Sterco di tacchino, un'ottima alternativa al carbone



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-02-2018]

letame tacchino carbone

Anche se economico e abbondante, e perciò tuttora largamente adoperato per la produzione di energia, il carbone è anche (quando viene bruciato) una fonte di anidride carbonica che finisce nell'atmosfera.

Trovare un'alternativa ugualmente buona è quindi una sfida importante, ma due ricercatori dell'Università Ben-Gurion del Negev, in Israele, sono convinto di averla vinta. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quale tra queste è l'invenzione più significativa nella storia dell'umanità?
la scrittura
la metallurgia
la ruota
l'esplosivo
le armi da fuoco
la macchina a vapore
l'elettricità
il treno
l'automobile
l'aeroplano
il telefono
la radio
il televisore
il computer

Mostra i risultati (7994 voti)
Leggi i commenti (21)
Vivian Mau e Amit Gross ritengono di aver individuato un ottimo sostituto del carbone nel letame di tacchino, e hanno illustrato la loro scoperta in un articolo apparso su Applied Energy.

L'idea è di prendere lo sterco (non solo quello dei tacchini, ma quello del pollame in generale), trattarlo e convertirlo in biomassa solida.

Si tratta di un sistema che risolverebbe in un colpo solo due problemi: trovare fonti non inquinanti per la produzione di energia e smaltire certi rifiuti agricoli in maniera efficiente.

«Lo smaltimento degli escrementi del pollame, da condurre in maniera sicura dal punto di vista ambientale,» - hanno spiegato gli studiosi - «è diventato un problema serio. Convertire gli scarti del pollame in combustibile solido, una fonte di energia rinnovabile e poco esigente in termini di risorse, è un'alternativa superiore, dal punto di vista ambientale, che ci permette di ridurre la dipendenza dai combustibili fossili».

I ricercatori hanno paragonato il combustibile prodotto dal letame di tacchino al biochar o carbone di legna, ottenuto «scaldando lentamente una biomassa alla temperatura di 450 gradi Celsius in una fornace priva di ossigeno» e all'hydrochar, «ottenuto scaldando della biomassa umida a una temperatura molto più bassa, fino a 250 gradi Celsius, sotto pressione», secondo un processo noto come carbonizzazione idrotermica.

Questo secondo processo pare essere particolarmente indicato per il trattamento del letame, poiché permette di generare il 24% di energia in più. Una volta prodotto, l'hydrochar nato dagli escrementi del pollame «brucia in modo simile al carbone».

I ricercatori si spingono a dire che, se questa tecnica prendesse piede, si potrebbe sostituire il 10% del carbone mondiale con l'hydrochar "avicolo", che quando brucia emette molti meno gas nocivi.

«La nostra scoperta» - concludono Mau e Gross - «può aiutare a ridurre in maniera significativa le emissioni gassose associate con la generazione di elettricità e lo smaltimento dei rifiuti agricoli».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Finlandia, il partito dei Verdi a favore del nucleare
Ti insegno l'economia circolare: come si ricicla e si riducono gli sprechi
Troppa energia rinnovabile, bollette in negativo in Germania
L'energia rinnovabile adesso costa meno del carbone
L'impianto che trasforma l'anidride carbonica in mattoni

Commenti all'articolo (4)

Forse sarebbe ancora più utile e interessante incrementare i modi di produrre energia senza bruciare qualcosa dal momento che la combustione, poco o tanto, da origine a sottoprodotti che sono comunque nocivi per l'uomo e per l'ambiente.
11-2-2018 18:46

Non abbiamo alcun bisogno di *sostituire* il carbone:ne abbiamo più che a sufficienza per arrostire il pianeta. Per evitare ciò dovremo lasciarne sotto terra parecchio. Anzichè produrre un combustibile, le deiezioni animali possono essere vantaggiosamente usate per concimare i campi (come si fa da migliaia di anni).
9-2-2018 15:23

L'uso della pollina (quello che qui viene chiamato sterco di tacchino) per utilizzazioni energetiche è noto da tempo, cosi come l'utilizzo del letame (deiezioni + materiale vegetale di varia natura, es. paglia). Durante la combustione, così come per il carbone si formano molte polveri sottili, le grandi nemiche dell'ambiente dei nostri... Leggi tutto
9-2-2018 11:20

{ice}
quello degli uccelli è guano prodotto dalla cloace che contiene sia feci che urea
8-2-2018 18:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2151 voti)
Febbraio 2019
WinRAR, falla vecchia di 14 anni minaccia 500 milioni di utenti
Blu-ray in declino, Samsung cessa la produzione di lettori
Chiavette USB per rilevare eventuali cyberattacchi
Microsoft chiede agli utenti di non usare Internet Explorer
Cassandra Crossing/ Colore viola addio
Microsoft: Non comprate Office 2019
Storia di un attacco informatico a una banca
Lasciate Facebook per un mese: vi farà bene
Windows Update irraggiungibile, ma torna a funzionare cambiando i DNS
Prosecco italiano sotto accusa: distrugge le colline da cui nasce
Gennaio 2019
Cassandra Crossing/ Truffati o indotti in errore?
La lavastoviglie compatta che lava i piatti in 10 minuti
Microsoft azzoppa Windows Media Player in Windows 7
Facebook vuole unificare Instagram, Messenger e WhatsApp
Windows Lite farà piazza pulita delle ''piastrelle'' nel menu Start
Tutti gli Arretrati


web metrics