Adobe annuncia la morte di Flash

La popolare e disprezzata tecnologia cesserà di esistere nel 2020.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-07-2017]

adobe morte Flash

Se l'annuncio dell'eliminazione di Paint da Windows ha causato una piccola ribellione da parte degli utenti, il comunicato dello stesso tenore fatto da Adobe genererà probabilmente soltanto giubilo e soddisfazione.

Il gigante della grafica ha infatti stabilito ufficialmente la data di morte di Flash: il 31 dicembre 2020.

Per qualche tempo, Flash nel web è stato peggio del prezzemolo: non c'era sito che non avesse una intro animata, una pratica che oltre a far perdere tempo agli utenti richiedeva di scaricare fin troppi dati in un periodo in cui le connessioni via modem analogico erano ancora molto diffuse.

Flash ha poi raggiunto il culmine del proprio successo grazie a YouTube, quando si è rivelato indispensabile per poter sfruttare la sempre più popolare piattaforma di condivisione video.

Tanta diffusione ha fatto però emergere anche le magagne: una serie infinita di problemi di sicurezza, unita all'evidente e insaziabile fame di risorse (che riducevano drasticamente la vita delle batterie), ha fatto sì che per tutti Flash diventasse ormai quasi una parolaccia.

Non è un mistero che anche Steve Jobs fosse di questa opinione, e infatti l'iPhone sin dal lancio - in un momento in cui Android si vantava proprio di supportare Flash - ha sempre evitato di includere la tecnologia di Adobe.

L'inizio del vero declino di Flash è iniziato con l'apparizione di Html 5 e standard come WebGL e WebAssembly, che l'hanno reso obsoleto, essendo in grado di fornire le medesime funzionalità con prestazioni superiori e molti meno problemi.

Sondaggio
I cartelli di avviso inducono gli automobilisti a manovre di emergenza, frenando di colpo per poi accelerare nuovamente una volta passato l'autovelox. È allo studio un progetto di rimuovere tutte le segnalazioni anche da app e navigatori: sei d'accordo?
Sì, le strade saranno più sicure
No, servirà solo ad aumentare le multe

Mostra i risultati (1485 voti)
Leggi i commenti (14)

Tuttavia Flash resiste tuttora in alcune nicchie: è ancora usato da alcuni siti per mostrare i video (anche se i browser hanno iniziato a evitare la riproduzione automatica dei contenuti in Flash) e per diversi semplici videogiochi popolari nel web.

In ogni caso, ora anche Adobe s'è arresa all'evidenza. Il supporto a Flash sui vari dispositivi continuerà sino al 2020, e in questi anni l'azienda stessa aiuterà gli sviluppatori a passare verso altre tecnologie, con particolare attenzione agli standard aperti del web.

Microsoft ha già fatto sapere che, a seguito dell'annuncio, inizierà l'eliminazione di Flash dai propri browser, arrivando alla cancellazione completa da Windows nei prossimi due anni e mezzo.

Facebook, dal canto proprio, è già al lavoro per convertire tutti i giochini in Flash e anche Mozilla ha elaborato una roadmap per gestire la questione in Firefox. Questa volta Flash ha davvero i giorni contati.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Apple cancella gli iPod Nano e Shuffle
Microsoft cancella Paint e Outlook Express da Windows
Aggiornamenti di rito (ma importanti) per Flash e Microsoft
Chrome dà il benservito a Flash
Falla critica in Flash, la patch ancora non c'è
Aggiornamenti Flash: abbiamo fatto venti, facciamo ventuno
Da oggi Chrome e Amazon bloccano Flash negli spot
Flash vecchio bloccato automaticamente in Firefox e Chrome; aggiornatelo

Commenti all'articolo (3)

Oramai credo che in pochi lo piangeranno o rimpiangeranno...
7-8-2017 19:25

{Marco}
Google si era già portata avanti e ora non ha bisogno di fare nulla :)
27-7-2017 15:22

Gli anni contati... :lol: e speriamo che sia vero... :roll: Leggi tutto
26-7-2017 19:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il tuo operatore principale di telefonia mobile?
Tim
Vodafone
Tre
Wind
Un operatore virtuale (Carrefour, PosteMobile, ecc.)
Utilizzo più Sim
Non ho il cellulare... ma non mi crede nessuno

Mostra i risultati (4154 voti)
Ottobre 2017
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
Tutti gli Arretrati


web metrics