Selfie: quali sono in e quali out nel 2019

Labbra a becco d'anatra, selfie in bagno, gesti fuori luogo, acchiappalike, con gli animali...



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-09-2019]

selfie

Facciamo il punto sulle modalità delle fotografie social per eccellenza, i selfie, per dare alcuni semplici consigli e renderli ricordi veramente indimenticabili. Oltre a suggerire i nuovi trend, eccovi alcune riflessioni sui do's e dont's dei selfie, prestando attenzione anche a cultura e leggi del Paese che ci ospita.

Duck Face, addio!

La celebre posizione delle labbra a becco d'anatra (o quelle a c..o di gallina), diventata nota nel cult movie Zoolander, volge al suo ultimo capitolo e le espressioni del volto naturali saranno le vere protagoniste dell'estate.

Spazio quindi a sorrisi, espressioni di stupore o tristezza invece dell'artefatta duck face. Le espressioni facciali non sono determinate dalla cultura o dalle tradizioni locali ma fanno parte di un linguaggio universale, come detto già negli anni '50 dal famoso psicologo statunitense Paul Ekman, che aveva condotto uno studio su persone appartenenti a 21 culture differenti.

I #bathroomselfie virali

Se la sfera privata non esiste più, è proprio il bagno ad aggiudicarsi il primo posto tra le location preferite per i selfie. Sono davvero tantissimi gli influencer e gli utenti che si autoritraggono con l'hashtag #bathroomselfie, soprattutto negli eleganti bagni degli hotel con specchi incastonati in cornici illuminate da effetto WOW.

Non scomodiamo i grandi autori

Chissà come avrebbero reagito James Joyce o Marcel Proust se avessero visto le loro frasi più celebri a corredo di selfie provocanti. Pensiamo al buon gusto e chiediamo ai selfie-addicted di evitare di scomodare i grandi del passato.

Attenzione ai gesti off limits

Sui social la consapevolezza di essere sotto gli occhi di tutti è fondamentale! Sono tanti gli influencer che hanno perso follower in poco tempo a causa di un classico caso di lost in translation, cioè incomprensioni dovute all'appartenenza a culture differenti. Prima di scattare e postare bisogna stare attenti ai gesti.

Ad esempio, il classico segno delle dita V con il dorso della mano a favore di camera, un must per gli appassionati della moda giapponese Kawaii non è ben visto da inglesi e australiani che lo considerano offensivo. Anche il semplicissimo ok fatto con la mano per indicare approvazione, in Brasile e Russia assume un'accezione negativa, mentre in Francia indica una persona che vale zero.

Sondaggio
Hai ricevuto un messaggio da un amico su un social network. Il tuo amico ti invita a fare click su un link e a mettere ''mi piace'' ad alcune foto. Cosa fai?
Certo! Me lo chiede un amico
Gli chiedo di darmi qualche informazione in più sulle foto. Se mi risponde, faccio click sul link
Sposto il messaggio nella cartella spam e blocco il mio amico

Mostra i risultati (1097 voti)
Leggi i commenti (12)

Selfie acchiappa-like... con gli animali

Se durante tutto l'anno il gatto si conferma il re indiscusso dei selfie su Instagram, nel periodo estivo e in vacanza guadagnano like anche altri animali, come il quokka, il piccolo marsupiale dall'espressione sorridente, appartenente a una specie protetta che vive su un'isoletta australiana.

Ci sono però animali con cui è severamente proibito farsi i selfie, sia per l'incolumità dell'animale sia dell'autore stesso. Prestare la massima attenzione: in fin dei conti, i like non sono tutto!

Le grandi opere d'arte, dove selfie e foto sono banditi

La lista dei luoghi in cui per diversi motivi vige il divieto di scattare foto è lunga e talvolta ricca di sorprese. Musei e grandi monumenti in primis proibiscono l'utilizzo di smartphone e fotocamere per proteggere le opere d'arte, ma anche luoghi di culto e perfino noti parchi divertimenti hanno messo al bando l'utilizzo dei selfie-stick. Meglio verificare prima e informarsi: un classico tramonto sarà sempre una valida e vincente alternativa!

L'analisi è stata condotta in collaborazione con Wiko, brand franco-cinese di telefonia che si definisce "portavoce del lusso democratico".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Giustissimo preoccuparsi dell'incolumità dell'animale che non ha scelta in questi casi ma, per ciò che riguarda l'autore, non mi preoccupo affatto, al massimo ci troveremmo di fronte a casi di selezione naturale: i più stupidi non sono sufficientemente attrezzati per sopravvivere. :wink: Leggi tutto
5-9-2019 18:40

@Ruz Francamente non saprei dire se sia il migliore per tutti ma, per molti, è sicuramente il più adeguato. :lol:
5-9-2019 18:37

{Ruz}
I selfie al cesso sono il degrado. Ma di tutti i posti dove potresti ritrarti, siamo sicuri che il cesso sia proprio il migliore?
2-9-2019 15:23

Solo una precisazione: "Musei e grandi monumenti in primis proibiscono l'utilizzo di smartphone e fotocamere per proteggere le opere d'arte" No, è proibito l'uso del flash (allo xeno) per proteggere le opere d'arte, e di smartphone e fotocamere per proteggere il portafogli del museo...
2-9-2019 14:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1938 voti)
Dicembre 2019
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Tutti gli Arretrati


web metrics