Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva

Davvero Renzi pensava a uscire dal PD sin dai primi di agosto?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-09-2019]

matteo renzi dominio italia viva

Con la nascita di Italia Viva, la nuova formazione politica di Matteo Renzi, è nata anche una polemica legata all'esistenza dei domini web Italiaviva.eu e Italiaviva.org.

Alcuni quotidiani, come Il Foglio, hanno fatto qualche ricerca, evidentemente non troppo approfondita, scoprendo che quei domini erano già stati registrati lo scorso 9 agosto.

Hanno così concluso che Renzi preparava la scissione dal PD fin da prima della caduta del governo Conte 1, e s'era quindi mosso per tempo anche sul fronte del web.

In realtà, scavando un po' di più si scopre che non è stato Matteo Renzi a effettuare la registrazione dei domini: d'altra parte all'inizio di agosto non poteva aver già deciso l'uscita dal Pd e la fondazione di un suo nuovo partito personale determinante per le sorti del Governo Conte 2, la cui esistenza inizialmente non era nemmeno certa.

I domini "Italia Viva" sono stati registrati da Alessandro Risso di Torino, Presidente dell'Associazione Popolari del Piemonte.

L'origine politica di Alessandro Risso è la stessa di Renzi: un percorso che va dalla DC al PP passando per il Partito Popolare e la Margherita.

Sarà forse stata colpa di questa comunanza se questo molti giornalisti hanno pensato che Alessandro Risso fosse un prestanome, magari un renziano incaricato della registrazione.

Risso però non è mai stato renziano e non ha mai votato per lui nelle varie primarie del Pd: ha invece votato - e motivato pubblicamente le sue ragioni - «No» al referendum sulla riforma della Costituzione, il cui insuccesso ha causato le dimissioni di Renzi da premier.

Risso è inoltre effettivamente interessato a verificare le condizioni per avviare un soggetto politico di ispirazione popolare, ma completamente diverso e alternativo al partito di Renzi e della Boschi. Aveva pensato al nome Italia Viva perché anni fa aveva partecipato alla costituzione di una lista per il Comune di Ciriè, dal nome «Ciriè Viva».

Quindi, Renzi avrà anche progettato la sua fuoriuscita dal PD da tempo, ma il dominio Internet non c'entra nulla: infatti è stato costretto a registrare Casa Italia Viva dopo l'annuncio ufficiale del lancio del partito.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Renzi con Tim fece lo stesso di Conte con Autostrade
La proposta minima di democrazia elettronica a Roma
Quei titoloni su Draghi, Renzi e Monti ''hackerati'' sono una bufala
D'Alema-Colaninno e Renzi-Enel sulla vicenda Telecom Italia
L'amico di Renzi alla sicurezza informatica

Commenti all'articolo (5)

:cappello:
5-10-2019 18:54

ari-concordo
5-10-2019 18:46

Aggiungo che, ora che ha capito di aver toppato i tempi, sta lavorando contro il suo ex partito ed i suoi alleati con il massimo dell'astio e della prosopopea per affossarli il più possibile e, di contralto, togliere voti anche a ciò che resta del partito del berlusca.
5-10-2019 14:08

Concordo con Gladiator.
29-9-2019 19:29

A prescindere da questa notizia resto comunque certo che il berlusconino meditava la sua fuoriuscita dal PD da tempo, alla fine ha colto il momento che, a suo giudizio, gli dovrebbe garantire il massimo del risultato... vedremo.
28-9-2019 15:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1287 voti)
Dicembre 2019
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Tutti gli Arretrati


web metrics