UE, giro di vite sui Bitcoin: la fine dell'anonimato è vicina

Norme più severe per combattere l'evasione e il riciclaggio di denaro.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-12-2017]

bitcoin ue ek norme

Sono finiti i tempi in cui i Bitcoin erano relegati al rango di mera "curiosità per smanettoni informatici".

Persino la stampa, ormai, informa quasi quotidianamente i propri lettori circa il continuo aumento del valore della criptovaluta, e i termini relativi all'invenzione di Satoshi Nakamoto stanno diventando comuni anche per il grande pubblico.

L'ovvia conseguenza di tanta popolarità è l'interesse dei legislatori, preoccupati che la criptovaluta possa facilitare l'evasione fiscale e il riciclaggio di denaro.

Sebbene l'uso dei Bitcoin sia tanto limitato da non costituire ancora alcuna minaccia per i mercati, i legislatori sembrano intenzionati a non lasciare indietro questa moneta.

Sia il Regno Unito che l'Unione Europea stanno già progettando nuove norme che impediscano di commerciare in Bitcoin protetti dall'anonimato: sostengono infatti che la possibilità di nascondere la propria identità offerta dal sistema abbia attirato figure poco raccomandabili, dagli spacciatori di droga a varii tipi di criminali.

Sondaggio
I cartelli di avviso inducono gli automobilisti a manovre di emergenza, frenando di colpo per poi accelerare nuovamente una volta passato l'autovelox. È allo studio un progetto di rimuovere tutte le segnalazioni anche da app e navigatori: sei d'accordo?
Sì, le strade saranno più sicure
No, servirà solo ad aumentare le multe

Mostra i risultati (1585 voti)
Leggi i commenti (14)

Il piano della UE prevede quindi che ogni piattaforma che permetta lo scambio dei Bitcoin debba obbligare i propri utenti a utilizzare i propri dati reali, eseguendo anche le dovute verifiche per evitare l'inserimento di informazioni fasulle.

Il vicegovernatore della Banca d'Inghilterra, sir Jon Cunliffe, si muove sulla stessa linea: ha infatti dichiarato che chi investe in Bitcoin deve «fare i compiti a casa» ossia, in altre parole, deve essere soggetto alle stesse regole e agli stessi obblighi cui sottostanno quanti investono in valute tradizionali.

Regno Unito e Unione Europea hanno avviato dei negoziati per arrivare a un quadro comune al fine di combattere l'uso illecito della criptovaluta: ci si aspetta che essi giungano a conclusione al più tardi nei primi mesi del 2018.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il sito che vi ruba risorse per i Bitcoin, anche a browser chiuso
Più di 2.000 dollari per un Bitcoin
La farsa del ''padre'' dei Bitcoin

Commenti all'articolo (1)

{Muschio}
Eh già che ora lo spacciatore è controllabile perché usa $ o Euro per spacciare... Solo gli ingenui possono credere a questa giustificazione!
4-12-2017 21:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (311 voti)
Dicembre 2017
Gli USA mettono al bando Kaspersky
HP, un altro keylogger nei portatili
Falla critica in Windows, Microsoft rilascia una patch di emergenza
Windows 7, bug impedisce aggiornamenti: come ecco risolverlo
UE, giro di vite sui Bitcoin: la fine dell'anonimato è vicina
Come rubare un'auto senza usare la chiave
Il sito che vi ruba risorse per i Bitcoin, anche a browser chiuso
Novembre 2017
Una legge inutile e dannosa contro le fake news
Session replay, così i siti ci spiano
Falle nelle Cpu Intel, milioni di Pc a rischio
Attenzione: il set-top box con Kodi può ucciderti
Monaco abbandona Linux e LibreOffice e torna a Windows
iPhone X paralizzato dal freddo: lo schermo smette di funzionare
In prova: Amazon Fire Tv Stick - Basic Edition
iPhone X, campione di fragilità
Tutti gli Arretrati


web metrics