Falla in Windows, un altro WannaCry in arrivo?

Per il momento non c'è alcuna patch.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-03-2020]

windows falla smb3 worm wannacry

Il Patch Tuesday di marzo è appena trascorso ma già si parla di una seria vulnerabilità nell'implementazione di Windows della versione 3 del protocollo Server Message Block (Smb).

Non si tratta soltanto di voci: Microsoft ha rilasciato uno scarno comunicato in cui fa sapere di essere a conoscenza della falla, per la quale ancora non esiste una patch.

La stessa pagina indica alcuni accorgimenti che si possono mettere in atto per mitigare il problema, per lo meno fino alla pubblicazione di una correzione.

Il problema si verifica a seguito di un errore nella gestione, da parte di SMBv3, di certi pacchetti compressi: questi possono essere usati per sfruttare l'errore in questione ed eseguire codice da remoto con tutti i diritti dell'applicazione alla quale i pacchetti stessi sono destinati, senza bisogno di alcuna autenticazione.

La vulnerabilità è sicuramente presente in tutte le edizioni di Windows 10 1903 e 1909. Dato che SMBv3 è stato introdotto sin dal 2012, è possibile che anche versioni più vecchie come Windows 8 e Windows Server 2012 siano affette.

La situazione può rivelarsi particolarmente grave perché, come spiegano gli esperti di Cisco, «lo sfruttamento di questa falla apre i sistemi a un attacco wormable, ossia che può spostarsi facilmente da una vittima all'altra».

Sebbene per il momento manchino molti dettagli sulla vulnerabilità, e pertanto sia difficile indicare uno scenario preciso, molti esperti hanno già ipotizzato il verificarsi si una situazione simile a quella creata da malware come WannaCry, NoPetya ed EternalBlue, con il corollario di guai che a suo tempo essi hanno causato.

Per scongiurare tale evenienza, aziende come Cisco consigliano di disattivare la compressione SMBv3 e di bloccare la porta TCP 445 sui computer client.

Al momento non esistono ancora attacchi che sfruttano la falla, né proof-of-concept, ma a questo punto è soltanto questione di tempo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Quando un attacco informatico causa scottature: cryptojacking
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
La NSA: fate come dice Microsoft e installate la patch per EternalBlue
Petya, oltre al danno la beffa: i dati non si recuperano
WannaCry/WanaCryptor, attacco ransomware planetario

Commenti all'articolo (5)

Oppure basta tenere Seven, se si usa Windows, e il problema non c'è... :wink:
12-4-2020 14:45

Serve a questo: link[/url] In questi casi basta attendere pochi giorni, queste falle vengono risolte con nuovi aggiornamenti di sistema. [url]https://www.zeusnews.it/n.php?c=27945 Leggi tutto
17-3-2020 01:02

Un altra vulnerabilità, studiata ad arte per conto di NSA che scappa on the wild. Che problema cè? quando mai microsoft ha pagato qualcosa per le enormi falle dei suoi prodotti?
13-3-2020 15:17

{Luipez}
Che problema comporta la disattivazione di Smbv3?
12-3-2020 14:44

ma non dovrebbero essere annunciato dopo risolti i buchi del genere?
12-3-2020 13:03

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (2040 voti)
Aprile 2021
Windows 10, la Timeline perde la sua funzione più utile
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 aprile


web metrics