Il primo gioco a luci rosse di Steam, senza censura



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-09-2018]

negligeejpg

I videogiochi con contenuti per adulti - quando non esplicitamente pornografici - hanno sempre avuto vita dura su Steam: anche quelli che riuscivano a entrare nel catalogo di Valve dovevano censurare le immagini più esplicite, e agli sviluppatori era vietato fornire patch per aggirare la censura via Steam stesso.

Ora le cose sono cambiate. Dopo la polemica sorta lo scorso luglio a seguito del blocco della visual novel esplicita Negligée, Steam ha rivisto la propria politica e inserito alcuni filtri che permettono di nascondere i contenuti per adulti.

In questo modo Valve ha aperto le porte alla diffusione dei giochi vietati ai minori, e il primo titolo ad approfittare della novità è già pronto: si chiama Negligée: Love Stories e sarà scaricabile a partire da venerdì prossimo.

Gli autori affermano che il gioco è «al 100% privo di censura» e che include «interazioni sessuali e nudità».

Perché i giochi di questo tipo siano approvati, Steam richiede che il loro contenuto sia descritto in maniera esplicita, così che gli utenti siano perfettamente informati su ciò che stanno per acquistare.

Sondaggio
Quanto spendi di elettricità ogni mese?
Meno di 30 euro
Tra 30 e 50 euro
Tra 50 e 75 euro
Tra 75 e 100 euro
Tra 100 e 150 euro
Più di 150 euro

Mostra i risultati (2565 voti)
Leggi i commenti (4)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
HoloLens, il primo titolo di realtà virtuale per adulti cerca beta tester
Studio: visitare i siti pirata aumenta il rischio di contrarre malware del 20%
Bambini online: crescono ricerche su droghe, alcol e tabacco
Ex attrice a luci rosse chiama in causa i pirati
L'app pornografica che sequestra lo smartphone
Le pornostar lanciano campagna contro pirateria su Internet
Leisure Suit Larry, arriva il remake

Commenti all'articolo (2)

Non credere, io ci giocherei volentieri, ai miei quasi 40 anni. Quello che farei io è abbassare questo limite ai 14-15 anni magari, visto che è solo un gioco, e sicuramente ha un target di utenza maggiore.
16-9-2018 11:43

{davide}
Direi che un gioco con contenuti sessuali per adulti, è il tipico gioco per ragazzi. Un adulto è tale non perché ha un tot numero di anni, ma perché ha superato determinate fasi della crescita che lo hanno portato ad altri livelli di coscienza rispetto ai ragazzi. Ma certo, l'ipocrisia dei legislatori,... Leggi tutto
15-9-2018 17:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3596 voti)
Luglio 2019
Modalità incognito per i siti a luci rosse? Google e Facebook ti tracciano lo stesso
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
EmuParadise violato, rubati i dati di 1,1 milioni di utenti
Tutti gli Arretrati


web metrics