Il malware Android che ruba le credenziali Uber



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-01-2018]

uber

Symantec ha reso pubblici i risultati di una ricerca che illustra come un nuovo malware Android sia in grado di sottrarre le credenziali Uber e utilizzi i link dell'app di Uber per coprire le tracce dell'hackeraggio.

Nel corso dell'analisi della variante più recente del malware Android.Fakeapp, emergono nuove tecniche di social engineering che metterebbero a rischio milioni di utenti Uber.

Android.Fakeapp imita l'interfaccia utente di Uber a intervalli regolari sino a quando non riesce a far inserire le proprie credenziali (ID e password) Uber all'utente.

Una volta entrato, il malware invia le informazioni personali dell'utente al proprio server remoto.

Per evitare di allarmare l'utente, la variante Fakeapp imita e visualizza lo schermo della app Uber che mostra la localizzazione attuale dell'utente.

Il malware utilizza un deep link URI (Uniform Resource Identifier) dell'app originale, che attiva la funzione di Richiesta di Vettura utilizzando come punto di ritrovo il luogo nel quale l'utente hackerato si trova in quel preciso momento.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come preferiresti controllare la Tv?
Con lo smartphone
Con il tablet
Con i gesti del corpo
Con la voce
Con il pensiero
Con il telecomando

Mostra i risultati (1604 voti)
Febbraio 2018
Samsung Galaxy S9, le prime foto e tutte le indiscrezioni
Google elimina il pulsante Vedi Immagine per compiacere i signori del copyright
Fbi, Cia e Nsa: Non usate gli smartphone di Huawei e Zte
È arrivato LibreOffice 6.0 (ora 6.0.1)
Alla ricerca dei futuri signori dell'acqua
Telemarketing e registro delle opposizioni, le novità in arrivo
Schede video, le criptovalute fanno schizzare il prezzo alle stelle
Tim, lo scorporo della rete è imminente ma minaccia la trattativa per gli esuberi
Per il ''dilemma'' delle password esiste una terza opzione
La lavatrice che fa il bucato in cinque minuti netti, senza elettricità
Office 2019 sarà l'ultima versione e non funzionerà su Windows 7 e 8.1
Sorveglianza approfondita e non consensuale
L'app per il fitness svela le basi militari segrete in tutto il mondo
Gennaio 2018
Meno del 10% degli utenti Gmail usa l'antifurto gratuito offerto da Google
Windows 10 diventa Polaris: modulare e leggerissimo, ma non retro compatibile
Tutti gli Arretrati


web metrics