Meltdown e Spectre, la conferma: niente patch per i processori più vecchi

Intel abbandona a sé stesse le Cpu con qualche anno sulle spalle.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-04-2018]

intel meltdown spectre patch

Non appena la notizia dell'esistenza di serie falle nei processori si è diffusa, il mondo tecnologico ha reagito come in preda al panico.

Intel ha cercato di salvare la faccia rilasciando tutta una serie di patch via via più perfezionate per proteggere da tutte le varianti di Meltdown e Spectre (e con qualche errore di tanto in tanto) con la promessa di rendere disponibili le correzioni per il 90% delle Cpu prodotte negli ultimi cinque anni entro poche settimane.

Ciò non significava che soltanto i processori lanciati nell'ultimo lustro fossero coinvolti nel problema, ma soltanto che Intel preferiva concentrarsi su quelli, esitando a esplicitare chiaramente le proprie intenzioni circa le Cpu più vecchie.

Ora l'attesa di informazioni certe è finita, e le notizie non sono troppo buone: Intel ha infatti confermato che i processori più vecchi non riceveranno più alcuna patch.

Il dato è evidente nella guida all'aggiornamento del microcodice da poco rilasciata dal gigante dei chip: per i chipset il cui stato è indicato come Stopped non ci saranno ulteriori correzioni. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual è tra questi il motivo più importante per connetterti e utilizzare una rete Wi-Fi pubblica?
Per poter usare Google Maps o altri servizi di Gps.
Nel caso in cui qualcuno debba mettersi in contatto urgentemente con me.
Per non consumare il mio piano dati.
Per poter utilizzare un social network come Facebook, Instagram, Snapchat o altri.
Per rimanere in contatto con i miei contatti di lavoro (il capo, i clienti, i colleghi ecc.).
Per utilizzare i servizi di streaming come Netflix, Google Music e simili.
Per consultare il mio conto corrente online / carte di credito / informazioni finanziarie.
Per rimanere in contatto con i miei figli / parenti.
Per usare o aggiornare le mie app di dating online.

Mostra i risultati (909 voti)
Leggi i commenti (2)
Sebbene anche chip vecchi di una decina d'anni abbiano a oggi già ottenuto alcuni aggiornamenti del microcodice, Intel ha deciso di non voler più investire nella ricerca e nella produzione di ulteriori patch che siano - per così dire - definitive.

I motivi sono diversi: ciò infatti può essere dovuto al fatto che si tratta di chipset con caratteristiche tali da rendere poco pratica l'implementazione dei cambiamenti che proteggono dalla variante 2 di Spectre, oppure a una limitata disponibilità commerciale del supporto, o ancora al fatto che, dopo aver sentito gli utenti, Intel ha concluso che la maggior parte di quei prodotti sono usati senza collegamento a Internet, e quindi è improbabile che qualcuno possa sfruttare le falle.

A quanto pare, ciò si traduce per lo più in Cpu vendute tra il 2007 e il 2011: questi, come dicevamo, hanno quasi certamente già ricevuto le patch per alcune varianti di Meltdown e Spectre, ma non riceveranno quella per la variante 2 di Spectre e altre che eventualmente il gigante di Santa Clara dovesse sviluppare in futuro.

Nel dettaglio, si tratta delle architetture Bloomfield, Bloomfield Xeon, Clarksfield, Gulftown, Harpertown Xeon C0, Harpertown Xeon E0, Jasper Forest, Penryn/QC, SoFIA 3GR, Wolfdale C0, Wolfdale M0, Wolfdale E0, Wolfdale R0, Wolfdale Xeon C0, Wolfdale Xeon E0, Yorkfield e Yorkfield Xeon.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Otto nuove falle come Spectre nei processori Intel. E la patch ancora non c'è
Intel: ''Non installate le patch per Meltdown e Spectre''
Falla critica nei processori Intel, la patch rallenterà tutti i Pc

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Ah, purtroppo l'andazzo non è questo solo per questi dispositivi ma, purtroppo, i limiti di responsabilità sono molto labili in moltissimi campi e sono inversamente proporzionali alle dimensioni ed al potere economico e politico dei produttori. In generale più sei potente e più sei in grado di contribuire a definire le leggi che... Leggi tutto
15-4-2018 15:02

Sono d'accordo con te, Gladiator, purtroppo l'andazzo è questo...a partire dai device mobili, ad arrivare ai pc... :?
15-4-2018 12:26

Personalmente sono dell'idea che se un prodotto ha un problema, quando il problema viene alla luce, il fabbricante - Intel in questo caso e non i produttori di SO - deve rendere disponibile la soluzione - a prescindere dal fatto che il prodotto abbia 1, 5, 10 anni o più. Poi se io, come utilizzatore finale, decido coscientemente di non... Leggi tutto
14-4-2018 15:35

Beh, a patchare ci hanno pensato i sistemi operativi. Su Windows chi aggiorna il sistema dovrebbe avere già ricevuto la patch da un pezzo (ed in alcuni casi, hanno poi dovuto formattare :lol: ). MS però non da l'aggiornamento del microcodice, sarebbe da installare aggiornando il bios... Su Linux invece l'aggiornamento del microcodice... Leggi tutto
12-4-2018 20:35

Se può consolarvi non hanno chiamato neppure me che ho un Core i7 975 con architettura Bloomfield... =) Dal punto di vista della correttezza nei confronti dei clienti non posso che concordare sui concetti già espressi da chi mi ha preceduto, dal punto di vista delle probabilità di subire un attacco basato sulla variante 2 di Spectre... Leggi tutto
12-4-2018 18:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Preferisci utilizzare Facebook, Twitter o Google+?
Prevalentemente Facebook
Prevalentemente Twitter
Prevalentemente Google+
Facebook e Twitter
Twitter e Google+
Google+ e Facebook
Tutti e tre
Nessuno dei tre

Mostra i risultati (2342 voti)
Ottobre 2018
Violare WhatsApp? Basta una videochiamata
Microsoft: ecco perché l'Update di Windows 10 cancellava i file degli utenti
Microsoft getta la spugna e ritira l'aggiornamento di ottobre per Windows 10
Windows 10, attenti all'aggiornamento: potrebbe cancellare i documenti
Windows 10, arriva l'update di ottobre: ecco come aggiornare subito
WhatsApp, arriva la pubblicità
Migliaia di siti mobile accedono ai sensori dello smartphone senza informare l'utente
Settembre 2018
Demonoid offline da giorni, il proprietario è irreperibile
Virtual Desktop: Windows 10 diventa virtuale e si sposta nel cloud
Il bug in Firefox che manda in crash il browser (e spesso anche il sistema operativo)
Ex CEO di Google: tra dieci anni ci saranno due Internet
Il fallimento di Windows Store: un documento interno ne rivela la portata
Corruzione in Amazon: dipendenti pagati per cancellare le recensioni negative
Copyright, il sito di sottotitoli ITASA costretto a gettare la spugna
Windows 10 deciderà in autonomia quali file tenere e quali cancellare
Tutti gli Arretrati


web metrics