Arrestato per recensioni online negative di un albergo



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-10-2020]

seaview

Le parole sono pietre, si dice spesso, ma in alcuni casi le parole sono manette. Una persona è stata arrestata in Thailandia per una recensione di un albergo su TripAdvisor, ritenuta diffamatoria.

Wesley Barnes, un cittadino americano che lavora in Thailandia, ha postato su TripAdvisor diverse recensioni negative del Sea View Resort, sull'isola di Koh Chang, dove era stato di recente.

L'albergo ha avviato una causa per diffamazione, che è culminata in una "sessione di mediazione", supervisionata dalla polizia, al termine della quale l'hotel ha dichiarato che ritirerà la propria azione legale se il signor Barnes farà una dichiarazione di scuse all'albergo e all'ente turistico thailandese e darà spiegazioni all'ambasciata statunitense.

Il recensore improvvisato rischiava fino a due anni di carcere sulla base delle leggi locali contro la diffamazione, che sono piuttosto severe.

Insomma, valutate bene il contenuto delle vostre recensioni online, perché possono costarvi caro e rovinare una vacanza. E anche senza arrivare a questi estremi, una serie di recensioni negative fasulle può causare fortissimi danni a qualunque albergo, in un momento in cui il settore turistico è particolarmente sofferente.

Fonte: BBC.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (5)

Titolo fuorviante, nel testo spiega che le recensioni violavano le locali leggi sulla diffamazione, sarebbe stato interessante leggerle per capire se avrebbero violato anche le nostre, di leggi. Perché anche qui puoi scrivere che in un ristorante non t'è piaciuto lo spezzatino, ma se scrivi che era fatto con carogne di cani putrefatte... Leggi tutto
13-10-2020 05:04

{Gabriella}
Ehh ne ho avuti di amare sorprese con certi hotel e centri termali, negli ultimi tempi, ma non ho nemmeno visitato il sito, io faccio una croce sopra e diffondo a voce se posso. Tra l'altro hanno i tuoi dati. E' una cavolata il voto di gradimento. E le recensioni dovrebbero essere incanalate solo all'hotel, non... Leggi tutto
11-10-2020 18:48

La moda delle recensioni on line si sta rivelando dannosa per tutti. La colpa è di chi gestisce i siti, a cui importa solamente di avere più visualizzazioni possibile in modo da guadagnare di più con la pubblicità, se le recensioni sono vere o false per loro è uguale. Adesso, dopo innumerevoli disastri causati, hanno finto di mettere un... Leggi tutto
10-10-2020 17:52

{Marco}
Recensite dopo essere tornati a casa, o se proprio dovete cercare di non fare capire chi siete, ma mai recensioni false ne positive ne negative.
9-10-2020 23:08

{utente anonimo}
Ma se recensire negativamente un albergo deve essere un reato, allora lo dovrebbe esser anche lo scrivere recensioni positive false (solitamente i propietari e/o gestori degli alberghi).
9-10-2020 15:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1256 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Tutti gli Arretrati


web metrics