Tutti raddoppiano l'Adsl da 256 Kbps

Dopo l'annuncio di Telecom, furbescamente molto in anticipo, anche gli altri provider si allineano.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-02-2004]

La prima a fare questa mossa è stata Telecom Italia, annunciando il raddoppio gratuito della banda per l'Adsl Alice di base (la più diffusa): Alice 256 Kbps nelle sue versioni Flat, Free (cioè senza canone), Ricaricabile, Time e 20 ore, comprese le versioni Flash (quelle con Wi-Fi domestico).

Una mossa furba, anche troppo, perché preannunciava il raddoppio della banda a partire dal 19 gennaio, mentre effettivamente (si spera) sarà messo in atto solo dal 15 marzo. In questo modo Telecom Italia ha tenuto al riparo buona parte delle sue connessioni "Alice" che alla fine dell'anno erano a rischio disdetta, e quindi a rischio di passare alla concorrenza, oltre a costituire un forte richiamo per la clientela nuova.

Si può configurare in questo annuncio un po' troppo "prematuro" una forma di pubblicità ingannevole? Probabilmente, i concorrenti citeranno Telecom davanti all'Antitrust, competente per la concorrenza e per la pubblicità ingannevole; ormai sembra che Telecom Italia ci abbia fatto il callo e non abbia grossi problemi a pagare le modeste multe.

Dal 15 marzo, invece, chi aveva aderito a un'offerta Alice 640 e Alice Flash 640 avrà automaticamente una riduzione dell'abbonamento mensile di 13 euro al mese. Il costo delle due offerte passerà a 36,95 euro per Alice 640 (invece degli attuali 49,95 euro) e a 51,95 euro per Alice Flash 640 (invece di 64,95 euro).

Anche gli altri concorrenti, però, si stanno adeguando all'offerta: per esempio Tiscali da marzo realizzerà per gli abbonati all'Adsl da 256 Kbps il passaggio a 640 Kbps, sempre senza variazioni di prezzo. Tele2 invece fa una cosa diversa: dal 12 febbraio ha ridotto la tariffa della Adsl flat a 640 Kbps, che così costa 36,95 euro, mentre mantiene l'offerta Tele2 Internet Adsl a 256 Kbps che costa 29,95 euro, decisamente la più bassa sul mercato delle Adsl Flat.

Ci sono casi diversi, purtroppo, come quello che ci segnala il lettore Bibbio che ha sottoscritto l'offerta Adsl di Aruba pagandola con rata annuale 57,41 euro al mese (un importo complessivo di 688,85 euro); due mesi dopo ha scoperto la nuova offerta a 29 euro (+Iva) mensili e ha chiesto ad Aruba un adeguamento contrattuale. Aruba ha respinto la richiesta: una mossa legittima dal punto di vista legale, ma forse non molto saggia per l'immagine dell'azienda e il rapporto con i propri clienti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 16)

Gebbraio 2 Leggi tutto
17-3-2004 09:47

PAOLO
Ma quale 640..... Leggi tutto
17-3-2004 07:17

roberto
l'alta velocità Leggi tutto
12-3-2004 16:30

pippolo
2 pesi e 2 misure Leggi tutto
4-3-2004 23:06

Davide
La mia ALICE va benissimo..... Leggi tutto
27-2-2004 15:56

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Stai installando un'applicazione. Cosa fai quanto compare il contratto di licenza?
Lo leggo attentamente e poi faccio click su “Accetto”
Do un sguardo al testo e poi accetto
Dipende dall'applicazione. A volte leggo il contratto di licenza
Non leggo mai il contratto di licenza. È davvero indispensabile?
Leggo il contratto di licenza dopo aver installato l'applicazione

Mostra i risultati (1354 voti)
Dicembre 2021
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 9 dicembre


web metrics