Yahoo, gli account violati nel 2013 sono ben 3 miliardi

È il triplo di quanto era stato ammesso inizialmente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-10-2017]

yahoo 3 miliardi

Ricordate la violazione dei server di Yahoo avvenuta nel 2013 ma emersa soltanto più di recente?

Inizialmente pareva che fossero stati compromessi 200 milioni di account; poi il numero è salito a mezzo miliardo; infine si è scoperto che gli account violati erano un miliardo.

Pareva che fosse finita lì, con una brutta situazione che aveva coinvolto addirittura un terzo degli utenti di Yahoo.

Invece le cose stanno molto peggio: l'azienda di Sunnyvale stessa, che da quest'anno è parte di Verizon, ha aggiornato la pagina relativa all'attacco e ha ammesso che gli account violati sono ben 3 miliardi. In altre parole, tutti gli utenti sono stati coinvolti.

Gli autori dell'attacco sono entrati in possesso di nomi, indirizzi email, numeri di telefono, date di nascita, hash MD5 delle password e, in qualche caso «domande di sicurezza, e relative risposte, in forma crittografata e no».

Fin a oggi, sebbene il numero degli account compromessi fosse altissimo, pareva che la maggior parte degli utenti di Yahoo fosse rimasta al sicuro.

Sondaggio
Secondo te qual è l'estensione più utilizzata in Italia, tra le ultime nate?
.app
.art
.casa
.cloud
.design
.holiday
.hotel
.online
.shop
.srl
.store
.web

Mostra i risultati (1296 voti)
Leggi i commenti (1)

Invece, ora emerge che chiunque avesse un account Yahoo nel 2013 è coinvolto nell'accaduto.

Pertanto, anche quanti a suo tempo non hanno cambiato la password del proprio account faranno bene a correre ai ripari e magari attivare anche l'autenticazione a due fattori: è un classico esempio di "chiudere la stalla dopo che i buoi sono scappati", ma la colpa in questo caso è tutta di Yahoo.

Se poi la medesima password è usata altrove, sarà bene cambiarla anche presso quei servizi: la crittografia MD5 non è considerata molto robusta, quindi non è del tutto impossibile che chi è entrato in possesso degli hash non sia riuscito a risalire alla password originale.

Infine, è bene ricordare che l'attacco del 2013 va distinto da quello del 2014, condotto sempre ai danni di Yahoo, e che ha portato alla violazione di 500 milioni di account.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Per violare Yahoo è bastato un clic
Yahoo violata, colpiti 1 miliardo di utenti
Yahoo, violati 200 milioni di account
L'auto che percorre 140 km con 10 centesimi di elettricità

Commenti all'articolo (2)

Ma sono poi credibili quando dicono che nel 2014 sono stati violati "solo" 500 milioni di account??? :shock: :roll:
9-10-2017 18:20

{umby}
Adesso lo dicono, 3 miliardi? Dice il detto "meglio tardi che mai" ma questi esagerano!!!
4-10-2017 20:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (351 voti)
Gennaio 2020
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Tutti gli Arretrati


web metrics