iPhone Pro, ricarica wireless inversa e fotocamera tripla



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-08-2019]

iphone 11

Con l'avvicinarsi della fine dell'estate inizia a farsi più intensa l'attesa della nuova linea di prodotti Apple che generalmente viene svelata proprio alle porte dell'autunno.

Le indiscrezioni emerse sinora avevano già indicato che il successore dell'iPhone XS (e del XS Max) non si sarebbe chiamato banalmente iPhone 11; invece, pareva che Apple avesse deciso di optare per la dicitura iPhone Pro.

Ora Bloomberg conferma questa ipotesi, aggiungendo che gli iPhone del 2019 disporranno di un triplo obiettivo per la fotocamera posteriore (dei quali uno sarà ultra-grandangolare), proprio come ci si aspettava.

Altri dettagli che caratterizzeranno l'iPhone Pro sono un sensore migliore per Face ID e il supporto al reverse wireless charging (ricarica wireless inversa), un'opzione (già vista all'opera su alcuni modelli di Samsung e Huawei) che permette di trasformare lo smartphone in un dispositivo per la ricarica.

Se il funzionamento rispecchierà quello dei concorrenti, una volta abilitato la ricarica wireless inversa sull'iPhone Pro non bisognerà fare altro che poggiare il dispositivo da ricaricare (il quale ovviamente deve supportare la ricarica senza fili) sul retro dell'iPhone stesso, il quale provvederà a stabilire la connessione e avviare la carica.

Sondaggio
Hai dei rimpianti per la tua vita finora?
Avrei voluto vivere la vita secondo le mie inclinazioni e non secondo le aspettative degli altri.
Ho fatto l'amore meno di quanto mi sarebbe piaciuto.
Non avrei voluto lavorare così duramente.
Ho viaggiato meno di quello che avrei voluto.
Avrei voluto avere il coraggio di esprimere di più alcuni miei sentimenti.
Avrei voluto restare di più in contatto con i miei amici e di chi mi ha voluto bene.
Ho guadagnato meno soldi di quanto avrei desiderato.
Avrei voluto consentirmi di essere più felice.

Mostra i risultati (2652 voti)
Leggi i commenti (27)

Voci non ancora confermate parlano poi di un abbandono della tecnologia 3D Touch, sostituita dall'Haptic Touch già visto all'opera sull'iPhone XR mentre pare certa la sostituzione del vecchio caricabatterie da 5 Watt con un più rapido caricabatterie da 18 Watt.

L'espressione iPhone 11 non però lasciata cadere completamente. Secondo Bloomberg sarà invece usata per il successore dell'iPhone XR, la versione a basso costo (per gli standard di Apple, almeno) dello smartphone con la mela morsicata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Così, almeno, quando una batteria esplode, esplode come si deve e a ragione... :umpf: Per il resto meglio lasciar perdere, i telefoni che hanno la crisi d'identità come fotocamera proprio non li sopporto, costano un'enormità e non sostituiscono affatto nemmeno una fotocamera entry level almeno come usabilità. Leggi tutto
26-8-2019 12:02

Questa frenesia nel rilasciare nuove versioni con caratteristiche sempre diverse, da un certo punto di vista è interessante. Significa che la tecnologia è talmente matura che non c'è più bisogno di fare lunghi studi per incorporare questa o quella soluzione in qualcosa di funzionante e sicuro. (Oddio: funzionante e sicuro è un ossimoro,... Leggi tutto
23-8-2019 23:16

Sono al panico e pur di colpire polli stanno sparando alla cieca e all'impazzata. Facessero un modello funzionale con il giusto rapporto qualità prezzo anziché 56 modelli e poi dover abbattere il prezzo perché non ne vendono. :roll:
23-8-2019 20:06

{byrne}
Ormai gli smartphone sono videocamere dotate di grande schermo e sistema operativo. Una qualunque fotocamera da 200 euro fa foto e video migliori di un altrettanto qualunque smartphone. Abilissima ipnosi di massa.
23-8-2019 17:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1917 voti)
Settembre 2019
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Bug negli iPhone, ritorna il jailbreaking
Windows 10, errori nel patch Tuesday di agosto
Tutti gli Arretrati


web metrics