Il Trashware a Terra Futura

Quattro giorni di tools ed esperienze per costruire l'altro mondo possibile; anche gli operatori dell'informatica possono dire la loro, per evitare lo spreco delle risorse.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-04-2004]

Dall'1 al 4 aprile scorsi, si è svolta, alla Fortezza da Basso di Firenze, la prima edizione di Terra Futura, la mostra convegno internazionale delle buone pratiche di sostenibilità.

Più di 35 mila visitatori nelle quattro giornate di manifestazione, oltre 50 appuntamenti culturali, tra convegni, dibattiti, seminari e 400 i relatori intervenuti; più di 250 gli stand dell'area espositiva. Grande frequentazione dei convegni e folla vivace tra gli stand e gli spazi di animazione all'aperto.

In questi quattro giorni, i visitatori (tra i quali il vostro cronista) si sono interconnessi con le reti del consumo critico, il commercio equo, i gruppi d'acquisto e tutte le pratiche dal basso che cercano di ripensare il nostro stile di vita quotidiano. Attraverso "la contaminazione tra le diverse esperienze di sostenibilità sociale ed ambientale," recita il comunicato degli organizzatori, "abbiamo scoperto che vivere bene e con meno risorse è possibile a cominciare da noi stessi."

Avremo modo di affrontare, tra le tematiche qui sviluppate, quelle, numerose, che interessano ZeusNews. Per il momento mi limito a segnalare la presenza significativa del GOLEM, il Gruppo Operativo Linux di Empoli, già noto ai lettori di ZeusNews, che, insieme ad Unimondo, ai Linux User Groups della Toscana, Ingegneria senza Frontiere, Associazione Software Libero, ha presentato un laboratorio con dimostrazioni dal vivo su due temi specifici: il Trashware (di cui abbiamo già parlato) ed il Software Libero.

È stato presentato, ed è disponibile in rete, il Trashware-howto, un documento che, "basato sull'esperienza pratica del GOLEM, descrive e consiglia come affrontare una attività di recupero e riutilizzo dei computer dimessi altrimenti destinati allo smaltimento". La pratica della condivisione di conoscenze, non solo dei codici sorgente del software, attraverso lo strumento dell'"how-to", trova qui un'interessante dimostrazione pratica.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verrà individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia è diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago né l'assicurazione auto, né il canone Rai, né niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (2285 voti)
Febbraio 2020
Il primo smartphone con Windows 10
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics