Chrome 76 blocca Flash e protegge la navigazione in incognito



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-07-2019]

chrome 76 incognito flash

Sono due le novità importanti che Chrome 76, l'ultima versione del browser di Google, porta con sé: il blocco di Flash per impostazione predefinita, e quello del rilevamento della modalità Incognito.

Sulla prima di queste due caratteristiche non c'è molto da dire, e probabilmente nessuno se ne lamenterà: Adobe ha intenzione di dire addio a Flash alla fine del prossimo anno, e anche Mozilla è già pronta a eliminarlo da Firefox.

Sulla seconda, invece, c'è qualche spiegazione da dare.

La modalità Incognito è nata per consentire agli utenti di navigare senza lasciare alcuna traccia delle loro attività sul PC, impedendo la conservazione della cronologia e l'impostazione dei cookie.

Alcuni utenti particolarmente intraprendenti hanno però scoperto che grazie a essa era possibile accedere ai contenuti di certi siti protetti da paywall non troppo sofisticati, evitando quindi di pagare.

Così i gestori hanno iniziato ad applicare delle contromisure: hanno scoperto che esisteva un modo per rilevare se un visitatore stesse adoperando la modalità di navigazione in incognito.

Per evitare di lasciare tracce della navigazione sul dispositivo, la modalità Incognito disabilita l'API Filesystem di Chrome: rilevando dunque l'attivazione o meno di questa API un sito può capire che modalità il visitatore stia utilizzando e agire di conseguenza.

Sondaggio
Autorizzi il browser a ottenere la cronologia dei siti Internet che hai visitato?
Ho disabilitato questa opzione
Sì, ma cancello la cronologia regolarmente
Sì, è comodo, così non devo digitare l'intero indirizzo
Non so

Mostra i risultati (2101 voti)
Leggi i commenti (17)

Tutto ciò, almeno, era possibile prima di Chrome 76. Con questa versione il cambiamento dell'API Filesystem è stato modificato e non può più essere sfruttato per rilevare la navigazione nascosta.

I paywall meno avanzati, che generalmente fanno uso di cookie e non richiedono il login da parte dell'utente, possono quindi nuovamente essere aggirati senza troppa fatica: i gestori dei siti dovranno pensare ad altri sistemi per proteggere i propri introiti.

Google si dice pronta a supportare i siti che usano questi metodi per proteggersi dalle visite "a sbafo", aiutandoli a sviluppare nuove soluzioni, ma ricorda anche che «qualsiasi sistema basato sul rilevamento della navigazione privata indebolisce i principi alla base della modalità Incognito».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Firefox, il 2021 si apre con una nuova interfaccia
Modalità incognito per i siti a luci rosse? Google e Facebook ti tracciano lo stesso
Mozilla annuncia la rimozione di Adobe Flash da Firefox
Google personalizza i risultati anche se si naviga in incognito
YouTube, arriva la modalità Incognito per difendere i segreti degli utenti
La Modalità Incognito non è poi così sicura
Adobe annuncia la morte di Flash

Commenti all'articolo (4)

Sulla dabbenaggine e, aggiungerei, anche sull'ignoranza i due pilastri base per controllare e :inc: il prossimo con il minimo sforzo e la massima resa. Leggi tutto
17-8-2019 14:41

{Chicxulub}
Questa guerra con flash è una delle tante solite rottur... pardon dei tanti fastidi che si beccano gli utenti di tutti i livelli e i programmatori idem.
5-8-2019 22:16

Da che mondo e mondo sulla dabbenaggine ci hanno sempre giocato tutti. Si perde nella notte dei tempi il detto "Quando un fesso e un furbo si incontrano, l'affare è fatto." per il furbo of course. Comunque in rete l'anonimato non esiste con nessun mezzo e in nessun modo, chi ha il potere sa e può sapere quello che vuole di... Leggi tutto
4-8-2019 12:17

{utente anonimo}
Ma quanto ci giocano tutti quanti su questa farlocca modalità incognito? In mezzo ci sono i poveri utenti, che in un mondo sempre più tecnologico possono essere presi per il bavero facendo loro credere cose che, o non sono vere, oppure sono una distorsione o una parzializzazione (e quindi una distorsione) della... Leggi tutto
1-8-2019 11:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3838 voti)
Marzo 2021
Studenti e lavoratori in smart working nel mirino dei ransomware
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 marzo


web metrics