Instagram, quando bastano un selfie e un numero per finire molestati



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-01-2019]

instagram

Alcuni nomi, luoghi e dati di questa storia sono stati alterati per riservatezza.

Che pericolo ci sarà mai a postare un normale selfie su Instagram? Se sei una giovane ragazza, il pericolo c'è eccome, e Instagram non fa praticamente nulla per proteggerti.

Marta (non è il suo vero nome) è una ragazza svizzera minorenne che, come tante persone della sua età, pubblica dei selfie su Instagram: foto normali, nulla di sconveniente. Ha un account pubblico.

Mi ha chiamato chiedendo aiuto perché qualcuno aveva preso uno dei suoi selfie, aveva creato un account Instagram basato sul suo nome e cognome, e aveva messo nel profilo il suo numero di telefonino con le parole "Scopo gratis", "Sono una zoccola" e altre volgarità.

La ragazza aveva cominciato a ricevere numerose telefonate e molti messaggi su WhatsApp riguardanti quel profilo falso e la sua apparente offerta, e ovviamente si era agitata e spaventata. L'imbecille creatore del profilo forse pensava di fare uno scherzo divertente, una grande spiritosata, ma questa è molestia online; è cyberbullismo.

Le segnalazioni di Marta a Instagram, tramite l'apposita funzione Segnala dell'app di Instagram, non sono servite a nulla. Ho segnalato anch'io l'account fasullo, ottenendo solo questa risposta:

"Grazie per aver trovato il tempo di segnalare l'account di [omissis]. Sebbene analizzando l'account che hai segnalato per furto di identità abbiamo riscontrato che non viola le Linee guida della community, le segnalazioni come la tua rappresentano un aspetto importante che contribuisce a rendere Instagram una piattaforma sicura e accogliente per tutti"

Complimenti, Instagram. Vi segnalano un account nel quale sembra che una minorenne pubblichi il proprio numero di telefono e si offra per fare sesso, e per voi "non viola le regole della community". E intanto il molestatore continua a tormentare la propria vittima, che non sa più a chi rivolgersi. Sospendere l'account segnalato in attesa di accertamenti no, vero?

Per chi si trovasse nella stessa situazione:

Sondaggio
I telefonini diventano sempre più potenti e sono dotati di fotocamere sempre migliori: a quella sul retro spesso se ne aggiunge una frontale, per meglio scattare i selfie. Per quanto riguarda l'utilizzo che ne fai tu personalmente, lo smartphone ha sostituito la fotocamera compatta tradizionale?
Sì. Non ho praticamente più bisogno di portarmi dietro la fotocamera perché quella dello smartphone è più che sufficiente per le mie esigenze nella maggior parte delle occasioni.
In parte. Sebbene la fotocamera sullo smartphone sia indubbiamente comoda, spesso ho la necessità di scattare foto di qualità migliore e con un dispositivo dedicato, quindi utilizzo molto anche la fotocamera.
No. Non posso fare a meno di portarmi dietro la fotocamera compatta, che per le mie esigenze non può affatto essere sostituita da uno smartphone.

Mostra i risultati (1612 voti)
Leggi i commenti (12)

  • mandate un solo messaggio all'account fasullo, dicendogli che quello che sta facendo è molestia e cyberbullismo e quindi è denunciabile, e intimandogli di cancellare subito l'account, ma non dite altro e non dialogate;
  • chiedete agli amici di segnalare l'account fasullo: è possibile che tante segnalazioni possano attirare l'attenzione dell'assistenza di Instagram;
  • non limitatevi a cliccare su Segnala nell'app, ma consultate (preferibilmente usando un computer, non il telefonino) la sezione Account che fingono l'identità di altre persone o entità di Instagram: troverete un questionario da compilare, al quale allegare "una foto chiara che ti ritrae con il documento di identità accettato in mano";
  • i documenti accettati sono per esempio: certificato di nascita, patente di guida, certificato di matrimonio, documento di identità ufficiale diverso dalla patente di guida (per esempio una carta d'identità nazionale), passaporto;
  • deve essere la persona impersonata a inviare la segnalazione, dal proprio account;
  • segnalazione1

  • In alcuni casi la polizia può intervenire autorevolmente: Instagram spiega qui che "in caso di pericolo imminente per un bambino o rischio di morte o serio danno fisico a una persona, un rappresentante delle forze dell'ordine può inviare una richiesta usando il sistema di richieste online per le forze dell'ordine su facebook.com/records". In Svizzera, per esempio, c'è il Gruppo Visione Giovani della Polizia Cantonale.

