Ubuntu 17.10 abbandona i 32 bit

Canonical non distribuirà immagini Iso a 32 bit dell'edizione Desktop.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-10-2017]

ubuntu 17.10 no 32 bit

Con l'avvicinarsi di ottobre è partito il conto alla rovescia per il rilascio di Ubuntu 17.10 Artful Aardvark.

Al di là delle novità di questa versione, c'è un cambiamento che finora non era stato annunciato e che ha colto un po' tutti di sorpresa: l'abbandono dei 32 bit.

Rivelato da un messaggio nella mailing list ufficiale degli sviluppatori, è un segno dei tempi: le piattaforme i386 non sono più l'hardware maggiormente diffuso, e i 64 bit stanno ormai prendendo piede ovunque.

Pertanto, dai canali Beta e Final di Ubuntu 17.10 spariranno le immagini della edizione Ubuntu Desktop i386. Naturalmente, ciò comporta che non ci sarà mai un'immagine iso definitiva per Ubuntu Desktop a 32 bit.

L'abbandono dell'architettura i386 non è però completo: Canonical continuerà infatti a produrre le immagini i386 per le edizioni alternative (Ubuntu Core, netinst e via di seguito), dalle quali dovrà quindi per forza partire chi vorrà realizzare un sistema desktop Ubuntu a 32 bit.

Sondaggio
Qual è il tuo linguaggio di programmazione preferito?
C
Java
PHP
JavaScript
C#
Visual Basic .NET
C++
Perl
Python
Ruby

Mostra i risultati (1675 voti)
Leggi i commenti (17)

La decisione riguarda la distribuzione principale, Ubuntu, quella equipaggiata con l'ambiente desktop Gnome.

Non è chiaro se seguiranno la stessa strada anche le altre edizioni, come Lubuntu, Xubuntu o Ubuntu Mate.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Ricordi bene, ora verranno subito dirottati su derivate più leggere, tipo Xubuntu o Lubuntu. Leggi tutto
2-10-2017 18:31

{Paolo Del Bene}
@aldolo era il 1991 quando Linus Benedict Torvalds svilippava il Linux monolitico kernel, all'epoca si erano sempre sviluppati microkernels. link
2-10-2017 17:37

Vado a memoria, mi sembra che Canonical stessa, quando supportava entrambe le distribuzioni, su macchine con meno di 4GB di RAM consigliava di montare la versione a 32 bit, che si sarebbe comportate meglio di quella a 64... Leggi tutto
2-10-2017 15:47

Colgo l'occasione per segnalare il mio thread http://forum.zeusnews.com/viewtopic.php?t=71116 anche per chi volesse intervenire. Ci saranno sempre distribuzioni a 32 bit, sarà da capire piuttosto quanto conviene installarle su certe macchine. Non fanno miracoli su vecchi pc, ma possono farli su hardware recente ma poco potente, del... Leggi tutto
1-10-2017 22:49

Beh, in fondo anche la tecnologia evolve, comunque Ubuntu non è certo l'unica distribuzione Linux esistente, e sicuramente ce ne sono tantissime che gestiscono ancora i 32 bit :wink:
1-10-2017 19:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (532 voti)
Ottobre 2017
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
Tutti gli Arretrati


web metrics