Google elimina il pulsante Vedi Immagine per compiacere i signori del copyright



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-02-2018]

google vedi immagini

Se di recente avete cercato qualche fotografia con Google Immagini, vi sarete accorti che c'è stata una piccola ma importante modifica.

Fino a ieri, cliccando su uno qualsiasi dei risultati, si apriva un'anteprima che conteneva tre pulsanti: Visita, per aprire il sito web che contiene l'immagine; Condividi per inviare l'immagine tramite servizi quali email, Facebook e via di seguito; e Vedi immagine, per aprire l'immagine - e solo essa - in una nuova scheda del browser. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual è tra questi l'evento che attendi di più?
CES, gennaio, Las Vegas
Mobile World, febbraio, Barcellona
CeBIT, marzo, Hannover
E3, giugno, Los Angeles
Computex, giugno, Taipei
IFA, settembre, Berlino
Smau, ottobre, Milano

Mostra i risultati (934 voti)
Leggi i commenti (2)
Ebbene, ora quest'ultimo pulsante è scomparso. Non si tratta né di un errore né di una sparizione temporanea: è stata Google a rimuoverlo, e in via definitiva.

La ragione è da cercare nelle proteste ricevute dal gigante di Mountain View da editori e creatori di contenuti per l'esistenza stessa di quel semplice pulsante.

Esso consentiva infatti di accedere con facilità all'immagine ricercata senza alcun "fronzolo" e senza nemmeno vedere il sito web in cui era pubblicata.

Ciò significava che, se l'immagine era protetta dal diritto d'autore, agli utenti non veniva mostrata alcuna informazione sul copyright: in pratica, si sarebbe facilitato il "furto" di proprietà intellettuale altrui.

Ciò avrebbe portato a una massiccia diffusione illegale di immagini protette, e per contrastare questo fenomeno (e far tacere le rimostranze) Google avrebbe deciso di rimuovare il pulsante Vedi immagine.

google rimuove vedi immagine
Il tweet di Google che annuncia ufficialmente la novità.

Ovviamente, ciò non significa che le immagini non siano più scaricabili; semplicemente, ora bisogna fare qualche passaggio in più, come raggiungere direttamente il sito che le ospita (tramite il pulsante Visita, tuttora presente) e agire manualmente per visualizzarle.

La maggior parte dei browser oggigiorno prevede opzioni per visualizzare la singola immagine, eventualmente anche in una diversa scheda o finestra, nel menu contestuale: pertanto è sufficiente far clic con il tasto destro sull'immagine stessa e scegliere l'opzione preferita.

A convincere Google ad agire in questo modo è stato anche un accordo stretto di recente con Getty Images, la popolare agenzia fotografica, e riguardante proprio le modalità con cui Google mostra tra i propri risultati le immagini coperte dal diritto d'autore.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il DRM entra ufficialmente in HTML 5
UE, basta un link per violare il copyright
L'industria del copyright contro i venditori di e-book usati
Copyright sui trattori, i contadini non possono ripararli

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

{metrodat}
È accaduto nello stesso momento in cui ho installato pinterest su mozilla e mi stava partendo lo sconforto. Grazie che me l'avete fatto scoprire. Scomodo, (ma da pc basta Visualizza Immagine) ma ha pienamente senso. Grazie Zeus News :)
20-2-2018 02:10

Marchetta veramente minimal di Google... :roll: p.s. per chi può essere interessato l'estensione segnalata da @niente0 funziona anche con Vivaldi.
19-2-2018 19:12

Adesso ho provato con Firefox e funziona anche me. MA... con alcune immagini non funziona. Sicuramente dipende dalle impostazioni del sito originale. Presumo che siano quelle stesse immagini che non si potevano vedere direttamente alla risoluzione massima neppure quando c'era il pulsante.
19-2-2018 18:39

Confermo quanto scritto da jack.mauro... è una pacchia :lol: Dimenticavo: Firefox 58.0.2 su Mint 18.3
19-2-2018 16:40

Questo purtroppo per me non funziona. Ho provato tutte le funzioni: salva immagine, copia indirizzo immagine (e aprirla poi in un'altra finestra), apri immagine. Mostra immagine non ce l'ho (uso chromium). In tutti i casi mi viene mostrata un'immagine delle dimensioni dell'anteprima (o più piccola!), nonostante sotto l'anteprima nei... Leggi tutto
19-2-2018 16:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2011 voti)
Settembre 2018
Il fallimento di Windows Store: un documento interno ne rivela la portata
Corruzione in Amazon: dipendenti pagati per cancellare le recensioni negative
Copyright, il sito di sottotitoli ITASA costretto a gettare la spugna
Windows 10 deciderà in autonomia quali file tenere e quali cancellare
L'Europarlamento approva la riforma del diritto d'autore, il web teme la censura
Falla 0-day in Windows, i cybercriminali hanno iniziato gli attacchi
Volete tenere Windows 7? Il prezzo continuerà a crescere
Tor Browser 8.0, più facile da usare e più abile nell'aggirare la censura
Salvati dallo smartwatch: il monitoraggio della salute ha già salvato la vita a due uomini
iPhone XS e Apple Watch Serie 4, le prime foto trapelate in rete
Falla 0-day in Windows, ecco la correzione. Ma non proviene da Microsoft
Agosto 2018
Falla 0-day in Windows 10 consente di ottenere il controllo sul Pc
Tagliato fuori da Galileo, il Regno Unito si costruirà un proprio GPS
Black Hat 2018, svelata vulnerabilità imbarazzante
Windows 10 nasconde una versione "Universale" di Esplora File. Ecco come attivarla
Tutti gli Arretrati


web metrics