Chrome, addio al lucchetto che indica i siti sicuri



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-05-2018]

chrom https

Da tempo Chrome, il browser di Google, ha adottato un sistema semplice per indicare ai propri utenti quando un sito è "sicuro", ossia quando le informazioni scambiate con esso sono crittografate perché in luogo del protocollo Http si usa Https: un lucchetto chiuso e verde nella barra degli indirizzi. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Autorizzi il browser a ottenere la cronologia dei siti Internet che hai visitato?
Ho disabilitato questa opzione
Sì, ma cancello la cronologia regolarmente
Sì, è comodo, così non devo digitare l'intero indirizzo
Non so

Mostra i risultati (2062 voti)
Leggi i commenti (17)
Lo stesso sistema (pur se ogni tanto abusato) viene ormai adoperato da pressoché tutti i maggiori browser, e per gli utenti quella del lucchetto è diventata una presenza abituale, alla quale però dovranno presto disabituarsi.

Ora infatti che tutti o quasi i siti sono passati a Https, Google ha deciso che è giunto il momento di ripulire un po' l'interfaccia: dato che ormai la maggioranza dei siti è "sicura", a partire da settembre il lucchetto non verrà più visualizzato su quei siti che adottano Https; invece, la dicitura Non sicuro apparirà per quei siti ancora fermi al solo Http.

Quindi, chi dopo l'estate navigherà nel web con Chrome (dalla versione 69 in avanti) potrà incorrere in due situazioni. O si troverà su un sito sicuro, e allora la barra non mostrerà altro oltre all'indirizzo; oppure si troverà su un sito non sicuro, e allora sarà visualizzata, accanto all'indirizzo, la scritta Non sicuro in grigio.

remove secure label

Se poi il sito non sicuro in questione richiedesse l'inserimento di dati da parte degli utenti, allora l'etichetta grigia diventerà rossa, a segnalare il fatto che la trasmissione di quei dati avverrà in chiaro.

insecure page with input

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Lucchetto chiuso, icona sempre più usata dai truffatori online

Commenti all'articolo (5)

La decisione è comprensibile, la motivazione addotta: mi sembra invece piuttosto debolina. Dal mio punto di vista si poteva anche lasciare o fare come Vivaldi che ha sia il lucchetto verde quando il sito usa https che la dicitura "Non sicuro" che compare contestualmente all'inizio dell'immissione dei dati in un sito che usa... Leggi tutto
23-5-2018 19:04

Scritto così sembra che l'icona del lucchetto chiuso dei siti https l'abbia introdotta Chrome; in realtà tale icona è presente da diversi anni, ben prima dell'uscita di Chrome v1, forse anche prima dell'arrivo di Google sul web (per i più giovani: si, all'inizio del www Google non esisteva). Purtroppo non ricordo quale browser ha... Leggi tutto
20-5-2018 11:27

Articolo interessante e utile.
20-5-2018 09:50

{Non pertinente}
Peccato che sia assolutamente ingiustificato (e diabolico) segnalare come insicuro un sito in http che NON chiede l'inserimento di alcun dato da parte dell'utente! Quello che Google tiene nascosto ai visitatori è che riesce ad ottenere i loro dati di navigazione CON O SENZA https grazie al motore di ricerca e ad... Leggi tutto
19-5-2018 15:45

Mi sembra giusto. La spia della benzina si accende quando il livello e' troppo basso (e rischio di rimanere a piedi), non quando va tutto bene.
19-5-2018 12:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In che modo salvi informazioni importanti affinché nessuno le possa vedere sul tuo computer?
Salvo tutti i dati più importanti in una cartella protetta da password
Nessuno accede al mio computer
Il mio dispositivo è protetto da una password
I dati più importanti sono protetti da crittografia
Proteggo i miei dati quando presto il computer a un'altra persona
Elimino tutti i dati che non voglio che nessuno veda
Non ho dati importanti da proteggere

Mostra i risultati (1560 voti)
Settembre 2020
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Tutti gli Arretrati


web metrics