Casa Pound e Forza Nuova oscurati su Facebook e Instagram

Facebook decide di chiudere le loro pagine per istigazione all'odio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-09-2019]

Casapound cartelloni

Casa Pound e Forza Nuova, due movimenti politici dichiaratamente neofascisti, sono stati oscurati su Facebook e Instagram; oltre alle pagine ufficiali di queste organizzazioni, molti profili di dirigenti e militanti sono stati chiusi.

La decisione è stata presa da Facebook (che possiede anche Instagram) perché ha ritenuto pericolose le organizzazioni che predicano l'odio e la violenza razziale e politica.

La pagina Facebook di Casa Pound, un nome contestato anche dalla figlia stessa di Ezra Pound, aveva 280mila iscritti, molti di più dei voti raccolti nelle ultime elezioni dalle sue liste: circa lo 0,1% dell'elettorato. Come noto, questi voti non sono stati sufficienti per eleggere alcun rappresentante in Parlamento, tanto da far decidere ai suoi responsabili di non presentare più liste ma di rimanere come movimento fuori dalle istituzioni.

Casa Pound finora non è mai stata sciolta dalle autorità governative, né di centrosinistra né di centrodestra, come organizzazione terroristica o pericolosa per l'ordine pubblico. Nemmeno è mai stata oggetto di un provvedimento di scioglimento da parte dell'autorità giudiziaria perché ritenuta colpevole di ricostituzione del partito fascista o come organizzazione razzista.

Personalmente non vedo positivamente provvedimenti che limitino la libertà di espressione, anche da parte di organizzazioni politiche con cui non condivido nulla e che considero profondamente in errore, anche se lontane e opposte ai principi costituzionali.

Avrei preferito che Facebook colpisse e oscurasse i singoli post che violassero palesemente la policy del social network, anziché la messa al bando in toto delle pagine delle organizzazioni e del profilo dei dirigenti.

Sondaggio
Secondo te, come bisogna definire chi commette intrusioni informatiche?
un hacker
un cracker
un grissino

Mostra i risultati (4394 voti)
Leggi i commenti (108)

Bisogna però dire che Facebook non è lo Stato e nemmeno la Rai; non deve garantire per legge un servizio pluralistico. Si tratta di un servizio gratuito offerto da una società privata: chi decide di usarlo accetta anche la sua policy interna. A giudicare è lo stesso Facebook: non esiste alcun un diritto di essere sempre e comunque presenti su Facebook.

In una società fascista come quella che vorrebbe costruire Casa Pound, non ci sarebbe posto per Facebook come lo conosciamo; anzi, non sarebbe mai nato. Facebook vede la luce in una società nordamericana, impregnata di quei valori liberali che Casa Pound aborre. Facebook nasce negli USA che sconfissero il fascismo, in una società capitalistica e di mercato molto diversa dagli ideali corporativi e statalistici dei neofascisti.

Casa Pound non è stata molto coerente a voler stare su Facebook e ora lamentarsi che sia una multinazionale mi sembra un po' tardivo, oltre che ipocrita.

Anche rivolgersi contro la decisione di Facebook a una magistratura che più volte si ha insultato e si ha definito venduta, è abbastanza incoerente. Ma così è.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 56)

Porterà ad un Governo di una vera maggioranza, quello che la maggioranza dei cittadini sceglierà. Purtroppo o per fortuna in una vera democrazia vince la maggioranza, è insito nella democrazia stesa, gli altri purtroppo si devono adeguare anche se l'essere sore losers pare un problema globale, vedasi Corbyn in #Inghilterrarra. Perché... Leggi tutto
16-9-2019 08:00

Staremo a vedere. Ci sono i malcontenti sia del PD che dei 5S. Ognuno tira acqua al proprio mulino, ma farlo troppo presto porterebbe al voto, e probabilmente ad un governo di centro destra. Leggi tutto
15-9-2019 22:53

E questo significa cosa? Le escort in borghese ci sono da sempre sui social, in stati dove la donna se non è una coniglia sforna bebè, fa parte dell'harem, ci sta eccome. Un po' come da noi, il detto o sposa o tro**a. Tutto il mondo è paese. Leggi tutto
15-9-2019 22:49

Giuro che non gli dico niente ma se lo impara il Prof. che l'hai plagiato... :lol: Anche se visto l'aiuto nella redazione del suo libro non credo se le prenderebbe. :D Leggi tutto
15-9-2019 21:12

E nel caso qualcuno si esprima male dovrebbe esserci la magistratura in uno Stato Democratico non Fessbuk IMHO Perché la Legge vale anche su internet anche se la intangibilità del mezzo rende difficoltoso a molti capirlo. Finita la precisazione.... :ola: :ola: :ola: Leggi tutto
15-9-2019 21:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2248 voti)
Settembre 2019
Gli utenti hanno il diritto di rivendere i giochi comprati su Steam?
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati


web metrics