WinAmp e la piattaforma shoutcast

Un software free che permette a tutti di poter creare il proprio spazio multimediale di comunicazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-04-2004]

Con l'uscita di WinAmp 5 è definitivamente integrato il sistema di streaming (trasmissione dinamica di dati a flusso continuo) basato sulla piattaforma shoutcast, un piccolo plug-in per il diffusissimo lettore multimediale sempre più "multi-funzione" e sempre meno semplice "lettore".

Grazie a shoutcast, un modulo DSP (dynamic sound processing), è possibile aprire a chiunque le porte della nostra collezione musicale o più semplicemente dei nostri pensieri: le applicazioni che questo programma può avere sono limitate alla pura immaginazione. Si installa, si configura il server corredato che permette di iniziare le trasmissioni e finalmente anche noi possiamo provare il brivido di essere "on air".

Con questo fresco spirito di sperimentazione, l'Internet delle radio e delle TV basate su shoutcast sta attraversando un periodo florido di iniziative, affiancabile alla diffusione delle radio pirata italiane durante gli anni settanta. Già, "pirata", poiché ogni volta che si trasmette materiale sonoro protetto dai diritti di autore si finisce inevitabilmente nell'illegalità.

Questo rischioso aspetto della piccola rivoluzione apportata da WinAmp (che differentemente da altre piattaforme di streaming, offre gratuitamente il software necessario) non deve scoraggiare chiunque desideri trasmettere materiale proprietario oppure autoprodotto.

Così fioriscono veri e propri canali televisivi e radio in cui si può trovare di tutto: dalla musica coreana alle sperimentazioni musicali elettroniche, dalle tv in cui si dibatte di politica fino a esperimenti di voyeurismo erotico nelle spoglie di reality show casalingo.

E' necessario utilizzare il piccolo browser integrato in WinAmp per accedere alla lista completa di stazioni disponibili, dato che una volta installato shoutcast, ogni nostra trasmissione si aggiunge automaticamente alla grande lista presente sul sito di shoutcast.

Si parla di libertà di comunicazione e di monopoli mediatici: siamo sicuri che non si tratti semplicemente dei lamenti di chi si ferma alla superficialità? Con l'allargamento medio della banda disponibile all'utente medio italiano, grazie all'arrivo e alla diffusione delle tecnologie basate sullo standard ADSL, chiunque può creare dal nulla una propria radio o persino una propria televisione.

Il problema rimane sempre il solito: la diffusione. Ma grazie a propizie e mirate strategie di marketing on-line, chi può dire che i futuri magnati della comunicazione di massa non arriveranno da esperienze di streaming simili a quelle offerte da questo semplice e funzionale software?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual la cifra complessiva che spendi ogni mese per il tuo smartphone? Comprende tutto: telefonate, piano dati, Sms, rata telefono e via dicendo.
Sotto i 10 euro
Tra i 10 e i 20 euro
Tra i 20 e i 30 euro
Tra i 30 e i 50 euro
Tra i 50 e i 100 euro
Oltre i 100 euro
Non ne ho idea

Mostra i risultati (5039 voti)
Dicembre 2019
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Tutti gli Arretrati


web metrics