L'auto senza specchietti di Mitsubishi riconosce i pedoni, i ciclisti e gli ostacoli

Renderà le strade più sicure.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-01-2018]

mitsubishi senza specchietti

Nonostante l'evidente evoluzione subita dall'automobile dai suoi albori sino a oggi, ci sono delle parti che sono rimaste praticamente invariate sin da quando sono state introdotte.

Per esempio, gli specchietti retrovisori: per quanto tecnologici possano essere diventati, alla fine sono sempre dei piccoli specchi posti ai lati della vettura e al centro del parabrezza.

I produttori di auto - d'accordo con le Nazioni Unite, che hanno approvato l'idea già nel 2015 - stanno però pensando di eliminarli, a tutto vantaggio di soluzioni più moderne, come le telecamere.

Una delle case automobilistiche che più ha investito nel settore è Mitsubishi, che ora annuncia di aver sviluppato la miglior auto priva di specchietti esistente sul mercato.

Sondaggio
Puoi scegliere una sola pillola: quale delle tre?
Pillola blu: rimani giovane per sempre
Pillola verde: 1.000.000.000 euro in contanti
Pillola rossa: puoi viaggiare nel tempo in qualsiasi istante

Mostra i risultati (2285 voti)
Leggi i commenti (22)

Il vantaggio del prototipo giapponese starebbe nelle capacità delle telecamere, a partire dall'abilità di riconoscere gli oggetti fino a 100 metri di distanza (mentre i sistemi oggi più diffusi arrivano a soli 30 metri).

Grazie a una tecnologia proprietaria di Intelligenza Artificiale, l'auto è in grado di avvisare il guidatore non appena rileva un ostacolo, anche molto distante, o in generale di un pericolo: si può trattare di un oggetto in mezzo alla strada, ma anche di un'altra auto che all'improvviso decide di cambiare corsia, o di un pedone che attraversa di fretta senza guardare.

Il sistema è infatti capace di distinguere i pedoni, le auto, le biciclette e le motociclette: rispetto ai sistemi tradizionali - spiega Mitsubishi - l'accuratezza del riconoscimento è passata dal 14% all'81%.

La sostituzione degli specchietti con le telecamere permetterà ai guidatori - a detta dei produttori di automobili - di avere finalmente una visuale ampia e chiara, senza punti ciechi, di ciò che si trova intorno a loro.

Inoltre, eliminando gli specchietti si potranno progettare auto più aerodinamiche, in grado di raggiungere velocità superiori e che potranno vantare un'efficienza superiore per quanto riguarda i consumi di carburante.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Io gli specchietti li uso molto, ora combinati con i sensori di parcheggio, anche in fase di manovra in spazi ristretti e, sopratutto per mettere l'auto in garage, prima di dire se questi sistemi li possano veramente sostituire vorrei anche provarli in situazioni analoghe a queste.
20-1-2018 15:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (786 voti)
Gennaio 2023
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Windows 7 e Windows 8: Microsoft annuncia la fine del supporto
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 gennaio


web metrics