In questo caso, oltre a consigliare a Marta di parlare della situazione con i propri genitori (cosa difficile, lo so) e guidarla nel raggiungere il modulo di segnalazione, ho provato inoltre a scrivere un tweet pubblico ad Adam Mosseri, Head di Instagram, riassumendo la situazione:

segnalazione2

@mosseri Swiss journalist here. Young girl is being harassed on Instagram by someone impersonating her, posting her photos, name and phone number and offering free sex. She's being phoned by harassers. Reported multiple times. Ignored. Is this how you help your users?

Non so se è stato merito del tweet, della segnalazione dettagliata con documento d'identità fatta da Marta o di un ripensamento da parte del molestatore, ma alla fine l'account fasullo è scomparso.

Tutto è bene quel che finisce bene, ma purtroppo questa storia ripropone un problema spesso trascurato: più cose personali pubblichi, più è facile che qualcuno ne abusi. E i social network non offrono strumenti di difesa efficaci e rapidi.

È triste doverlo fare, ma mi tocca dare un consiglio: tenete privati i vostri account Instagram se ci mettete cose personali, anche se vi sembrano innocue. Una ragazza avrebbe il diritto di farsi vedere in pubblico senza essere molestata, ma a causa degli imbecilli allupati deve prendere delle precauzioni.

A proposito di imbecilli: il primo di tutti sei tu, quello che ha creato l'account falso. Ma anche gli altri che hanno telefonato a una quattordicenne cercando sesso non sono migliori. Tormentare una ragazzina vi fa sentire grandi? Sì, grandi coglioni. Fate pena.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (4)

All'idiozia umana non c'è limite, almeno oggi si è più tracciati, ed è più facile denunciarli o sgamarli. Poi c'è sempre il vecchio modo di cambiar numero di telefono, che anche se non è giusto è l'unica maniera per far smettere l'orda di allupati che continuerà sempre a chiamarla o messaggiarla, anche davanti all'evidenza che la cosa... Leggi tutto
15-1-2019 12:37

Già, peccato che il potenziale "pubblico" raggiungibile tramite un abuso su un social network sia di diversi ordini di grandezza maggiore di quello raggiungibile tramite uno o più bagni pubblici... :cry:
13-1-2019 10:51

Che tristezza! Però mi chiedo come il numero di cellulare della ragazza sia finito on-line. Era in chiaro in qualche sito o social? In questo caso la ragazza ha peccato di ingenuità alla grande. O magari si tratta (forse più probabile) di nemiche o ex fidanzatini o ancora qualche suo amico che ha rifiutato? Alla stupidità e cattiveria... Leggi tutto
11-1-2019 11:48

{utente anonimo}
Complimenti Paolo, condividerò il tuo interessante articolo sperando che chiunque opera, a qualsiasi titolo nella rete ci rifletta un momento sopra per comprendere la portata delle proprie azioni. Carlo
11-1-2019 08:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se Internet potesse migliorare la tua vita, che cosa vorresti?
Conoscere amici e comunicare
Risparmiare sugli acquisti
Innamorarti
Guadagnare tanti soldi
Imparare (lingue, culture, cucinare, suonare, ecc.)
Lavorare di meno
Altro

Mostra i risultati (3214 voti)
Maggio 2019
Falla in WhatsApp: basta una telefonata per ritrovarsi uno spyware sul telefono
Il primo processore completamente inviolabile
Il ransomware che ti regala l'antivirus (mentre cripta i file)
Windows 10 disporrà di un vero kernel Linux
Apple beccata a barare sulla durata delle batterie (ma non è la sola)
Ricaricate lo smartphone di notte? La batteria durerà meno
Programmatore autodidatta risolve puzzle del MIT con 15 anni d'anticipo
Aprile 2019
Windows 10, aumentano i requisiti minimi di sistema
Mark Zuckerberg: entro cinque anni avremo due Facebook
Windows, si allunga la lista di antivirus che bloccano il Pc
Aspen, il browser per navigare in sicurezza secondo Avast
Ex studente distrugge i computer della scuola con un USB killer
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Tutti gli Arretrati


web metrics