Google Chrome mette fuori uso i Mac



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-09-2019]

mac chrome riavvio

Non è solo Microsoft ad avere qualche problema con gli aggiornamenti: anche Google, ogni tanto, ci mette del proprio.

Il caso di cui stiamo parlando ha fatto particolarmente clamore perché ha coinvolto diversi studi cinematografici, compresi alcuni grandi nomi di Hollywood, dove una parte del lavoro viene effettuata con i Mac Pro di Apple; il problema può però coinvolgere tutti i Mac.

Ebbene da qualche giorno su quei computer ha preso a verificarsi uno strano e preoccupante fenomeno: è diventato impossibile riavviarli e, in qualche caso, sono state anche registrate corruzioni di dati quando è stato forzato lo spegnimento.

Inizialmente si era sospettato che il problema fosse legato a Media Composer, un software di video editing professionale prodotto da Avid, ma poi la vera causa è stata scoperta: è tutta colpa di Chrome.

In certe condizioni l'aggiornamento del browser di Google, che viene gestito e installato da un programma di update dedicato, causa la corruzione dei file di sistema di macOS, posto che la versione di questo sia la 10.9 o successiva: è questo a impedire il reboot.

Non capita sempre, però, ma solo sui quei computer su cui sia stata disattivata la System Integrity Protection (SIP), una funzione di macOS che si occupa proprio di evitare danni ai file di sistema.

Se SIP è spesso disattivata nei computer usati dagli studi cinematografici è perché alcuni software, come il già citato Media Composer, lo richiedono per questioni di compatibilità con certe schede audio e video. In questo modo, però, il sistema operativo perde una protezione importante e le conseguenze, come dimostra il caso recente, possono essere molto gravi.

Gli utenti comuni probabilmente hanno poco da temere, dato che per lo più non c'è ragione di disabilitare SIP; chi però lo facesse, e allo stesso tempo usasse Chrome, si troverebbe davanti agli stessi guai degli studi di Hollywood.

Google ha dal canto proprio fatto sapere che sta indagando sulla questione, ha bloccato la distribuzione dell'aggiornamento e presto rilascerà una versione corretta.

Ciò sarà di scarsa consolazione per chi già si dovesse trovare con un Mac inutilizzabile. Questi ha solo una via per risolvere: riavviare in modalità di recupero, avviare un terminale e dare i comandi che riportiamo qui di seguito.

- chroot /Volumes/Macintosh\ HDt
- rm -rf /Library/Google/GoogleSoftwareUpdate/GoogleSoftwareUpdate.bundle
- mv var var_back
- ln -sh private/var var
- chflags -h restricted /var
- chflags -h hidden /var
- xattr -sw com.apple.rootless "" /var

Alla fine, bisogna riavviare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il designer dell'iPhone (e dell'iMac) lascia Apple
Svelato il Mac Pro 2019, con CPU Xeon fino a 28 core
Microsoft: chi compra un Mac spende inutilmente di più

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1421 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics