Tim, Vodafone e gli scioperi

I due maggiori gestori italiani di telefonia mobile hanno adottato due modalità diverse di comunicazione degli scioperi alla clientela.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-02-2004]

La legge sul diritto di sciopero nei servizi pubblici, che include anche quelli nel settore telecomunicazioni, stabilisce che, in caso di sciopero, l'azienda-datore di lavoro comunichi alla clientela la data e l'orario in cui terrà lo sciopero, la durata dell'agitazione e se ci saranno o meno servizi minimi garantiti.

Vediamo come i due maggiori gestori di telefonia mobile, cioè Tim e Vodafone, si comportano per adempiere a questo obbligo di legge, che viene affidato a loro e non ai sindacati e che prevede sanzioni economiche in caso non venga applicato, a tutela del diritto dei clienti.

Questi ultimi infatti hanno il diritto di essere adeguatamente informati, sui possibili disagi che un'agitazione sindacale può portare al funzionamento dei servizi.

In occasione degli scioperi, che i maggiori sindacati presenti in Vodafone avevano promosso, Vodafone ha acquistato dei grandi spazi sui maggiori quotidiani italiani, molto evidenti, in cui si dava comunicazione delle agitazioni e ci si scusava con i clienti.

Tim, anche nei recenti scioperi del servizio clienti 119, si è limitata a comunicati stampa affidati alla buona volontà delle redazioni di pubblicarli o meno, decidendo quale risalto dare alla notizia, che è sempre stato molto modesto quando inesistente.

In pratica Vodafone ha cercato, anche con un costo economico non indifferente la massima trasparenza mentre Tim, pur di minimizzare la protesta sindacale, non spende niente a favore dell'informazione sugli scioperi, eppure, ogni giorno inonda di Sms i suoi clienti pubblicizzando le ultime novità in fatto di servizi.

C'è da stupirsi che la competente Commissione per l'applicazione della legge, sempre pronta a multare lavoratori che violano le regole, non abbia rilevato questa incongruenza che interessa il maggiore gestore italiano dei telefonini.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (4)


Un lavoratore Tim
In Tim situazione esplosiva Leggi tutto
13-2-2004 13:51

Marcello
perché non scrivi alla Commissione...? Leggi tutto
12-2-2004 20:39

Samantha
Esiste ancora il Golden Share? Leggi tutto
11-2-2004 11:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali tra questi tuoi dati personali sono pubblici sui social network (chiunque pu˛ vederli e non solo i tuoi amici)?
Solo il mio nome per intero e la foto del profilo
In teoria tutto, non mi preoccupo delle impostazioni per la privacy
Nome completo, foto e post
Nome completo, foto, status, geolocalizzazioni e check-in
Non ci ho mai pensato

Mostra i risultati (903 voti)
Aprile 2020
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Tutti gli Arretrati


web metrics