Backup, la fiducia nel cloud è ancora bassa

Eccessiva invece l'aspettativa in Office 365.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-04-2019]

backup

Nonostante il boom di progetti di trasformazione digitale che comportano la produzione e la conservazione di dati come mai in passato, le aziende EMEA non approfittano abbastanza dei benefici del backup in cloud, continuando a fidarsi troppo dei fornitori di piattaforme, come ad esempio Microsoft, per la protezione dei propri dati.

E' quanto emerge da un nuovo EMEA nei confronti del backup e del ripristino dei dati.

Sempre più dati da proteggere

Le aziende moderne si riconoscono per la loro natura distribuita: non è quindi una sorpresa scoprire che la grande maggioranza degli intervistati afferma di dovere effettuare il backup di 1-5 siti. Leggermente più illuminante il fatto che l'8% degli intervistati effettua il backup di oltre 26 siti. Ciò dimostra sia la quantità e complessità dei dati che gli amministratori dei backup devono gestire, sia il fatto che il supporto multisito sia essenziale per molte delle aziende alla ricerca di un fornitore di backup.

Si aggiunga a questa complessità l'estrema varietà di sistemi e software che le organizzazioni europee devono proteggere mediante il backup. I tipi di dati più citati sono le email (76%), i database (94%) e i dati applicativi proprietari (66%), mentre sul fronte delle infrastrutture è stato citato un gran numero di sistemi: Windows Servers, File Server, Linux Server, VMware, Hyper-V e Desktop/Laptop. Una buona visibilità sull'ambiente IT è importante per ogni amministratore dei backup e, di conseguenza, un unico fornitore fidato capace di supportare tutti i tipi di dati e sistemi è un'opzione vista con estremo favore.

Con una tale quantità di siti e sistemi da proteggere mediante backup, sembra che le organizzazioni EMEA non possano permettersi downtime o violazioni, ritenendo questo aspetto più importante dei costi e del supporto. Per quanto riguarda le funzioni, secondo gli intervistati la stabilità del prodotto è la caratteristica più importante, seguita dal ripristino file-based, la possibilità di proteggere tutte le componenti dell'ambiente IT (comprese quelle virtuali, fisiche e SaaS), il costo e il supporto tecnico.

Per molte aziende il cloud è il limite

Poiché la crescita del cloud non mostra segni di rallentamento, è sorprendente scoprire che la maggioranza delle aziende EMEA (64%) dichiara di non effettuare backup nel cloud. E solo il 57% degli intervistati pensa sia "importante" o "molto importante" essere in grado di replicare i backup tra siti o nel cloud.

Le buone pratiche suggeriscono che le organizzazioni dovrebbero effettuare i backup secondo la regola del 3-2-1: almeno tre copie in due diversi formati con una copia archiviata offline. Il malware, ransomware compreso, spesso attacca i server di backup e può diffondersi nei domini logici; pertanto, è vitale che le organizzazioni conservino una copia sicura e "isolata" dei propri dati per fini di disaster recovery. Per questo il cloud rappresenta una soluzione relativamente semplice.

Forse si tratta di fiducia nel cloud e, in effetti, tra le organizzazioni che usano il cloud per il backup, il cloud privato è la scelta più popolare (32%). L'idea che i cloud pubblici come AWS e Azure e i fornitori di backup terze parti siano in qualche modo meno sicuri, alla fine lascia le aziende più esposte se la scelta è di non fare backup nel cloud.

Fiducia eccessiva in Office 365

Se, da un lato, le organizzazioni affermano di non avere piani per la migrazione su cloud pubblici delle proprie applicazioni (51%) o servizi file (57%), dall'altro l'atteggiamento cambia quando si parla di email: qui la maggioranza (59%) dice di avere già effettuato, avviato o pianificato la migrazione. Office 365 sembra la scelta preferita dal 60% delle imprese. Ma c'è un problema: il 41% degli intervistati afferma di non utilizzare alcuna soluzione di terze parti per il backup dei dati Office 365, ritenendo che Microsoft offra tutto il supporto necessario.

