Malware nei portatili Lenovo, utenti risarciti con 7,3 milioni di dollari



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-11-2018]

malware lenovo risarcimento

Nel 2015, il produttore cinese Lenovo incappò in un brutto guaio: si scoprì che in 750.000 dei suoi portatili era stato preinstallato un malware, l'adware VisualDiscovery, sviluppato da SuperFish.

Questo sgradito componente comprometteva i sistemi atti a proteggere le connessioni del portatile ma si occupava anche di accedere ai dati finanziari dell'utente e a compiere attacchi del tipo man-in-the-middle nelle connessioni private.

«Il software di SuperFish è particolarmente dannoso» scriveva nel 2015 l'esperto di sicurezza Robert Graham. «È progettato per intercettare tutte le connessioni crittografate. Ma lo fa male, lasciando il sistema aperto agli hacker o a spie come quelle della NSA»

Lenovo - che si dichiarò e si dichiara completamente innocente - ha quindi dovuto affrontare una causa negli Stati Uniti e ora un accordo è stato raggiunto: l'azienda cinese dovrà versare 7,3 milioni di dollari agli utenti che hanno scoperto l'adware sulla propria macchina, con conseguente rischio per la privacy e la sicurezza.

«Sebbene Lenovo sia in disaccordo con le accuse mosse» - ha dichiarato l'azienda - «siamo soddisfatti di poter concludere la vicenda dopo due anni e mezzo. A oggi non siamo a conoscenza di alcun utilizzo delle vulnerabilità da parte di terze parti al fine di accedere alle comunicazioni degli utenti».

Sondaggio
Come proteggi il tuo computer?
Proteggere? Dai ladri, forse?
Ogni tanto utilizzo un antivirus online.
Ho un antivirus e tengo aggiornato il sistema operativo.
Ho antivirus, firewall, antispyware, parental control e ogni sorta di protezione.
Utilizzo Linux.
L'unico computer sicuro è un computer offline.

Mostra i risultati (5681 voti)
Leggi i commenti (49)

Alla cifra sborsata oggi da Lenovo per porre fine alla questione bisogna aggiungere i 3,5 milioni serviti a concludere un accordo con la Federal Trade Commission nel 2017 per la stessa vicenda e gli altri 3,5 milioni versati alle autorità della California (Stato in cui s'è svolta la causa).

L'azienda ha infine promesso che cambierà le modalità con cui distribuisce i propri prodotti al fine di evitare che si ripetano casi analoghi, la cui responsabilità è addossata all'intervento di non definite terze parti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Quindi un risarcimento di 9,7 $ per computer con malware? Mi sembra ridicolo...
30-11-2018 18:55

{antonio}
Quindi bisogna chiedere un risarcimento?
29-11-2018 09:28

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Pensi che il carpool dinamico (passaggi a utenti che fanno lo stesso percorso organizzandosi via web o smartphone) sia una buona soluzione per diminuire il traffico e abbassare i costi?
E' una buona idea, a patto che sia sicuro, il costo sia basso e non si debba essere legati ad alcun utente.
Non credo che funzionerà in Italia.
Non ne sono sicuro, ma potrebbe funzionare.
Controllerei le referenze dell'autista designato prima di salire sulla sua auto. Ma utilizzerei il servizio.
Parteciperei volentieri perché è un'ottima idea!
Potrei usufruirne, anche per ridurre l'inquinamento, anche se ho la mia auto. Qualche volta potrei fungere da autista.

Mostra i risultati (1710 voti)
Agosto 2022
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 15 agosto


web metrics