Arriva Edge, e i computer rallentano

Il nuovo browser sembra anche poco rispettoso della privacy.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-07-2020]

edge computer rallentamento preferiti

Se siete utenti di Windows 10 (o, per lo meno, di una delle versioni supportate) in questi giorni Windows Update ha iniziato a proporvi un particolare aggiornamento: quello che installa il nuovo Edge basato su Chromium.

Anche se non ha fatto gridare nessuno al miracolo, la reincarnazione di Edge ha raccolto finora pareri sostanzialmente positivi e promette prestazioni migliori dei concorrenti.

Tuttavia qualche problema c'è: da un lato, l'aggiornamento che lo consegna agli utenti non è perfetto; dall'altro, pare che il nuovo browser inizi la propria esistenza andando a mettere le mani là dove non dovrebbe.

L'update in questione porta il codice KB4559309 e, per diversi utenti, è tutt'altro che benvenuto: molti hanno preso a segnalare come, dopo la sua installazione, il computer sia diventato inspiegabilmente più lento, addirittura «lento in modo insopportabile».

C'è chi ha rilevato tempi di avvio triplicati, chi ha notato un sensibile ritardo nell'avviare le applicazioni e chi ha dovuto rassegnarsi ad attendere parecchi secondi - se non minuti - prima che un comando venga eseguito.

Microsoft, per ora, non ha riconosciuto la presenza di problemi: a mano a mano che l'update si diffonderà l'eventuale aumento delle segnalazioni permetterà di capire se si tratti davvero di malfunzionamenti legati all'aggiornamento o se invece si tratti soltanto di coincidenze.

La seconda questione che gli utenti di Microsoft Edge si trovano ad affrontare non ha niente a che fare con bug o errori: sembra essere figlia di un comportamento predefinito.

Sebbene sia infatti normale che, all'atto dell'installazione, un browser chieda all'utente se questi voglia che vengano importate le impostazioni da altri browser (preferiti, password e via di seguito), Edge effettua l'importazione prima ancora di domandare il permesso.

L'installazione di Edge fa in effetti apparire la schermata con la richiesta, ma l'operazione inizia anche senza il consenso dell'utente, come alcune segnalazioni su Reddit dimostrano.

Considerata l'attenzione che di questi tempi viene rivolta alla tutela della privacy, quello del browser di Microsoft è davvero un passo falso, ma la questione non si limita a questo aspetto.

Dato che nessuno può mettere il naso nel codice di Edge (così come di qualsiasi altro prodotto closed source), chi assicura gli utenti che non avvenga altro a loro insaputa?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Oso sperare che all'utente sia lasciata l'opzione di disinstallare il browser nel caso in cui si evidenzi qualcuno dei problemi segnalati e in attesa che M$ si degni di riconoscerli e risolverli... Leggi tutto
19-8-2020 16:24

{Archimendez}
Ma ancora date spazio a windows? Ma non siete almeno stanchi di usarlo?
1-7-2020 08:24

{borderline}
"a mano a mano che l'update si diffonderà l'eventuale aumento delle segnalazioni permetterà di capire se si tratti davvero di malfunzionamenti legati all'aggiornamento o se invece si tratti soltanto di coincidenze". Quindi gli utenti con problemi dovranno aspettare ad usare il computer fino a quando... Leggi tutto
30-6-2020 20:29

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi i motori di ricerca soprattutto per approfondire quello che hai...
... letto sui social network
... sentito alla radio
... ricevuto sul cellulare (Sms/Mms)
... letto su giornali o riviste
... visto in Tv
... visto per strada
... passaparola

Mostra i risultati (1148 voti)
Febbraio 2023
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 6 febbraio


web metrics