La guerra del caro SMS

Mentre infuria la polemica sull'aumento del prezzo dei "messaggini", qualche consiglio per risparmiare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-11-2003]

E' scoppiata una dura polemica tra le maggiori associazioni italiane dei consumatori e i gestori mobili sull'aumento del prezzo degli Sms che recenti indagini sociologiche hanno eletto tra i "mass-media" preferiti dai giovani italiani.

Per le associazioni dei consumatori i recenti rincari che hanno portato il prezzo di un Sms da 12 centesimi a 15 centesimi sono assolutamente ingiustificati, a fronte di un costo industriale dell'Sms di 0,1 centesimi mentre i gestori, all'unisono e senza farsi concorrenza su questo, sostengono che, se è aumentato il costo del singolo Sms, il consumatore ha la possibilità di avere una buona convenienza a sottoscrivere formule forfettarie che gli garantiscono piccoli pacchetti di Sms con un forte sconto. Sulla questione le associazioni dei Consumatori sono ricorse all'Authority che dovrà esprimersi tra poco più di un mese.

Bisogna dire che i gestori mobili non brillano molto per trasparenza: mentre ci inondano di Sms promozionali delle loro più diverse offerte tariffarie e di nuovi servizi non hanno trovato il tempo per comunicarci che i nostri amati messaggini erano aumentati, avrebbero potuto incaricare il mastino napoletano o Megan Gale di dircelo e, non averlo fatto, non è stato molto carino da parte loro. Anche le stesse offerte di pacchetti di Sms scontati che l'anno scorso costavano 5 Euro (per circa 100 Sms mensili declinati in diversi modi) adesso costano 6 Euro che fa il 20% di aumento e, quindi, le associazioni dei consumatori non hanno proprio torto.

I clienti, in futuro, dovranno approfittare di più delle possibilità che gli stessi gestori offrono di inviare Sms dal Web: collegandosi ai siti di Tim e Vodafone e registrandosi i clienti di questi gestori hanno la possibilità di inviare fino a 10 Sms gratuitamente e, non so quanti lo sappiano e quanti ne approfittino, pur potendolo fare da casa o dall'ufficio. Anche i sempre più numerosi abbonati dell'Adsl di Telecom Italia, le varie offerte di Alice, o di Tiscali hanno un'analoga possibilità di inviare Sms, possibilità che fa parte a tutti gli effetti dei vantaggi di questi abbonamenti.

In più, oggi, c'è la possibilità di inviare Sms da un telefono fisso ad un altro(o anche un Sms da un telefono fisso ad un indirizzo e-mail), e tutti i nuovi cordless e telefoni fissi prevedono questa funzione. Oggi Telecom Italia offre la tariffa " Chat Sms" che, al costo di 1 Euro al mese, dà la possibilità di inviare tutti gli Sms che si vuole da un telefono fisso ad un altro,mentre il costo di un singolo SMS da telefono fisso è di 3 centesimi fino a 160 caratteri, e 6 centesimi per quelli fino a 640 caratteri. Il costo di un Sms da telefono fisso verso un telefono mobile, di qualsiasi gestore, è ancora di 10 centesimi (9 per chi sottoscrive "Chat Sms") mentre i telefoni fissi, per ora, possono ricevere Sms solo dai telefonini Tim.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Giancarlo
...e per di più nono funziona nulla!! Leggi tutto
3-12-2003 19:04

Michele
Christmas Card & Carta Auguri Tim Leggi tutto
26-11-2003 20:54

alessio
per chi èin crisi di sms (come me) e non sa più da dove inviarli via internet si iscriva a www.popolis.it . 5 sms gratis al giorno verso tutti gli operatori!
20-11-2003 19:28

Antonio
Una ulteriore fregatura Leggi tutto
19-11-2003 17:53

steve
precisazione Leggi tutto
19-11-2003 08:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra le invenzioni presentate alla Electrolux Lab Competition 2013 ti piacerebbe avere?
3F, l'aspirapolvere mutaforma
Breathing Wall, il muro che respira
Nutrima, la bilancia che ti dice se il cibo Ť fresco
OZ-1, la collana che assorbe i cattivi odori
Kitchen Hub, la dispensa intelligente
Mab, gli insetti che puliscono la casa
Global Chef, cucinare in telepresenza
Atomium, la stampante 3D per i cibi

Mostra i risultati (1000 voti)
Aprile 2020
Violata Email.it: sottratti dati di 600.000 utenti, password comprese
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Tutti gli Arretrati


web metrics