Netflix, gli account dormienti saranno cancellati



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-05-2020]

netflix cancella account dormienti

La motivazione ufficiale è un gesto altruistico o, quantomeno, di attenzione verso i propri utenti: far risparmiare loro del denaro.

Netflix ha annunciato che procederà alla cancellazione di tutti gli account "dormienti", ossia che non sono stati usati per un certo periodo di tempo pur risultando ancora attivi e per i quali, di conseguenza, i titolari pagano ancora l'abbonamento mensile.

«Chiederemo a chiunque non abbia guardato alcunché su Netflix per un anno dal momento in cui ha attivato l'abbonamento di inviare una conferma qualora voglia mantenere la sottoscrizione» ha spiegato l'azienda. «E faremo lo stesso per coloro che hanno smesso di guardare i nostri contenuti per più di due anni».

Il messaggio da Netflix apparirà come notifica all'interno dell'app ma arriverà anche via email nella casella di posta indicata al momento della registrazione.

«Se [gli utenti dormienti] non confermeranno che vogliono mantenere la sottoscrizione, cancelleremo automaticamente l'abbonamento» conclude Netflix.

I vari dati associati non verranno però eliminati immediatamente. Se qualcuno di quanti saranno cancellati vorrà in seguito riattivare il proprio abbonamento potrà farlo e ritroverà i propri contenuti preferiti, i profili e le preferenze, ma solo se ritornerà a utilizzare Netflix entro 10 mesi dalla cancellazione dell'abbonamento.

Trascorso quel periodo, tutti i dati saranno cancellati per sempre.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Questo significa che non si leggono mai l'estratto conto della carta di credito allora, mi sembra un comportamento quantomeno assai superficiale per non dire qualcosa di offensivo... In effetti piacerebbe anche a me conoscere le percentuali... Leggi tutto
13-6-2020 18:36

{Ruzzolo}
Sarei curioso di capire quanti sono, in percentuale.
25-5-2020 18:13

Ovviamente è più una mossa pubblicitaria gratuita per Netflix che altro, tuttavia mi pare una buona cosa lo stesso. Immagino che ci sia più di qualcuno ad avere addebiti automatici sulle carte di credito che poi si dimenticano di disdire. Specie quando si tratta di piccole cifre come nel caso di Netflix.
25-5-2020 12:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la cosa più importante per te in un sito Internet?
Estetica
Interattività
Contenuti
Usabilità
Gratuità

Mostra i risultati (2782 voti)
Dicembre 2021
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 6 dicembre


web metrics