L'analizzatore di respiro che aiuta a rispettare la dieta

Si chiama Keyto e sta raccogliendo fondi su Indiegogo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-12-2018]

keyto dieta

Negli ultimi tempi, la dieta chetogenica ha assunto una certa popolarità anche presso quanti non ne hanno bisogno per motivi medici.

In breve, si tratta di regolare la propria alimentazione riducendo a zero o quasi l'assunzione di zuccheri e carboidrati, nutrendosi invece di alimenti ricchi di grassi e proteine.

Ciò causa nel corpo lo stato di chetosi, in cui il corpo brucia i grassi di riserva e produce chetoni (chiamati anche acetoni).

Per aiutare quanti seguono questo tipo di dieta a capire se essa stia funzionando è nato Keyto, frutto di una raccolta fondi su Indiegogo che al momento in cui scriviamo è ancora in corso.

Keyto è un apparecchio che analizza il fiato dell'utente, stabilendo il livello di chetoni presenti in esso. Poi comunica il risultato all'app per smartphone, tramite la quale è possibile tenere traccia delle variazioni nel tempo, un po' come fanno certe app di fitness tracking.

Bisogna precisare che non tutti gli studi sono d'accordo sull'affidabilità di questo sistema di misurazione ma, secondo Keyto, è proprio questa la chiave per elaborare una dieta chetogenica adatta a chi voglia perdere peso.

In base ai dati raccolti, infatti, l'app suggerisce i piatti più indicati e offre anche tutta una serie di ricette indicate per chi segue questo regime alimentare.

Sondaggio
Di quale generazione fai parte?
Generazione silenziosa: i nati tra gli anni '20 e gli anni '40 del XX secolo
Baby boomers: i nati tra gli anni '40 e l'inizio degli anni '60 del XX secolo
Generazione X: i nati tra gli anni '60 e l'inizio degli anni '80 del XX secolo
Generazione Y (o Millennials): i nati tra gli anni '80 del XX secolo e il 2000
Generazione Z: i nati dal 2000
Generazione Alpha (o Screenagers): i nati dal 2010

Mostra i risultati (2038 voti)
Leggi i commenti (4)

La campagna su Indiegogo propone Keyto a 99 dollari, mentre il prezzo al pubblico - al momento della messa in vendita - sarà di 150 dollari; le prime consegne del dispositivo inizieranno nel gennaio del 2019.

Qui sotto, il video di presentazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Attenti alle diete "gluten free"
I fitness tracker che... ti fanno ingrassare
Vuoi dimagrire? Arriva la pillola del pasto immaginario
L'app per annusare il cibo del menu al ristorante
Perdere peso con la macchina che aspira il cibo dallo stomaco
Gli occhiali a realtà aumentata per fare la dieta

Commenti all'articolo (3)

Chetosi? Che io sappia è uno stato di malattia, indotto da scarsa alimentazione. Molto debilitante nei bambini e tipico nelle persone con disturbi alimentari.... decisamente un oggetto che poteva continuare a non esistere.
3-12-2018 08:50

Quoto!
2-12-2018 10:51

Se si hanno problemi di salute o semplicemente si vuole perdere peso, IMHO c'è un'unica strada da seguire: rivolgersi ad un buon medico nutrizionista e seguire alla lettera quanto prescritto. Inoltre bisogna anche essere coscienti che i risultati non saranno immediati ma possono passare anche anni prima di avere una situazione stabile... Leggi tutto
1-12-2018 09:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3557 voti)
Aprile 2019
Aspen, il browser per navigare in sicurezza secondo Avast
Ex studente distrugge i computer della scuola con un USB killer
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
Tutti gli Arretrati


web metrics