquistare un nuovo sistema.

In pratica, però, questo modello presenta alcuni limiti, come hanno scoperto di recente i possessori di sistemi dotati di processori Atom Clover Trail.

La piattaforma Clover Trail è stata introdotta da Intel nel 2012 ed è stata usata ampiamente su tablet e portatili.

Negli ultimi tempi, gli utenti di sistemi Clover Trail che hanno provato ad aggiornare Windows 10 al Creators Update si sono trovati davanti a un triste messaggio, che li informava del fatto che il loro Pc non era più supportato.

All'improvviso, macchine di quattro o cinque anni fa si sono rivelate obsolete, impedendo ai loro utenti di aggiornare il sistema.

I processori coinvolti sono i modelli Atom Z2760, Atom Z2520, Atom Z2560 e Atom Z2580.

Sondaggio
Il numero di multe per l'utilizzo di smartphone alla guida è aumentato del 18% nel primo semestre 2017. Il direttore del servizio di Polizia Stradale propone il ritiro della patente fin dalla prima infrazione, con una sospensione di un minimo di 15 giorni. Sei d'accordo?
No

Mostra i risultati (2024 voti)
Leggi i commenti (15)

Interpellata sulla questione, Microsoft ha risposto che per quegli specifici processori Windows 10 Creators Update non dispone dei driver della Gpu integrata, e pertanto rifiuta di installarsi (dopo aver scaricato i circa 3 Gbyte necessari all'installazione): le macchie dotate di tali Cpu sono pertanto limitati all'Anniversary Update, rilasciato circa un anno fa.

Ciò significa anche che quei sistemi riceveranno aggiornamenti di sicurezza soltanto fino all'inizio del 2018 (ogni major version di Windows 10 è supportata per 18 mesi), e poi eventuali falle scoperte resteranno non corrette.

A Redmond sono coscienti dei problemi che questa situazione comporta, e hanno promesso che investigheranno: è possibile che prossimamente i driver della Gpu vengano aggiornati, e che anche i Clover Trail possano installare il Creators Update. Ma per ora non ci sono certezze, nemmeno sui tempi.

Tutto ciò getta una luce un po' sinistra sul modello Windows as a Service: ogni nuovo aggiornamento di Windows potrebbe etichettare come non più supportata una nuova piattaforma, magari vecchia di appena qualche anno, costringendo gli utenti a comprare un nuovo Pc per poter ricevere ancora gli aggiornamenti (indispensabili, come le recenti epidemie di ransomware dimostrano). Oppure ad abbandonare Windows.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft: ''Sì, disabilitiamo gli antivirus. Per il bene degli utenti''
''Windows 10 ha distrutto il mio PC'' e fa causa a Microsoft
Hai un processore nuovo? Non potrai aggiornare Windows

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

L'insondabile psiche di Nadella & Co. è sempre più schizofrenica e certo non per il mancato supporto alle GPU Atom citate nell'articolo... :roll:
29-7-2017 19:13

Grazie della segnalazione, ora lo segnalo. In effetti, qualcosa hanno fatto, almeno per questi modelli recenti. Leggi tutto
23-7-2017 10:08

Non è che la gente, non conta più, conta eccome, ma in modo diverso. Prima eri cliente, ora sei consumatore. Si chiama obsolescenza programmata, che sia dal lato hardware o software non conta, è inevitabile. Popolazioni sempre più numerose hanno bisogno di lavorare, di crescere, convinti che potranno farlo all'infinito. MS e i... Leggi tutto
23-7-2017 09:54

{utente anonimo}
correggete la notizia per favore come detto nel post precedente, non tutti leggono i commenti, altrimenti sembra una mezza bufala, e su un sito che si fa vanto delle antibufale sta proprio male.
22-7-2017 15:59

{utente anonimo}
MS ha dichiarato che non si potranno aggiornare a CU, ma garantisce gli aggiornamenti di sicurezza fino al 2023. Ottima reazione da parte di MS questa volta, tuttavia restano validi i dubbi sul modello di software in perenne aggiornamento/trasformazione, che poi vuol dire in beta perenne.
21-7-2017 19:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Ad alta quota, secondo te, qual è il comportamento più fastidioso?
Il passeggero della fila avanti che reclina lo schienale, senza nemmeno girarsi e avvisarti gentilmente.
Il passeggero della fila dietro che punta le piante dei piedi (o le ginocchia) nella parte alta del sedile.
I bambini che urlano ripetutamente o infastidiscono gli altri passeggeri, senza che i genitori intervengano.
Il passeggero che puzza di sudore.
Il passeggero che ascolta la musica ad alto volume.
Il passeggero che si ubriaca in volo.
Il passeggero che cerca di psicanalizzarti... per tutto il viaggio.
Il passeggero che si allarga sui braccioli del vicino.
I passeggeri che amoreggiano durante il volo.
Il passeggero che cerca di rimorchiare.

Mostra i risultati (2282 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics