L'Italia è un paese di ''capitani d'azienda''

I lavoratori in proprio sono aumentati del 5,1%.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-07-2017]

jobs2

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Italiani puntano alle startup e sull'industria 4.0

L'analisi della forza lavoro italiana mostra che tra aprile 2016 e aprile 2017 si è verificato uno spostamento nel numero di professionisti che hanno scelto di abbandonare organizzazioni di medie e grandi dimensioni a favore di imprese più piccole e società unipersonali.

Sondaggio
Qual è l'espressione più ricorrente nella tua azienda, tra queste?
Ampia gamma
Capacità comunicative
Creativo
Dinamico
Efficace
Esperienza collaudata
Innovativo
Manageriale
Motivato
Multinazionale
Problem solving
Specializzato
Vasta esperienza

Mostra i risultati (1698 voti)
Leggi i commenti (15)

La ricerca rivela che le società unipersonali, o il cosiddetto "lavoro in proprio", hanno registrato la crescita maggiore con un 5,1% rispetto a 2016, seguite dalle aziende con un massimo di 10 dipendenti, pari allo 0,7%.

I settori con la maggiore crescita tra le società unipersonali sono Tecnologia e software (7,9%) e Servizi professionali e Architettura e ingegneria (5,7%). L'aumento del numero di professionisti che lavorano all'interno di piccole aziende è in contrasto con la tendenza nelle aziende di grandi dimensioni, in particolare quelle con un numero di dipendenti compreso tra 501 e 1000, per cui è stata osservata una riduzione dell'1% del numero di professionisti negli ultimi 12 mesi.

A quanto pare, sempre più lavoratori italiani tentano la propria strada come imprenditori, cosa che caratterizza l'Italia come un paese di "capitani d'azienda". Imprenditore (3,6%) è la funzione aziendale in più rapida ascesa, con Sviluppo aziendale in seconda posizione (2,4%), seguito da Marketing (1,8%) e Finanza (1,6%).

L'aumento del numero di imprenditori evidenzia come gli italiani siano sempre più interessati a creare qualcosa di nuovo e a lavorare in modo indipendente. Le piccole aziende e gli imprenditori stanno vivendo un momento di grande importanza per il mercato del lavoro italiano.

Allo stesso tempo, le grandi aziende (più di 10.001 dipendenti) hanno assistito a una riduzione dei dipendenti dello 0,5%, principalmente nei settori delle Telecomunicazioni (1,9%) e Retail (1%).

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Il Regno Unito è la principale destinazione per i professionisti italiani

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 62)

Scusate ma mi aveva postato lo stesso post due volte e il secondo l'ho corretto.
4-8-2017 15:02

Francamente sono stupito, considerate le difficoltà nell'aprire e sostenere una nuova società in Italia, dell'aumento così sensibile di nuove società unipersonali. L'unica spiegazione che ci vedo, anche a fronte della diminuzione dell'impiego dei professionisti nelle grandi aziende è la tendenza di queste ultime di sostituire i... Leggi tutto
4-8-2017 15:02

test
3-8-2017 12:44

{mason}
@helados Startup è uno dei tantissimi modi per prendere per i fondelli la gente: basta rinominare qualcosa e per magia quello che era sparisce, sostituito dal nuovo, senza fare niente per cambiare il contesto Tutta facciata, come i politici e l'italia stessa. Chi ha vissuto sulla propria pelle cosa vuole dire aprire una nuova... Leggi tutto
21-7-2017 11:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali tra questi tuoi dati personali sono pubblici sui social network (chiunque può vederli e non solo i tuoi amici)?
Solo il mio nome per intero e la foto del profilo
In teoria tutto, non mi preoccupo delle impostazioni per la privacy
Nome completo, foto e post
Nome completo, foto, status, geolocalizzazioni e check-in
Non ci ho mai pensato

Mostra i risultati (903 voti)
Aprile 2020
Violata Email.it: sottratti dati di 600.000 utenti, password comprese
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Tutti gli Arretrati


web metrics