Sondaggio
Che rapporto hai con il backup? Con che frequenza lo fai?
Ogni giorno
Ogni settimana
Solo una volta al mese
Quando mi ricordo
Praticamente mai

Mostra i risultati (1787 voti)
Leggi i commenti (22)

Questo è un problema perché, in realtà, Office 365 non offre il tipo di supporto al backup che molte organizzazioni richiedono. Per le email cancellate, ad esempio, esiste solo un cestino che si svuota ogni 93 giorni - non sufficienti a rigore di GDPR in caso di problemi seri. La legge impone che le aziende siano in grado di "ripristinare tempestivamente la disponibilità e l'accesso ai dati personali in caso di incidente fisico o tecnico". Per questo è necessario che le aziende rafforzino urgentemente le proprie implementazioni con una soluzione di terze parti per il backup cloud-to-cloud.

Cosa significa tutto ciò?

È chiaro che le organizzazioni EMEA vivono un conflitto. Da un lato vogliono fare il backup di una grande varietà di dati e di sistemi distribuiti in più siti. Dall'altra sono riluttanti a investire in soluzioni di backup nel cloud che potrebbero offrire un'alternativa economica, efficace e semplice per garantire sia la disponibilità sia la compliance. Purtroppo, molti credono che Office 365 offra in modo nativo una soluzione completa e sicura di backup, ma è una convinzione che potrebbe avere pesanti conseguenze in caso di incidente serio.

La risposta consiste nell'adottare soluzioni di cloud backup, che possono aiutare a seguire le buone pratiche di settore in tema di risk management. Le soluzioni di terze parti possono offrire backup cloud-to-cloud per gli ambienti Office 365. Dedicando del tempo allo sviluppo di una strategia coerente di backup e scegliendo un unico fornitore fidato in grado di gestire tutti i tipi di dati e di fonti, i responsabili IT potranno mitigare efficacemente i rischi e, allo stesso tempo, supportare la crescita e l'innovazione digitale. Il giorno migliore per cominciare è il World Backup Day.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Windows File Recovery recupera i file cancellati per sbaglio

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Io passo. Sarà la mia qualifica di amministratore di reti e sistemi ma io sono per il "fai da te". :lol: Leggi tutto
21-4-2019 00:23

Il mio dentista con i soldi che chiede si potrebbe tranquillamente permettere di pagare un tecnico che gli metta in piendi un serverino di backup. Comunque IMHO trattandosi, per i soggetti in questione, di dati sensibili andrebbero conservati crittografati e fuori rete. Non ho ancora finito di leggermi il GDPR ma, sempre IMHO, solo... Leggi tutto
21-4-2019 00:20

In alternativa all'amico potrebbe essere interessante questa soluzione: Cubbit Leggi tutto
13-4-2019 13:52

Concordo su tutta la linea per quel che concerne l'utenza domestica. Però ragazzi state dimenticando qualcosa... Un piccolo dettaglio nel merito del disaster recovery. Pensate un attimo al vostro dentista. O al vostro medico di qualcosa (non lo so, non ci vado, non mi vengono in mente altre analogie) La sanità pubblica è un capitolo a... Leggi tutto
12-4-2019 22:09

Azz! Mi hai dato un'ideona! Prendo un servizio cloud, ci carico un file Offerta_Appalto_Stadio_Roma.pdf che in realtà e un eseguibile virus autoscompattante al doppio click poi vediamo l'effetto che fa come diceva il buon Jannacci. :lol: Leggi tutto
4-4-2019 23:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Compreresti un drone?
Ne ho già uno.
Sì, assolutamente!
Forse sì, ma aspetto che scendano un po' i prezzi.
No, che cosa me ne farei?
No, non ho soldi da buttare per un apparecchio inutile.
No, non voglio contribuire a riempire il cielo di schifezze.

Mostra i risultati (2574 voti)
Agosto 2020
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Tutti gli Arretrati


web metrics