La criptovaluta di Facebook farà concorrenza a Apple Pay e PayPal



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-05-2019]

Facebook stablecoin pagamento

Alla fine dello scorso anno, Bloomberg rivelò che Facebook era al lavoro sulla creazione di una propria criptovaluta, denominata stablecoin.

Allora si pensava che il suo uso sarebbe stato limitato all'interno di WhatsApp, al fine di consentire agli utenti di scambiarsi somme di denaro direttamente dall'app di messaggistica.

Ora il Wall Street Journal torna sull'argomento, raccontando i progressi fatti in questi mesi e svelando come in realtà i piani del social network in blu siano parecchio più vasti.

A quanto pare, infatti, Facebook ha già iniziato a stringere accordi di collaborazione con decine di siti di e-commerce e società finanziarie: il vero obiettivo sarebbe infatti fare di stablecoin la moneta per un sistema di pagamento basato su criptovaluta tanto grande da fare concorrenza a PayPal e Apple Pay.

I dettagli su come ciò debba funzionare non sono chiarissimi, ma stando a quanto si sa ora un utente dovrebbe poter acquistare gli stablecoin su Facebook, conservandoli in un portafogli digitale.

Poi potrebbe adoperarli per trasferire somme agli amici, come si diceva già mesi fa, oppure per pagare i propri acquisti online vedendosi proporre l'opzione di utilizzare la criptovaluta di Facebook al momento del checkout tra le varie alternative oggi usuali (dal citato PayPal fino alla più tradizionale carta di credito).

Il fatto che il Wall Street Journal parli di concorrenza diretta verso Apple Pay in tutte le sue forme indica anche che gli stablecoin puntano a diventare anche un mezzo per pagare in mobilità, e non solo sul web, sfruttando il chip NFC integrato negli smartphone per i pagamenti contactless.

Sondaggio
Quali tra questi tuoi dati personali sono pubblici sui social network (chiunque può vederli e non solo i tuoi amici)?
Solo il mio nome per intero e la foto del profilo
In teoria tutto, non mi preoccupo delle impostazioni per la privacy
Nome completo, foto e post
Nome completo, foto, status, geolocalizzazioni e check-in
Non ci ho mai pensato

Mostra i risultati (1008 voti)
Leggi i commenti (12)

Inoltre, i piani prevederebbero la possibilità di ricompensare gli utenti di Facebook che visualizzino certi spot pubblicitari o compiano acquisti sulla piattaforma con piccole somme in stablecoin, facendo sì in tal modo che l'utilizzo della criptovaluta appaia accattivante.

Se Facebook riuscirà a presentare come vantaggiosa l'intera operazione, l'aver a disposizione una base di utenti composta da oltre 2 miliardi di persone (tanti sono gli utenti attivi mensilmente) potrà essere una carta importante per farne un gigante dei pagamenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

:lol: :lol: :lol:
18-5-2019 15:37

@Gladiator Comunque mi ha detto il Prof. che se #Fessbuk fa una criptovaluta gli fa causa. Vuole i diritti , dice che sul #Fesscoin ha la prior art. :lol:
18-5-2019 15:12

Altra fuffa per spennare Turkeys... @etabeta I Turkeys, come ben sai, vengono continuamente stimolati in tal senso e, proprio perché totalmente privi di senso critico e di capacità di giudizio autonomo, continuano a prendere ad esempio fessi ritardati poiché loro simili... :wink:
11-5-2019 18:43

Meglio che Zuccheroberg si dia una svegliata o continua a fare figure da pirla. :lol: Leggi tutto
6-5-2019 23:20

{utente anonimo}
Leggo spesso questa frase, in giro per il web: "Poi potrebbe adoperarli per trasferire somme agli amici". Sono su questo triste pianeta da molti decenni e non ho mai pagato un amico, né so di amici che hanno pagato altri amici. Sarà mica una delle tantissime americanate che circolano in periferia, scimmiottate dal... Leggi tutto
5-5-2019 19:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come preferiresti controllare la Tv?
Con lo smartphone
Con il tablet
Con i gesti del corpo
Con la voce
Con il pensiero
Con il telecomando

Mostra i risultati (2106 voti)
Giugno 2022
Campana a morto per Windows 8.1
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 giugno


web metrics