Mark Zuckerberg preannuncia: meno tempo su Facebook, ma utenti più felici

Perché sarà un tempo di qualità.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-01-2018]

zuckerberg meno facebook

Che il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg annunci un cambiamento che farà passare agli utenti meno tempo sul social network, è esattamente tanto strano quanto sembra.

Il cambiamento in questione riguarda l'algoritmo che sceglie i post da inserire tra le notizie (News Feed) mostrate quando si accede a Facebook.

Non appena le modifiche saranno operative, il flusso di notizie mostrerà meno post prodotti dalle pagine di aziende e organizzazioni, e più post scritti dagli amici, per favorire l'instaurazione di «interazioni sociali significative».

L'idea è che diminuendo i contenuti provenienti dalle pagine e aumentando quelli creati dalle persone gli utenti siano maggiormente propensi a instaurare una discussione e a «connettersi l'uno con l'altro», come dice Zuckerberg.

Secondo il creatore di Facebook, tutto ciò avrà delle conseguenze sul tempo passato dagli utenti sul social network in blu.

«Voglio essere chiaro» scrive Zuckerberg. «Facendo questi cambiamenti, prevedo che il tempo passato dalle persone su Facebook e il loro coinvolgimento caleranno».

Perché quindi fare qualcosa che potenzialmente può andare contro gli interessi dell'azienda. Perché - sempre secondo Zuckerberg - a quel punto il tempo speso su Facebook sarà minore, ma di qualità superiore.

«Se facciamo la cosa giusta, ciò sul lungo periodo farà bene alla nostra comunità e anche alla nostra azienda» spiega il fondatore. «Sentiamo la responsabilità di fare in modo che i nostri servizi non siano soltanto divertenti, ma anche che abbiano un effetto positivo sul benessere delle persone».

In ogni caso, le modifiche - che sarebbero state decise dopo consultazioni con ricercatori universitari, i quali testimonierebbero che un maggior numero di interazioni con gli amici rende più felici e in salute - al News Feed non saranno immediate: ci vorranno mesi perché interessino tutti gli utenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Quotone! Leggi tutto
17-1-2018 19:07

Più semplicemente FB guadagna con i post sponsorizzati che gli utenti vedono: mostrare meno contenuti non sponsorizzati di pagine riduce il tempo passato sul social ma non gli introiti, al contrario è una leva per far sponsorizzare anche quelle pagine che ad oggi pubblicano solo in modo organico... :wink:
17-1-2018 14:36

la butto lì...una ipotesi ... Probabilmente lasciando più spazio a post di amici (gli amici FB possono anche essere associazioni o gruppi), e catturando informazioni sulle interazioni sociali, si affina la profilatura dell'utenza. Leggi tutto
15-1-2018 18:43

{ViR}
Ma perché questa scelta? E perché dirlo così esplicitamente?
14-1-2018 10:25

{gino}
Zuck si prepara a presentarsi alle presidenziali, e visto che ultimamente il suo nome è associato a cose negative, ecco che ti sforna una buona mossa di scacchi, con l'aiuto del settore strategico. Il consiglio di amministrazione appoggia, perché è comunque una mossa che se sul breve periodo porterà... Leggi tutto
13-1-2018 21:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (631 voti)
Novembre 2018
Il Garante privacy boccia la fattura elettronica
Windows 10, ritorna l'October Update
Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish
Windows 10, aggiornamento problematico: non ricorda le associazioni dei file
Il bug di Windows 10 Pro che spinge gli utenti a passare alla versione Home
Il primo ibrido smartphone-tablet che si piega davvero
Microsoft abolisce il servizio Hotfix per Windows
Visita 9.000 siti a luci rosse dall'ufficio e infetta l'intera rete aziendale
Google si allea con iRobot per mappare le case degli utenti
Surriscaldamento globale entro 15 anni, per colpa dei Bitcoin
Ottobre 2018
IBM compra Red Hat Linux per 34 miliardi di dollari
La SIM che si connette direttamente a TOR
Adottando uno smart meter si può far calare la bolletta del 20 per cento
Ladri rubano una Tesla Model S armati soltanto di tablet e smartphone
Giovanissimi in fuga da Facebook
Tutti gli Arretrati


web metrics