Mega-falle Wi-Fi WPA2, sicurezza a rischio per quasi tutti, ma niente panico



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-10-2017]

Sono in viaggio e di corsa, ma provo a fare rapidamente il punto sulle falle nella sicurezza del protocollo WPA2 che normalmente protegge i collegamenti Wi-Fi.

Le falle, denominate collettivamente KRACK, sono reali e consentono di intercettare il traffico di dati Wi-Fi nonostante la protezione WPA2. Quello che non si sa ancora è quanto sia facile o difficile sfruttarle: questi dettagli verrano resi noti nel primo pomeriggio di oggi da un annuncio tecnico formale coordinato presso la pagina Krackattacks.com.

Gli organismi di gestione della sicurezza informatica, come i CERT, sono stati allertati da tempo e hanno predisposto le soluzioni. Per ora si sa che sono stati assegnati questi codici CVE: CVE-2017-13077, CVE-2017-13078, CVE-2017-13079, CVE-2017-13080, CVE-2017-13081, CVE-2017-13082, CVE-2017-13084, CVE-2017-13086, CVE-2017-13087 e CVE-2017-13088.

Per il momento è il caso di prepararsi ad aggiornare il firmware dei propri access point e dei propri dispositivi Wi-Fi (un grattacapo non banale per chi amministra reti complesse o per utenti non esperti; alcune marche hanno già pronta la patch) e usare connessioni Wi-Fi che oltre al WPA2 sono cifrate da HTTPS e/o dall'uso di una VPN (di un fornitore affidabile).

Sondaggio
Qual è tra questi il motivo più importante per connetterti e utilizzare una rete Wi-Fi pubblica?
Per poter usare Google Maps o altri servizi di Gps.
Nel caso in cui qualcuno debba mettersi in contatto urgentemente con me.
Per non consumare il mio piano dati.
Per poter utilizzare un social network come Facebook, Instagram, Snapchat o altri.
Per rimanere in contatto con i miei contatti di lavoro (il capo, i clienti, i colleghi ecc.).
Per utilizzare i servizi di streaming come Netflix, Google Music e simili.
Per consultare il mio conto corrente online / carte di credito / informazioni finanziarie.
Per rimanere in contatto con i miei figli / parenti.
Per usare o aggiornare le mie app di dating online.

Mostra i risultati (1250 voti)
Leggi i commenti (5)

In estrema sintesi: se vi collegate a un sito usando HTTPS tramite Wi-Fi, siete comunque protetti contro le intercettazioni. Se usate una VPN, siete comunque protetti. Al di fuori di questi casi, avete un grosso problema, specialmente se avete una rete Wi-Fi domestica, aziendale o alberghiera.

Se volete saperne di più, consiglio di leggere questo articolo in inglese di Ars Technica e questa sintesi su The Register. C'è anche uno spiegone leggero della BBC. Aggiornerò man mano questo articoletto.

11:40. L'articolo tecnico che spiega le falle è stato pubblicato (o reso pubblico da terzi) prima del previsto:

krack2

12:25. DoublePulsar riassume così la situazione:

  • Le falle sono rimediabili: non è vero che non si può fare nulla
  • Gli aggiornamenti correttivi per Linux sono già disponibili
  • Le falle non sono realisticamente sfruttabili contro dispositivi Windows o iOS
  • Il rischio principale riguarda i dispositivi Android che non vengono aggiornati o non possono essere aggiornati
  • Non esiste, al momento, un kit di sfruttamento di queste falle: il livello di competenza necessario per sfruttarle è molto elevato.
  • Niente panico, ma cercate e installate gli aggiornamenti di sicurezza per i vostri dispositivi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (3)

Come pensavo io...bastano sistemi operativi aggiornati (e questo taglia fuori vecchi modelli con Android), ed elevata competenza dell'hacker (ai voglia che mirino al normale utente).
28-10-2017 23:25

{francesco}
Mi dicono che è un problema dei client non degli AP, certo un AP può fare anche da client in alcune situazioni tipo bridge, ma vorrei sapere se un AP (non client) necessita aggiornamenti
25-10-2017 11:11

La situazione quindi, pur se da non sottovalutare, sembra meno peggio del previsto. :phew:
24-10-2017 19:12

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Ricevi un'email con un allegato Word dal nome “Addebiti”. Cosa fai?
Scarico il file e lo apro. Dev'essere qualcosa di importante
Prima di aprirlo, scansiono il file alla ricerca di eventuali virus
Inoltro l'email alla mia banca o alla mia azienda
Cancello il messaggio

Mostra i risultati (3439 voti)
Settembre 2021
È morto sir Clive Sinclair, creatore dello ZX Spectrum
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 17 settembre


web metrics