''Le criptovalute potrebbero crollare in qualsiasi momento''

Lo sostiene il creatore di Ethereum



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-02-2018]

ethereum valore criptovalute

Quando, qualche settimana fa, il valore dei Bitcoin è schizzato verso l'alto, all'improvviso tutti si sono interessati alle criptovalute.

Hanno iniziato a vederle come nuovi beni-rifugio, generando una sorta di nuova corsa all'oro nel tentativo di ammassarne il più possibile. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Preferiresti lavorare da casa piuttosto che andare in ufficio?
Sì, ma in azienda non me lo permettono.
No.
Sì, ma solo alcuni giorni alla settimana.
Sì, ma solo alcuni giorni al mese.
Sono costretto a farlo ma preferirei di no.
Non lo so.
Non ho un lavoro.

Mostra i risultati (2237 voti)
Leggi i commenti (17)
Poi i Bitcoin - e le altre criptovalute - hanno perso parte del loro valore, ma a quel punto l'attenzione era ormai desta, e sembra esserlo tuttora.

Eppure, le criptovalute fanno per loro natura parte di un mercato potenzialmente molto volatile. Ad affermarlo non è qualche finanziere fissato con una "vecchia mentalità" ma Vitalik Buterin, inventore di Ethereum.

Ethereum è una criptovaluta che ha recentemente goduto di un interessante aumento di valore, pur non raggiungendo i livelli di Bitcoin: se 1 Bitcoin oggi vale ancora oltre 8.000 euro, 1 Ethereum vale pur sempre 700 euro (un anno fa era sotto i 10).

Ciò che non è sicuro è quanto il periodo positivo possa ancora durare, come ha tenuto a ricordare Buterin su Twitter.

«Promemoria» ha scritto. «Le criptovalute sono ancora un gruppo di beni nuovo e iper-instabile, e potrebbero crollare fin quasi a zero in qualunque momento. Non investiteci più denaro di quanto vi possiate permettervi di perderne. Se state cercando di capire dove investire i vostri risparmi, i beni tradizionali sono ancora la scelta migliore».

Com'è comprensibile, il commento ha scatenato reazioni contrastanti.

Da un lato ci sono quanti si sono scandalizzati del fatto che proprio il fondatore di una criptovaluta si sia messo a fare il disfattista, generando panico e confusione: di questo, infatti, lo accusano quanti non hanno gradito il suo tweet.

Dall'altro lato ci sono quanti lo hanno ringraziato per il promemoria, considerato un buon consiglio per qualsiasi tipo di investimento.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Ceo di Twitter: ''Bitcoin soppianterà tutte le valute tradizionali entro 10 anni"
Scienziati russi arrestati perché generavano Bitcoin da un sito di armi nucleari
Schede video, le criptovalute fanno schizzare il prezzo alle stelle
Una rapina a mano armata per rubare Bitcoin
Bitcoin, il valore precipita di quasi il 40%

Commenti all'articolo (5)

Concordo anch'io, questo sembra essere un gioco d'azzardo ancora più rischioso che tentare speculazioni su azioni ad alto rischio... Leggi tutto
10-3-2018 19:00

Esatto, infatti non a caso si dice "giocare in borsa" (vale per qualsiasi cosa, non solo per le criptovalute) Leggi tutto
22-2-2018 13:28

{un italiano qualunque}
Se realmente i "minatori" fossero in miniera a "scavare" pepite reali ed in cambio di queste fossero pagati in denaro, questo denaro avrebbe valore, potemmo sempre fare il processo inverso. Invece con le criptovalute è come se io con la mia stampante mi mettessi a stampare banconote e qualcuno... Leggi tutto
22-2-2018 10:01

{un italiano qualunque}
Le criptovalte servono solo ad arricchire chi le inventa e chi fa lo speculatore (e se ne libera per tempo!), grazie agli allocchi che credono che sia denaro e che abbia un valore. Chi ne garantisce il pagamento? Che bene c'è dietro a garanzia? Le banconote vengono emesse da uno Stato che ne garantisce il pagamento, a... Leggi tutto
22-2-2018 10:00

Le persone sono come Pinocchio, che sotterra i suoi soldi credendo che poi nascera' la pianta delle monete. E' proprio perche' "si guadagna molto in poco tempo" che e' bene starne alla larga. REGOLA N.1: piu' rende piu' e' rischioso. Invece di parlare di "bene-rifugio" o di "investimento", si dovrebbe... Leggi tutto
22-2-2018 09:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (384 voti)
Aprile 2019
Aspen, il browser per navigare in sicurezza secondo Avast
Ex studente distrugge i computer della scuola con un USB killer
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
Tutti gli Arretrati


web metrics