Equalism: l'etica dell'altro mondo possibile

Una nuova etica, che ispiri un nuovo diritto, alla base di un nuovo mondo. Come l'Internet cambierà, in meglio, la società, la legge, l'economia. Una breve e impegnativa dissertazione liberamente scaricabile.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-07-2004]

L'Internet è forse la maggiore discontinuità tecnologica di questi ultimi caotici anni. Chi ha tentato di cavalcarne l'onda, aderendo però a schemi cognitivi tradizionali, si è scontrato con sonori fallimenti, come la new economy e la net democracy.

Nessuno, a tutt'oggi, è arrivato a comprendere la Rete in tutte le sue implicazioni politiche, sociali, economiche e legislative. Un approccio molto convincente sembra essere quello di Danilo Moi, già noto alla redazione e ai lettori di Zeus News, curatore tra l'altro, del sito attivista.com.

Nel suo lavoro "Equalism: dissertazione su una nuova etica", Danilo sostiene che occorre creare da zero un supporto etico, sociale ed economico, sconvolgendo il processo che vede l'Internet come un semplice medium, perchè essa è a tutti gli effetti un mezzo, ma anche un universo a sua volta. Un contesto complesso, insomma, virtuale e reale al contempo, con i suoi soggetti, i suoi processi di relazione, ed il suo sistema di regole che si candida a diventare la legge del mondo che verrà.

Un mondo in cui gli interessi delle multinazionali, residui di un capitalismo feudale, non hanno più fondamento su poteri reali. Un mondo in cui le relazioni tra le persone si basano su principi etici (che regolano i rapporti tra l'io e l'altro) e non su precetti morali (che regolano i rapporti tra l'io e l'io). Un mondo in cui i soggetti partecipano alla vita politica direttamente e non attraverso rappresentanti, in cui micro-comunità economiche provvedono al proprio sostentamento seguendo la logica della sostenibilità e della solidarietà.

La strada è lunga da percorrere, ma "Equalism" sembra averne tracciato la direzione.

Scheda
Titolo: Equalism
Sottotitolo: Dissertazione su una nuova etica
Autore: Danilo Moi
Editore: -
Prezzo: liberamente scaricabile in html o in pdf
Licenza: Creative Commons - Attribution - Non Commercial - Share Alike

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1255 voti)
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Tutti gli Arretrati


web metrics